Articoli

Arriva il Carnevale al Sanca – Oratorio di S. Cassiano (Biella)

Arriva da San Cassiano in Riva (Biella) il racconto della giornata dedicata ai festeggiamenti del carnevale di martedì 5 marzo, attraverso le parole di don Piero Grosso (Parroco di San Cassiano), presso l’oratorio salesiano del “Sanca”:

Il periodo di carnevale è da sempre uno dei più indicati per il clima di festa tipico di ogni oratorio. E Sanca non fa certo eccezione: il martedì grasso è il momento clou del carnevale dell’oratorio della parrocchia di S. Cassiano in Riva a Biella. L’oratorio nei giorni delle vacanze di carnevale è rimasto aperto dal mattino fino a sera, per dare anche una mano alle famiglie che, trovandosi i figlio a casa, avevano difficoltà di assistenza. Compiti, studio e tornei di calcio, pallavolo e giochi classici salesiani di cortile hanno riempito bene le giornate di questo ponte e hanno permesso a più di un centinaio di bambini di passare delle belle giornate al Sanca, complice assai gradito il bel tempo. 

Il pomeriggio di martedì si è scatenata la festa del carnevale oratoriano in maschera, con giochi, battaglie a colpi di coriandoli e stelle filanti, in assenza delle arance. Il gioco più gradito è stato certamente il “Cavallo di Troia”, con relativa battaglia a colpi di cuscino. La nutellata è stata la merenda gradita a tutti, bambini e animatori che si sono veramente impegnati nell’organizzazione. 

La sfilata di moda delle maschere ha premierato la fantasia al potere di mamme, nonne e bambini e alla fine il processo al “Ciciu”, versione oratoriana del nostro locale “Babi”. Anche il Ciciu è stato condannato, colpevole di aver fatto perdere giorni di scuola ai bambini e giustamente punito con il rogo. Ma i bambini stessi erano persuasi da tutto ciò!

don Piero Grosso – Parroco di San Cassiano

 

La Festa di don Bosco a S. Cassiano

Arriva dall’oratorio di San Cassiano in Riva, Biella, l’articolo che ci racconta il loro vissuto della Festa di don Bosco. Nel particolare lo spettacolo organizzato la sera di sabato 2 febbraio 2019:

I ragazzi dell’Oratorio S. Cassiano in Riva hanno celebrato a modo loro la festa del santo fondatore dei salesiani Don Bosco, con un simpatico spettacolino che voleva ripercorrere le prime avventure apostoliche di Don Bosco, giovane prete, nella Torino di metà ottocento. Con i suoi ragazzi che aumentavano di volta in volta e che raggiunsero numeri veramente elevati, il santo dei giovani riusciva, con l’aiuto di sacerdoti che avevano capito le sue intenzioni e la sua santità, a superare gli ostacoli, le incomprensioni e l’avversità di chi vedeva in lui soltanto un sovversivo e un disturbatore della quiete pubblica.

La rappresentazione ha avuto luogo all’oratorio di S. Cassiano la sera di sabato 2 febbraio, alla presenza di tanti parrocchiani e di famiglie di ragazzi che frequentano l’oratorio. Le celebrazioni si sono poi concluse con la solenne concelebrazione, presieduta dal vescovo di Biella, Mons. Roberto Farinella che ha celebrato per la prima volta nella chiesa parrocchiale di Riva.

Al termine, il direttore dell’Istituto S. Cassiano don Genesio Tarasco, ha presentato ai fedeli il nuovo collaboratore parrocchiale, il salesiano don Livio Recluta, che affiancherà il parroco di S. Cassiano nel ministero parrocchiale.

Si ringrazia Livia, della parrocchia San Cassiano di Biella, per la stesura dell’articolo.

 

San Cassiano, Biella – Quando c’è Sanca, nulla ci manca!

Ed è vero.
Da 120 anni migliaia di ragazzi hanno frequentato, tanto o poco, l’oratorio di S. Cassiano in Riva. Hanno trovato una casa che li ha accolti, una parrocchia a misura di giovane che ha annunciato loro  il Vangelo, una scuola senza banchi e lavagna che li ha però avviati alla vita, ma soprattutto il cortile dove potersi conoscere, dove giocare e dove vivere insieme in Santa allegria.

Questi sono i pilastri del sistema educativo che Don Bosco ha lasciato ai suoi salesiani e che don Bruno Ferrero, direttore del “Bollettino Salesiano” e scrittore,  ha illustrato la sera di venerdì 9 novembre 2018, a 120 anni esatti dalla fondazione dell’oratorio, a un folto gruppo di genitori, catechisti, educatori e giovani animatori che hanno affollato la chiesa di S. Cassiano.

La giornata è stata molto intensa e ha visto più di 150 ragazzi giocare, riflettere sul senso dell’oratorio, pregare e conoscere il nostro vescovo Mons  Roberto Farinella che ha incontrato così Sanca per la prima volta.
E’ seguita poi la classica merenda dell’oratorio e la cena per tutti, preparata e servita da genitori e amici di Sanca. Naturalmente la torta con le candeline, il volto sorridente di Don Bosco e la facciata della chiesa di Riva…E tanti auguri a Sanca!
Poi lo spettacolo di arte varia dello show man Egidio Carlomagno che ha intrattenuto i ragazzi sulla scia del nostro Fondatore che camminava sulla fune e faceva i “giochi con i bussolotti”…

E non è finita: fino alle 01,00 della notte più di 300  ragazzi hanno vissuto e ballato il “NIGHT PARTY” , animato dal DJ Tedj, oratoriano di Sanca pure lui, così come d. Luca Murdaca, parroco di Vigliano Assunta, che era presente con molti giovani e giovanissimi.  Serata indimenticabile!

La conclusione domenica 11 alla messa delle 10,45, presieduta da don Genesio Tarasco, Direttore dei salesiani di Vigliano. Il particolare ricordo al Beato don Michele Rua, primo successore di Don Bosco e fondatore di Sanca, ha evidenziato ancora una volta l’importanza dell’educazione umana e cristiana per la nostra gioventù. Allora come adesso.  

Articolo a cura di Livia Popa, Animatrice di San Cassiano.

Muzzano: Al via il XII concorso nazionale dei CFP salesiani d’Italia

Articolo tratto da Newsbiella.it, il quotidiano online del biellese, clicca qui per accedere alle notizie)

Una formazione professionale aperta, competitiva, capace di rispondere alle esigenze del mercato ma anche pronta a misurarsi con sé stessa, è questa l’idea che l’associazione Cnos Fap, la Formazione Professionale Salesiana, intende proporre ai giovani e alle imprese. Da dodici anni, al termine dei percorsi formativi e prima degli esami finali, allievi selezionati provenienti da ogni parte d’Italia si danno appuntamento in un luogo diverso per dimostrare le loro capacità nelle differenti famiglie professionali: dalla meccanica, alla gastronomia, dalla grafica, all’energia.

Per la prima, volta quest’anno, il Biellese accoglierà un gruppo di giovani studenti provenienti da svariate regioni italiane che per una settimana si sfideranno per decretare l’allievo più preparato nel settore dell’Energia. Dal 15 maggio giungeranno a Muzzano gli allievi accompagnati dai rispettivi formatori. Futuri idraulici e futuri elettricisti vivranno insieme per 3 giorni ospiti della Casa Salesiana della Valle Elvo nei quali non solo avranno modo di dimostrare e loro capacità ma avranno modo anche di conoscere il nostro territorio coltivando nuove amicizie e aprendosi sempre di più al mondo.

Nei laboratori del Cnos-Fap di Muzzano, tra prove teoriche ed esercitazioni pratiche, i giovani del Cnos Fap dovranno realizzare un “Impianto di riscaldamento e raffrescamento completamente gestito da PLC ed alimentato da una pompa di calore”. Venerdì 18 maggio alle 10 a Palazzo Gromo Losa al Piazzo si terranno le premiazioni alla presenza delle autorità cittadine e provinciali nonché dei nostri rappresentanti nel Parlamento della Repubblica e nel Consiglio Regionale, dei rappresentanti del mondo dell’impresa, del lavoro, dell’artigianato nonché dei ragazzi e delle ragazze del Centro di Formazione Cnos Fap di Muzzano.

“Esprimiamo vivo compiacimento”, riferisce Roberto Battistella, Direttore dei Centri di Formazione Professionale Cnos Fap Regione Piemonte di Vigliano Biellese e di Muzzano, “per l’opportunità che la Federazione Nazionale Cnos Fap offre ai nostri Centri di Muzzano e Vigliano di ospitare il dodicesimo concorso nazionale dei CFP Salesiani d’Italia. I nostri centri biellesi offrono da anni una qualificata offerta formativa nel settore Energia sia nell’ambito termoidraulico che in quello dell’impiantistica elettrica civile ed industriale. In questi ultimi anni abbiamo cercato di proporre percorsi formativi sempre più adeguati alle richieste del mercato. Il mondo dell’energia è mutato in modo velocissimo, le nuove fonti energetiche, il grande tema delle energie rinnovabili, un’idea nuova di abitare hanno mutato significativamente i bisogni del mercato offrendo nuovi spazi per l’impresa e chiedendo tecnici ed operatori preparati.

La Federazione Cnos Fap – prosegue – nutre l’ambizione di parlare ad un mondo in continuo mutamento proseguendo nella sua vocazione naturale che è quella indicata da San Giovanni Bosco di formare buoni cristiani ed onesti cittadini consapevole come è da sempre che i valori profondi del cristianesimo accompagnati a quelli di una cittadinanza responsabile e consapevole sono al contempo elementi identitari ma anche strumenti per garantire quelle professionalità e quelle capacità che attraverso il lavoro possono rendere le vite delle persone effettivamente libere e dignitose”.

“Un grazie pentitissimo – aggiunge Simone Contro, formatore del Cnos Fap di Muzzano e curatore del Concorso Nazionale – a chi ci ha sostenuto in questo percorso: la Provincia di Biella, la Città di Biella, il Comune di Muzzano, CNA Biella, Confartigianato Biella e ai partner che con il loro contributo ci consentono di misurarci con strumenti e tecnologie all’avanguardia. Grazie allora a Bosch, Giacomini water emotion, Grundfos, Schneider Eletric, Gruppo IIS Istituto Italiano della Saldatura, Alternanza Scuola-Lavoro e grazie anche alle realtà del nostro territorio che sono al nostro fianco sostenendoci in questa come in altre iniziative . Grazie dunque a Cizeta, a S.I.R.A. Idrotermosanitari srl e al Caseificio Valle Elvo”.

 

Il Biellese, edizione cartacea dell’11 Maggio 2018.

ALLIEVI E INSEGNANTI DA TUTTA ITALIA

Da martedì a Muzzano il concorso nazionale dei Cnos Fap Salesiani

Da dodici anni, al termine dei percorsi formativi e prima degli esami finali, i Cnos-Fap, i centri per la
formazione salesiana, con i loro allievi selezionati provenienti da ogni parte d’Italia si danno  appuntamento in un luogo diverso per dimostrare le loro capacità nelle differenti famiglie professionali: dalla meccanica, alla gastronomia, dalla grafica, all’energia. Per la prima, volta quest’anno, il Biellese
accoglierà un gruppo di giovani studenti provenienti da svariate regioni italiane che per una settimana
si sfideranno per decretare l’allievo più preparato nel settore dell’Energia.

Dal 15 maggio giungeranno a Muzzano gli allievi accompagnati dai rispettivi formatori. Futuri idraulici e
futuri elettricisti vivranno insieme per 3 giorni ospiti della Casa Salesiana della Valle Elvo nei quali non
solo avranno modo di dimostrare e loro capacità ma avranno modo anche di conoscere il nostro territorio coltivando nuove amicizie e aprendosi sempre di più al mondo. Nei laboratori del Cnos-Fap di Muzzano, tra prove teoriche ed esercitazioni pratiche, i giovani del Cnos-Fap dovranno realizzare un “Impianto di riscaldamento e raffrescamento completamente gestito da Plc e alimentato da una pompa di calore”.

Venerdì 18 maggio alle ore 10 a Palazzo Gromo Losa al Piazzo si terranno le premiazioni alla presenza
delle autorità cittadine e provinciali nonché dei rappresentanti nel Parlamento della Repubblica e nel Consiglio Regionale, dei rappresentanti del mondo dell’impresa, del lavoro, dell’artigianato nonché dei ragazzi e delle ragazze del Cnos Fap di Muzzano. Spiega Roberto Battistella, direttore di Cnos Fap di Vigliano Biellese e Muzzano: «Siamo compiaciuti per l’opportunità che la Federazione Nazionale Cnos -Fap ci offre di ospitare il dodicesimo concorso nazionale. I nostri centri biellesi offrono da anni una qualificata offerta formativa nel settore Energia sia nell’ambito termoidraulico che in quello  dell’impiantistica elettrica civile ed industriale. In questi ultimi anni abbiamo cercato di proporre percorsi formativi sempre più adeguati alle richieste del mercato. La Federazione Cnos Fap nutre l’ambizione di parlare ad un mondo in continuo mutamento proseguendo nella sua vocazione naturale che è quella indicata da San Giovanni Bosco di formare buoni cristiani e onesti cittadini consapevole come è da sempre che i valori profondi del cristianesimo accompagnati a quelli di una cittadinanza responsabile e consapevole sono al contempo elementi identitari ma anche strumenti per garantire quelle professionalità e quelle capacità che attraverso il lavoro possono rendere le vite delle persone effettivamente libere e dignitose».

 

RITIRO del CLERO BIELLESE a MUZZANO alla presenza di 3 VESCOVI

Giovedì 23 novembre 2107 alle ore 9:30 i sacerdoti e diaconi del Biellese si sono riuniti per vivere una mattinata di riflessione e di ritiro a Muzzano. Quest’anno i ritiri del clero sono predicati da Mons. Giuseppe Guerrini, Vescovo emerito di Saluzzo (dove ha esercitato dal 2003 al 2016); i partecipanti hanno goduto di una predicazione piana ed efficace, e della sua esperienza e saggezza pastorale.
E’ intervenuto Mons. Gabriele Mana, attuale Vescovo di Biella; eletto il 13 luglio 2001 da San Giovanni Paolo II, ordinato Vescovo nella Cattedrale di Torino il 1° settembre 2001 dal card. Severino Poletto. Fece il suo ingresso in Diocesi il 7 ottobre 2001.
Ha partecipato all’incontro anche Mons. Alceste Catella, Vescovo di Casale Monferrato dal 2008 al luglio 2017 e rettore del Santuario di Oropa dal 2000 al 2008. I parroci della zona sono intervenuti numerosi al confronto, che si è concluso alle ore 12 con la preghiera dell’Angelus. Al termine, Don Genesio Tarasco, direttore delle case salesiane di Muzzano e di Vigliano, il quale ha invitato tutti i partecipanti ad un pranzo conviviale, a cui hanno aderito anche i 3 Vescovi presenti alla giornata di riflessione.

dav

Ben rivà ‘n Riva: a Biella i festeggiamenti per la festa del Patrono, San Cassiano

Come ogni seconda domenica di ottobre, lo scorso fine settimana si è svolta a Biella l’edizione 2017 di “Ben rivà ‘n Riva“, il tradizionale appuntamento che festeggia sia il Santo Patrono biellese, San Cassiano (13 Agosto), che il Rione Riva, quartiere dinamico del paese. L’Ente Manifestazioni Biella-Riva, che ha caldeggiato la manifestazione, è composto da oltre quaranta persone volontarie, che si impegnano tutto l’anno nelle molteplici attività parrocchiali.

Dapprima, una rievocazione storica dal titolo “Il Piccolo Alpino e La Grande Guerra”, spettacolo mimico che ripercorre alcuni episodi della Prima Guerra Mondiale, quando nel 1917, nel pieno del conflitto bellico, fu istituita ufficialmente la parrocchia “San Cassiano”. Quest’anno dunque i festeggiamenti sono stati dedicati anche a questo centenario, che oggi nel 2017 vede una realtà parrocchiale solida e variegata che “ha rimesso insieme il paese come quello di Peppone e Don Camillo!” – come afferma il parroco, don Piero Grosso.

Nella mattinata domenicale si è svolta SS. Messa presieduta da Don Enrico Stasi, ispettore dei Salesiani del Piemonte, con il sindaco e numerose autorità cittadine presenti. Non sono mancate le attenzioni per i volontari di Croce Rossa, Protezione Civile, Vigili del Fuoco e tanti altri ancora che hanno popolato le vie di Biella con le loro specialità e alcune esibizioni, per esempio quella del reparto Cinofilo.

A seguire, un momento di convivialità con la “Panissa per tutti“, un piatto antico che ha il sapore della tradizione biellese, e alcuni momenti ludici a cura di Egidio Carlomagno che hanno animato tutto il quartiere con giochi e utensili legati al folclore autoctono.

Nel cuore di Biella, in piazza del Monte, debitamente addobbata da esposizioni, mostre e giochi per adulti e bambini, ha avuto luogo la “Nutellata Gigante”, i cui fondi sono stati devoluti in beneficenza alla Mensa del Pane, istituzione biellese della Caritas che provvede quotidianamente ai pasti di oltre 50 bisognosi.

La vivacità biellese e la sua Festa Patronale sono state premiate dal bel tempo che ha incorniciato l’intera edizione con uno splendido arrivederci alla prossima edizione di “Ben rivà ‘n Riva”.

Ecco alcuni scatti dei festeggiamenti di Ben rivà ‘n Riva 2017:

Liang e Zhu appassionano i ragazzi del Cnos Fap di Muzzano

“L’amore è una farfalla, anzi due…” questo è il titolo del libro fresco di stampa tradotto dai ragazzi del Cnos Fap di Muzzano Biellese che porta alla scoperta di una travolgente quanto moderna storia d’amore.
Stefano Ceffa, Manuela Bonardi, Elena Zaramella e Sara Cappa sono gli insegnanti che hanno guidato questo gruppo di ragazzi del Corso Operatori del benessere e Impianti Termoidraulici, per ottenere il copyright della Cina per la pubblicazione della storia d’amore di Liang e Zhu, ambientata nel 200 d.C. a Nigbo, nella provincia cinese dello Zhejiang, che ricorda l’opera shakespeariana di Romeo e Giulietta.
Nelle prossime settimane appuntamento nelle librerie locali per la presentazione del libro e magari una mega-trasferta nella terra che diede i natali a questa storia, Hong Kong.

Un’altra bella pagina scritta dai ragazzi a testimonianza del fortunato sodalizio tra formazione tecnico-pratica e competenze culturali alte che certamente liberano insieme le energie vivaci e positive presenti in ogni giovane.

Ecco la notizia apparsa sul quotidiano “Il Biellese”: