Mons. Nosiglia ai fratelli e sorelle in carcere

Nelle pagine del settimanale diocesano La Voce e il Tempo del 20 dicembre viene pubblicata la lettera del Mons. Cesare Nosiglia ai detenuti del carcere Lorusso e Cutugno e dell’Istituto minorile Ferrante Aporti.
L’arcivescovo, a causa delle normative anti Covid non potrà essere presente per la consueta celebrazione della Messa di Natale.

Di seguito il comunicato dell’Arcidiocesi di Torino ed il link per leggere la lettere del Mons. Cesare Nosiglia.

Quest’anno, a causa delle norme anti Covid, l’Arcivescovo con rammarico non può celebrare, come ogni anno, la Messa di Natale con i detenuti del carcere Lorusso e Cutugno e dell’Istituto minorile Ferrante Aporti. Per questo, attraverso la rubrica dedicata ai temi della detenzione «La Voce dentro» pubblicata del settimanale diocesano La Voce e il Tempo di domenica 20 dicembre, mons. Cesare Nosiglia invia una lettera a tutti gli amici reclusi dei penitenziari torinesi.
Il settimanale della chiesa torinese ogni settimana entra al «Lorusso e Cutugno» e nell’Istituto minorile Ferrante Aporti grazie alla generosità di tanti lettori che hanno risposto all’appello «Abbona un detenuto» lanciato dalla redazione in occasione delle festività natalizie 2018 in sintonia con l’invito dell’Arcivescovo a considerare «il carcere degli adulti e quello minorile parrocchie della nostra diocesi»

Gesù vuole incontrarvi uno ad uno; accoglie le vostre preghiere, le vostre segrete aspirazioni del cuore, il vostro pentimento, ma anche la vostra voglia di riscatto e di rinnovamento; vuole aiutarvi a non disperare mai del suo sostegno anche quando sembra che tutto vada in rovina e la disperazione penetri nel cuore.
No, tutto può e deve ricominciare, perché con la fede nel Signore è possibile!

Mons. Cesare Nosiglia