Articoli

Italia – Un volume raccoglie le Lettere Circolari di Don Chávez ai salesiani

Dal sito dell’agenzia salesiana ANS.

***

(ANS – Roma) – Le Lettere circolari ai Salesiani emanate da Don Pascual Chávez Villanueva, Rettor Maggiore emerito, vengono raccolte in questa opera unica (1.386 pagine) dal sig. Marco Bay, SDB, per favorire la rilettura dei 12 anni del Rettorato (2002-2014) e riscoprire l’operato, la guida, il governo, gli eventi, gli incontri, le ricorrenze, le scelte e l’animazione da parte di Don Chávez della Società di San Giovanni Bosco e della Famiglia Salesiana. Il volume, edito dall’editrice salesiana LAS, gode della presentazione di Don Ángel Fernández Artime, Rettor Maggiore e X Successore di Don Bosco.

Don Chávez indica chiaramente che “per poterle valorizzare meglio nelle varie comunità, si suggerisce che siano scritte in un linguaggio semplice e discorsivo e che si alternino quelle ricche di contenuto su temi impegnativi con altre familiari e informali sulla vita della Congregazione. … Cercherò – indica ancora lo stesso Chávez – di essere fedele a questa richiesta, al fine di aiutare a sviluppare di più il senso di Congregazione e di stimolare a riflettere sul carisma, due cose entrambe indispensabili per assicurare l’unità nella diversità, uno dei compiti più preziosi che io debba svolgere. Così la comunicazione del Rettore Maggiore sarà messa al servizio dell’animazione e del governo, partendo da ciò che si è fatto o si sta facendo nella Congregazione e dai suoi bisogni e dalle sue sfide”.

Infine, “lo scopo è sempre quello di far conoscere e valorizzare tutto ciò che siete e state facendo, raccogliere le sfide che la missione salesiana incontra, riflettere ad alta voce, cercando di attingere al nostro ricco patrimonio salesiano, per rispondervi con la mente, lo spirito e l’intraprendenza di Don Bosco”.

“Ci auguriamo che la lettura sia di gradimento alla Famiglia salesiana per dare continuità al cammino di speranza che continua in tutto il mondo” conclude il curatore del volume, sig. Bay.

Marco Bay attualmente collabora con la Segreteria Generale della Congregazione Salesiana e per l’editrice LAS ha pubblicato altre opere compilative con riferimento a don Juan Edmundo Vecchi (1931-2002) e don Renato Ziggiotti (1892-1983), rispettivamente VIII e V Successore di Don Bosco alla guida della Congregazione Salesiana.

Italia – Un volume raccoglie le Lettere Circolari di Don Chávez ai salesiani

 

 

Il Rettor Maggiore: “La Famiglia Salesiana è guidata dallo Spirito Santo” – InfoANS

Dal 21 al 23 maggio si è tenuta, in modalità online, la “Consulta Mondiale della Famiglia Salesiana”. Hanno preso parte all’incontro il Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime e i responsabili mondiali dei 32 gruppi della Famiglia Salesiana. Di seguito l’articolo pubblicato su “InfoANS“.

(ANS – Torino) – I responsabili mondiali dei 32 gruppi della Famiglia Salesiana si sono incontrati, in modalità online, dal 21 al 23 maggio, con il Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, presente a Valdocco, in quella che viene chiamata “Consulta Mondiale della Famiglia Salesiana”. La modalità di incontro digitale ha permesso a tutti di incontrarsi per sessioni di due ore al giorno intorno al Padre e Centro di Unità della Famiglia Salesiana, il Rettor Maggiore, in uno spazio animato e guidato dal Delegato Centrale del Rettor Maggiore per la Famiglia Salesiana, don Joan Lluis Playá.

Due elementi hanno occupato fondamentalmente la riflessione durante il raduno: l’approfondimento della Strenna del Rettor Maggiore per l’anno 2021, sul tema «Mossi dalla speranza: “Ecco, io faccio nuove tutte le cose” (Ap 21,5)»; e la condivisione su una domanda rivolta a tutti i partecipanti: “Quale novità più significativa del Regno di Dio sta emergendo nel nostro gruppo di appartenenza in questo tempo?

Don Gustavo Cavagnari, salesiano, docente di Teologia Pastorale presso l’Università Pontificia Salesiana di Roma (UPS), ha aiutato ad entrare in profondità sul come vivere la speranza, avendo cura di affrontare il presente in modo cristiano e salesiano.

I lavori di gruppo hanno poi permesso di condividere la ricca esperienza del Regno di Dio che si è generata nelle diverse realtà della FS.

L’incontro è stato arricchito dai messaggi di animazione, dai momenti di preghiera e dalla guida offerta dal Rettor Maggiore. “La Famiglia Salesiana è guidata dallo Spirito Santo” ha detto al termine dei lavori il Rettor Maggiore.

Se qualsiasi situazione non è guidata dallo Spirito Santo, a tempo debito potremmo vederne la fine – ha continuato –. Non c’è altra strada, solo essere guidati dallo Spirito Santo. Questo vale anche per tutti i 32 gruppi della Famiglia Salesiana, indipendentemente dalla loro consistenza numerica o dalla loro età… Quindi invito tutta la Famiglia Salesiana ad essere coraggiosa. Sì, il coraggio è la condizione principale per la nostra crescita verso il futuro. Anche nelle difficoltà della pandemia, la ‘paura’ non può essere il nostro paradigma...”

Quindi, invitando a ricercare i segni di novità, Don Á.F. Artime ha aggiunto:
Ci sono alcuni piccoli gruppi tra i poveri nelle favelas brasiliane o tra gli indigeni del Guatemala… Piccoli, ma coraggiosi e vivi nello Spirito… Dobbiamo essere testimoni”.

Il programma delle attività è stato completato da diverse comunicazioni da parte dei vari gruppi, soprattutto da parte di quelli che nell’anno celebrano i loro Capitoli Generali o degli anniversari significativi, e dalla presentazione di alcune proposte da parte del Segretariato della FS.

Il Segretariato della Famiglia Salesiana si è impegnato a preparare una pubblicazione con il frutto dei lavori dell’incontro.

Per ulteriori informazioni: www.salesiansfamily.net y www.sdb.org

Tutte le foto sono disponibili su ANSFlickr

Avvenire – La Famiglia Salesiana e Torino invocano l’aiuto di Maria Ausiliatrice

Pubblichiamo l’articolo di Marina Lomunno su Avvenire per la festa di Maria Ausiliatrice, celebrata Torino alla presenza del Rettor Maggiore, don Angel Fernández Artime.

***

Torino. Non solo per la famiglia salesiana, sparsa in 132 nazioni, ma anche per i torinesi la festa di Maria Ausiliatrice, giunta alla 153a edizione e che ogni anno raduna 20mila persone per la tradizionale processione per le vie di Valdocco, le strade percorse dal santo dei giovani, è un appuntamento fisso. Neppure le guerre mondiali hanno fermato l’uscita della Madonna dalla Basilica la sera del 24 maggio. Da due anni invece la pandemia ha costretto la statua a «fermarsi» nel cortile di Valdocco – accanto alle effigi di don Bosco e di mamma Margherita – «dove ogni pietra parla del nostro santo che cercava e accoglieva in questa casa i giovani più fragili», ha sottolineato il rettor maggiore dei salesiani, don Angel Fernández Artime, concludendo nel cortile della Basilica la novena nella serata di domenica scorsa. Ma la statua dell’Ausiliatrice transennata, l’obbligo delle mascherine, il cortile con sedie distanziate e gli ingressi in Basilica contingentati e controllati dal servizio d’ordine dei volontari, i collegamenti social tradotti in 5 lingue, grazie all’agenzia Info Salesiana che ha mandato in diretta le celebrazioni presiedute dall’arcivescovo di Torino, Cesare Nosiglia, e dal rettor maggiore, hanno – se è possibile – reso ancora più intensa la preghiera in un momento così difficile.

«Mai il cortile e la Basilica nei giorni della novena e della festa la cui vigilia, per una felice concomitanza, è coincisa con la solennità di Pentescoste, sono rimasti deserti: migliaia di famiglie, giovani, anziani, rispettando le regole sanitarie, sono venuti a pregare commossi, anche senza processione, la nostra Mamma, aiuto dei cristiani, che in un momento così incerto ci invita alla responsabilità gli uni verso gli altri e, con don Bosco, ricorda alla famiglia salesiana la priorità per l’educazione dei giovani che la pandemia sta mettendo a dura prova», ci dice don Guido Errico, rettore della Basilica, casa-madre dei salesiani. Molto partecipate le due liturgie centrali in Basilica: domenica la concelebrazione presieduta da Nosiglia che, con parole di supplica, ha voluto affidare a Maria Ausiliatrice l’arcidiocesi di Torino che nei prossimi giorni si riunisce per «l’assemblea diocesana che, sul tema della Chiesa in uscita, promuoverà un’ampia riflessione in vista di un forte impegno che dovrà investire tutte le nostre comunità ecclesiali, le famiglie e i giovani in prima persona».

E poi ieri pomeriggio, nel giorno della solennità, la Messa presieduta da don Artime, decimo successore di don Bosco, che ha evidenziato come la pandemia stia decimando i più poveri del mondo che non hanno accesso a cure e vaccini: «Dopo un anno, la malattia continua a colpire molte persone. E anche se in alcuni luoghi si comincia a vedere la luce alla fine del tunnel, in altri la situazione rimane ancora molto grave e pesante. Oggi come ieri a Lei, nostra Madre, aiuto nei momenti difficili, orientiamo il nostro sguardo e rivolgiamo la nostra preghiera affinché arrivi al Signore. E nella solennità di Maria Ausiliatrice abbiamo bisogno, forse più che in altri momenti, di rivolgerle il nostro sguardo, affinché guardandola e parlandole con il cuore possiamo sentire che ancora una volta Lei ci dice: “Perché avete paura, non sono qui io che sono vostra madre?”».

Leggi anche l’articolo pubblicato su La Voce e il Tempo a cura di Marina Lomunno

Ausiliatrice, l’affidamento di Torino

Neppure la guerra arrestò l’uscita della statua di Maria Ausiliatrice dalla Basilica, la sera del 24 maggio per la tradizionale processione per le vie percorse da don Bosco: da due anni invece la pandemia ha «fermato» l’effigie della Madonna nel cortile di Valdocco, «dove ogni pietra parla del nostro santo che cercava e accoglieva in questa casa i giovani più fragili, come ha sottolineato il Rettor Maggiore dei salesiani, don Angel Fernández Artime, concludendo la novena domenica 23 maggio e affidando l’umanità all’Ausiliatrice nella serata del 24 sul sagrato della Basilica al termine della preghiera del Rosario. Ma la statua dell’Ausiliatrice transennata, l’obbligo delle mascherine, il cortile con sedie distanziate e gli ingressi in Basilica contingentati e controllati dal solerte servizio d’ordine dei volontari, i collegamenti social tradotti in 5 lingue, grazie all’Agenzia Info Salesiana che ha mandato in di- retta le celebrazioni presiedute dall’Arcivescovo e del Rettor Maggiore, non hanno fermato la preghiera, in un momento così difficile in tutto il mondo. «Mai il cortile e la Basilica nei giorni della Novena e della Festa la cui vigilia, per una felice concomitanza, è coincisa con la solennità di Pentecoste, sono rimasti deserti: migliaia di famiglie, giovani, anziani, rispettando le regole sanitarie sono venuti a pregare, anche senza processione, Maria, aiuto dei cristiani, che oggi ci invita alla responsabilità gli uni verso gli altri e, con don Bosco, ricorda alla famiglia salesiana la priorità per l’educazione dei giovani che la pandemia sta mettendo a dura prova» spiega don Guido Errico, rettore della Basilica, Casa madre dei salesiani. Domenica 23 alle 18.30 la concelebrazione presieduta da mons. Nosiglia (anticipata perché il Vescovo è impegnato all’Assemblea Cei dal 24 maggio) che ha affidato a Maria Ausiliatrice la diocesi di Torino che nei prossimi giorni si riunisce per «l’assemblea diocesana che, sul tema della Chiesa in uscita, promuoverà un’ampia riflessione in vista di un forte impegno che dovrà investire tutte le nostre comunità ecclesiali, le famiglie e i giovani in prima persona». L’Arcivescovo che ha ricordato il legame profondo tra la famiglia salesiana e la città di Torino, ha posto sotto il manto dell’Ausiliatrice «quanti si adoperano per affrontare e risolvere i problemi sociali, in particolare quello del lavoro, che assillano la Città e il territorio e che rappresentano un motivo di grande sofferenza per tante persone disoccupate o in cerca di lavoro come sono i giovani. Situazioni che generano preoccupazione e timori per il futuro e rischiano di tarpare le ali ai progetti per una città più vivibile, solidale, pacifica». L’indomani, nella Messa nel giorno della Solennità di Maria Ausiliatrice, don Angel Fernández Artime, decimo successore di don Bosco, ricordando come la pandemia stia decimando i più poveri del mondo che non hanno accesso a cure e vaccini, ha invitato a rivolgere «il nostro sguardo e la nostra preghiera a Maria affinché arrivi al Signore, affinché guardandola e parlandole con il cuore possiamo sentire che ancora una volta Lei ci dice: ‘Perché avete paura, non sono qui io che sono vostra madre?’».

Marina LOMUNNO

RMG – Il Rettor Maggiore nomina don Daniel Antúnez nuovo Procuratore di Missioni Don Bosco

Dal sito di ANS.

***

(ANS – Roma) – Dopo le riunioni e gli incontri realizzati negli ultimi mesi, il Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, ha nominato don Daniel Antúnez, salesiano argentino appartenente all’Ispettoria Argentina Sud, nuovo Procuratore di “Missioni Don Bosco”, la Procura Missionaria Salesiana di Torino.

“Missioni Don Bosco”, così come “Misiones Salesianas”, Procura Missionaria di Madrid, e “Salesian Missions”, di New Rochelle, dipende direttamente dal Rettor Maggiore.

Don Daniel Antúnez è stato economo ispettoriale dell’Ispettoria del “Beato Zeffirino Namuncurá” dell’Argentina Sud (ARS), fino al mese di febbraio di quest’anno. Di lui, oltre all’ottimo lavoro svolto per la sua Ispettoria, il Rettor Maggiore ha sottolineato la ricca esperienza in campi molto diversi. La sua persona aggiungerà senza dubbio una grande ricchezza al gruppo umano (composto principalmente da uomini e donne laici) su cui “Missioni Don Bosco” conta in questo momento.

Don Ángel Fernández Artime, inoltre, ha sottolineato il valore dell’internazionalità che la Congregazione Salesiana continua a vivere in questo tempo presente.

Nel nominare il nuovo Procuratore, infine, il Rettor Maggiore ha voluto anche esprimere la sua profonda gratitudine al sig. Giampietro Pettenon, SDB, che per 7 anni ha svolto un magnifico servizio alla guida di “Missioni Don Bosco” e che continuerà il suo lavoro fino al 1° settembre di quest’anno.

Italia – Festa del Grazie 2021

Dal sito dell’agenzia ANS.

***

(ANS – Roma) – Si è svolta ieri, domenica 25 aprile, la cosiddetta “Festa del Grazie 2021”, ovvero la Festa della Riconoscenza Mondiale dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice (FMA) verso la propria Superiora Generale, Madre Yvonne Reungoat. La festa ha visto la partecipazione fisica di Madre Reungoat e di un discreto numero di sue consorelle presso la Casa “Madre Angela Vespa”, sede della Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione «Auxilium», oltre alla partecipazione di tantissime religiose da tutto il mondo collegate attraverso la rete. Per l’occasione Don Ángel Fernández Artime, Rettor Maggiore dei Salesiani e Padre e Centro di Unità della Famiglia Salesiana, ha presieduto l’Eucaristia.

Il tema scelto per la giornata è stato: “In rete, per una cultura della vita”. Ed in effetti essere in rete è una delle risorse più preziose per espandere energie creative e collaborative, così come lo è stato per esprimere a Madre Reungoat la gratitudine delle FMA, delle Comunità educanti, dei laici e giovani della Famiglia Salesiana che condividono la missione carismatica salesiana.

La Madre Generale delle FMA ha raggiunto la sede dell’Auxilium a metà della mattinata, venendo accolta all’ingresso, tra bandiere e fiori, da suor María del Carmen Canales, Superiora della Visitatoria “Maria Madre della Chiesa”, e da altre religiose delle comunità che la compongono – sempre nel rispetto delle norme di biosicurezza.

“Ti sono arrivati tanti GRAZIE attraverso la rete. Ora desideriamo che tu senta il battito di tutti i cuori delle FMA e delle comunità educanti di cui noi vogliamo farci portavoce – ha espresso suor del Carmen Canales –. Il nostro Grazie vuole esprimere la vita feconda che esiste in tutti i nostri continenti, la vita donata fatta cultura di tante sorelle di ogni età e cultura diverse”.

Successivamente si è svolta la Celebrazione Eucaristica nella Domenica del Buon Pastore. Affiancato da don Maria Arokiam Kanaga, Superiore della Visitatoria “Madre della Sapienza” dell’Università Pontificia Salesiana (UPS), e dal suo segretario personale, don Nino Zingale, il Rettor Maggiore ha ricordato che il Buon Pastore riconosce e ama tutte le sue pecore, e che è pronto a dare la vita per loro. E ha rimarcato come l’attenzione alle “altre pecore che non provengono da questo recinto”, così come scritto nel Vangelo, sia qualcosa di tipico e proprio dell’azione pastorale della Famiglia Salesiana e delle FMA e dell’azione di governo di Madre Reungoat.

La giornata di gratitudine è proseguita poi con un momento di festa, con canti e danze tipici di varie culture, nell’aula magna “Giovanni Paolo II” dell’Auxilium, durante la quale sono stati ascoltati messaggi di gratitudine verso Madre Reungoat da tutti e cinque i continenti.

Al termine della giornata anche la Madre Generale delle FMA ha ringraziato per tutto l’affetto ricevuto, per l’organizzazione da parte della Visitatoria “Maria Madre della Chiesa”, e per la presenza di Don Á.F. Artime. E in riferimento alla festa e alle iniziative che le FMA e tutta la Famiglia Salesiana svolgono in questo tempo di pandemia, ha affermato: “I nostri cuori non conoscono distanza”.

La visita del Rettor Maggiore alla Crocetta

La visita del Rettor Maggiore presso l’Istituto Internazionale Don Bosco della Crocetta. Di seguito una sintesi della giornata da parter di Don Marek Chrzan.

Martedì 16 marzo, tutto il pomeriggio, il Rettor Maggiore Don Ángel Fernández Artime ha fatto visita alla comunità formatrice dell’Istituto Internazionale Don Bosco in Torino Crocetta. L’invito rivolto a Don Angel di venire a stare nella comunità di formazione specifica al sacerdozio di Torino, per un momento più lungo, aveva lo scopo di dare una conoscenza migliore al Rettor Maggiore di questa casa di formazione, in vista del ripensamento della formazione della nostra Congregazione in Europa.

Il Rettor Maggiore è venuto insieme con Don Francisco Santos Montero, un collaboratore del settore di formazione nella sede centrale a Roma, incaricato delle case di formazione in Europa.

Nel primo momento si è incontrato con il direttore, vicario e preside della facoltà di teologia. Poi ha partecipato al raduno dell’equipe di formazione e del Consiglio della casa e successivamente si è ritrovato con tutta la comunità. Dopo un saluto fraterno e la preghiera dei vespri, il Rettor Maggiore ha trasmesso un suo discorso sulle linee programmatiche del sessennio, dopodiché ha svolto un dialogo con la comunità rispondendo alle domande e dando puntualizzazioni su questa tappa di formazione.

Ultimo punto della visita, è stata la cena comunitaria di festa con una torta per il successore di Don Bosco presente nella nostra casa di formazione, non solo col cuore e il pensiero ma anche con una presenza fisica di una vivace animazione. Siamo convinti che questa visita ha approfondito la conoscenza di Don Angel della nostra comunità formatrice ma anche ha dato un’occasione di sentire la vicinanza paterna del nostro superiore generale alla vita e alla preoccupazione formativa dei giovani confratelli.

RMG – Tre nuove Ispettorie a servizio dell’Africa

Dal sito dell’agenzia salesiana ANS, la notizia della creazione di tre nuove ispettorie in Africa.

***

(ANS – Roma) – In un continente in continua crescita e fermento sociale anche la presenza salesiana si moltiplica e modifica.

In data 19 gennaio 2021, il Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, con il parere favorevole del Consiglio Generale, a norma degli articoli 132, paragrafo 1.1 e 156 delle Costituzioni, ha eretto l’Ispettoria “Beato Artemide Zatti” di Africa Nigeria e Niger (ANN) con sede a Lagos-Iju (Nigeria). Di questa Ispettoria fanno parte 9 Case già esistenti, e la prospettiva di un’apertura missionaria nel Niger vicino.

Nella stessa data è stata eretta la nuova Ispettoria “Nostra Signora della Pace” di Africa Occidentale Nord (AON), con sede a Cotonou-Zogbo, in Benin. Di questa Ispettoria fanno parte 18 case, presenti, oltre che in Benin, in Burkina Faso, Gambia, Guinea, Mali e Senegal. Queste ultime tre nazioni formeranno una Delegazione con sede a Dakar (Senegal). La nuova Ispettoria AON potrà sviluppare la sua missione anche in Guinea Bissau.

Ancora, il 19 gennaio è stata eretta l’Ispettoria Africa Occidentale Sud (AOS), intitolata a “San Giuseppe”, con sede ad Ashaiman (Ghana). Ne faranno parte le opere del Togo, del Ghana, della Costa d’Avorio, della Liberia e di Serra Leone, per un totale di 20 case.

“I giovani non sono tutti uguali, sono tutti unici”: campagna mondiale e spot dei Salesiani di Don Bosco “Limited Edition”

Dall’agenzia di stampa salesiana ANS, il lancio della campagna mondiale dei Salesiani.

***

(ANS – Roma) – Ieri, 31 gennaio 2021, in occasione della Festa di Don Bosco, i Salesiani hanno diffuso nel mondo lo spot televisivo “Limited edition”. Attraverso di esso intendono presentare la missione educativa che svolgono quotidianamente accanto ai giovani, dai bisogni e le geografie più disparate, impegnando tempo e forze per valorizzare l’autenticità di ognuno di essi: unico, irripetibile, esclusivo. Perché “i giovani non sono tutti uguali, sono tutti unici”, come sottolinea il claim finale al video.

Lo spot dura 30 secondi e presenta in chiave divulgativa il carisma educativo, che anima ancora oggi, dopo 133 anni dalla morte del Fondatore, la missione giovanile.  Tradotto in 9 lingue (Italiano, albanese, arabo, francese, inglese, spagnolo, portoghese, tedesco, slovacco) è trasmesso dalle emittenti televisive di ogni Paese in cui Salesiani operano e dai canali di comunicazione ufficiali di questi ultimi, e rappresenta il lancio della campagna di sensibilizzazione alla “Limited edition”, fortemente voluta dal Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, e coordinata dall’Economato Generale, guidato dall’Economo Generale, sig. Jean Paul Muller, SDB.

In una recente intervista a Famiglia Cristiana, Don Á.F. Artime, ha affermato: “Certamente il nostro marchio d’identità sono i giovani, la loro educazione, la formazione dei bambini, degli adolescenti. Tutto il resto, oratorio, scuole, licei o centri di formazione professionale, case di accoglienza per i ragazzi immigrati, parrocchie, centri giovanili, istituzioni universitarie, sono mezzi finalizzati a uno scopo: preparare le giovani generazioni alla vita. Il nostro metodo educativo continua a essere quello di don Bosco: il sistema preventivo, che è molto più di una pedagogia”.

Finalità di questa campagna è quella di costruire e veicolare l’identità digitale della Congregazione Salesiana, creando una brand awareness (consapevolezza istituzionale) efficace e facilmente riconoscibile sulle singole piattaforme.

Alla luce di un’attenta valutazione delle diverse presenze e dei diversi target sulle varie reti sociali, la campagna coinvolgerà nelle settimane seguenti direttamente i ragazzi sulle reti sociali da loro più amate e utilizzate, per portare a tutti il valore dell’unicità di ogni singolo giovane e, in un ambiente di dialogo e confronto, rendere ciascun giovane portavoce di quest’unicità.

Al tempo stesso, lo spot e la campagna costituiscono anche l’occasione per i Salesiani per raggiungere il mondo dei giovani adulti, degli adulti e dei genitori per essere riconosciuti come agenzia educativa che opera al loro fianco per la crescita dei giovani.

I Salesiani nel mondo sono la più grande organizzazione educativa dedicata alla formazione e all’evangelizzazione giovanile. Fondati da San Giovanni Bosco, un santo educatore italiano dell’Ottocento, sono presenti in 134 paesi con 1.802 Istituti Salesiani caratterizzati da oratori, scuole e Centri di Formazione Professionale.

Lo spot è disponibile, nei diversi canali linguistici, su ANSChannel.

Festa Don Bosco, salesiani: la Fratellanza spalanca il cuore dei giovani

Riportiamo l’intervista realizzata da Radio Vaticana al Rettor Maggiore in occasione della Festa di Don Bosco.

***

Gabriella Ceraso – Città del Vaticano 

Tutto pronto a Torino per le celebrazioni che porteranno a domenica 31 gennaio, festa di San Giovanni Bosco, quest’anno anche in diretta Tv per quanti, in ragione dell’emergenza sanitaria non potranno raggiungere le Chiese per le Messe. A Torino punto di riferimento sarà la Basilica di Maria Ausiliatrice, alle 9.30, dove a presiedere sarà l’arcivescovo Cesare Nosiglia, e a Roma la Basilica del Sacro Cuore di Gesù dove il Rettor Maggiore dei salesiani, don Ángel Fernández Artime, celebrerà la Messa. A lui abbiamo chiesto di guardare il mondo di oggi con gli occhi di Don Bosco, “padre e maestro della gioventù”, e di riflettere su temi forti quali la fratellanza, l’educazione, i giovani e la sfida della pandemia che ha travolto anche le opere salesiane presenti in 132 Paesi di 5 continenti. Oltre 100 i religiosi morti, eppure anche da questo, come chiede pure il Papa, ne è nata un’esperienza dai tratti tipicamente salesiani: creatività, vicinanza e sorriso.

Come la realtà di oggi interpella la spiritualità salesiana? Con quali priorità nella crisi economica, nell’isolamento creato dalla pandemia, nelle nuove forme di comunicazione anche religiosa, si muovono i salesiani?

R. – In quest’anno trascorso abbiamo cercato di rispondere alla realtà che ci si è presentata, ispirandoci innanzitutto al nostro carisma, a partire dal garantire la nostra presenza, certo con le regole che oggi dobbiamo rispettare e responsabilmente. Ho detto sempre ai sacerdoti, in questo tempo, che nulla poteva costringerci alle chiusure, non potevamo cioè rinunciare alla creatività e ad essere vicini alle famiglie dei nostri ragazzi. Quindi vicinanza, attraverso iniziative concrete rivolte alle persone più in difficoltà. E in secondo luogo, come sempre accade all’inizio dell’anno, ci siamo dati un orientamento: per il 2021 è “Mossi dalla speranza”. Dunque, anche sorretti dalla guida di Papa Francesco, dalle sue parole, vogliamo puntare alla speranza, altrimenti la vita perde la sua dinamica e la sua aderenza alla realtà.

La vostra presenza missionaria nel mondo è filo che tesse ovunque fraternità e carità, qualcosa di molto vicino al tema chiave di Francesco “Fratellanza” la parola chiave. Questo è stato l’anno della enciclica “Fratelli tutti” e tra poco saranno due anni dalla Dichiarazione di Abu Dhabi. Che valore date, come figli di Don Bosco, alla parola “Fratellanza”?

R. – Potete immaginare la nostra condivisione e l’adesione con tutto il cuore al magistero del Papa, sia per la sua freschezza pastorale sia perché è nella tradizione salesiana di Don Bosco essere sempre di sostegno al Papa, a tutti i Papi. Ecco, è nel solco di questa sintonia che abbiamo preso a cuore la proposta della Fratellanza. Per noi la “fratellanza” è la grande porta che ci apre il cuore e che permette, nei nostri spazi educativi, di seminare amicizia, di avere rapporti di grande rispetto e accoglienza – qualità primarie del nostro carisma – ma è anche ciò che ci permette di cercare sempre, come educatori, la giustizia. Per noi “fratellanza” è espressione di solidarietà e carità, è poter dire al cuore dei giovani che un mondo migliore è possibile, un mondo più giusto non è un’utopia. Noi crediamo che giorno dopo giorno possiamo costruirlo. E allora, facciamo proprio il termine “fratellanza” e lo plasmiamo traducendolo in senso educativo e questo prende forma ovunque, e ha successo anche là dove i cattolici sono una minoranza, perchè non è un discorso solo religioso.

I giovani e l’educazione, campo per eccellenza dei salesiani. Che lettura dare al disagio che registriamo in questi mesi: dalle resse per strada in tempi di lockdown, alle giovanissime vittime dei videogames e dei social ormai nuovi compagni di vita, fino ai femminicidi che arrivano a coinvolgere gli adolescenti in modo anche brutale?

R. – Una domanda che mi fa veramente molto molto piacere, perchè la realtà che ci sta intorno effettivamente mi colpisce. Sapere di ragazzi vittime di videogiochi, anzi schiavi della rete oppure violenti anche se giovanissimi. Vedo tante situazioni di rischio che mi ricordano la Torino di Don Bosco, anche se con elementi culturali differenti. Dunque quale aiuto, quale risposta dare? Uno dei tratti caratteristici dell’educare con occhi salesiani è la vicinanza alle famiglie, spesso spezzate, e la vicinanza ai ragazzi là dove si trovano, nel loro mondo. Essere presenza educativa in mezzo a loro, una presenza educativa amichevole, proprio come ha fatto Don Bosco a Valdocco andando per le strade e facendosi amico dei ragazzi e poi offrendo loro attività che li coinvolgessero nell’aiuto ai poveri. Importante è coinvolgere soprattutto i ragazzi che non sanno cosa fare della loro vita, che non hanno chiaro il loro cammino: si tratta di offrire loro attività per i poveri, attività che li mettano in collegamento con realtà di amicizia e di comunità, come può essere un oratorio o un centro giovanile. Lo sperimento ogni giorno qui a Roma dove mi trovo.  In una delle prime case di Don Bosco, al Sacro Cuore di Gesù, ci sono tanti giovani, ragazzi e ragazze, che la sera escono per andare a portare cibo, panini, coperte e assistenza umana a chi è in strada. Bene,  la cosa che imparo è questa : quando offriamo ai ragazzi ideali alti e iniziative belle, si apre per loro un mondo così interessante e speciale che fa in modo che altri cammini non siano più possibili. Fare loro proposte positive dunque, quando tutto intorno vivono solo esperienze negative.

L’educazione è un tema centrale anche per il Papa che ha ideato il ” Patto globale per l’educazione”, ma lo è pure per l’Europa, tra gli Obiettivi di sviluppo sostenibile. Quale il contributo che i Salesiani possono dare a questo progetto dalle buone pratiche che nel mondo sperimentate anche in contesti difficilissimi?

R. – Vi rispondo umilmente, portandovi il nostro piccolo contributo. Riteniamo, e questa è una verità indiscutibile, che lo strumento più efficace che c’è oggi nel mondo sia l’educazione. Essa è il grande investimento delle nazioni e dei popoli, che garantisce una società migliore e più solida. E lo dico a voce alta e forte. Come famiglia salesiana, crediamo nello strumento dell’educazione e aderiamo pienamente al “Patto educativo globale” lanciato dal Papa, che propone un nuovo sguardo, propone un’apertura agli altri che è l’esatto contrario di quanto vediamo oggi. Il Patto propone un nuovo modo di pensare e di pensarci: seminare questo oggi significa raccogliere frutti nel futuro. Il Patto guarda tantissimo ai rapporti umani e li mette al centro, e questo non si può perdere. Una Europa che ragiona solo in termini economici prima o poi avrà grossi problemi. Una Europa che invece mette diritti e rapporti umani di qualità al centro, raccoglierà frutti in termini di garanzie, democrazia , umanità e rispetto. Di nuovo cito Don Bosco che, quando andava a chiedere aiuto per fare scuola e dare da mangiare ai suoi ragazzi, diceva ai cittadini di Torino: “Se non aiutate oggi questi ragazzi, domani saranno loro che arriveranno a chiedervi con la forza i soldi, minacciandovi”. Certo è un’espressione plastica, ma vuol dire che la formazione è un modo di garantire un’altra realtà, più giusta e migliore, e penso che lo sappiamo tutti. Per questo dico che l’adesione al Patto educativo voluto dal Papa mi sembra una brillantissima idea e un’opportunità molto interessante a cui noi aderiamo pienamente.

In questo tempo di pandemia che ha colpito anche la famiglia salesiana come il resto del mondo, il Papa non ci ha fatto mai mancare le sue parole di guida e il suo sguardo interpretativo. Che valore date al magistero Pontificio in questo contesto così drammatico e come lo state vivendo?

R. -In questo tempo di pandemia, posso dire che, anche noi, siamo stati molto colpiti nelle missioni che abbiamo nel mondo. Una tragedia ci ha investito senza fare distinzioni. Come famiglia di Don Bosco abbiamo perso finora 102 salesiani, specie in Europa e in America e non si tratta solo di anziani. Tante volte abbiamo perso giovani confratelli pieni di gioia e forza di vita pastorale. Dunque è una realtà per noi molto dolorosa, come lo è per le famiglie che hanno pianto i loro cari tanto amati e che ora vivono in difficoltà economiche grandissime. Il magistero del Papa in questo ci è di guida: è la guida più autorevole e ascoltata. Dunque pandemia per noi è stato dolore, ma anche una spinta a camminare cercando la luce nell’oscurità Un tempo di creatività educativa, è stato tempo di vicinanza ai più colpiti. Solidarietà e carità sono state messe in atto in modo tangibile. Ci siamo detti infatti sin dall’inizio: come possiamo rispondere al Covid in modo salesiano? E allora abbiamo condiviso tante esperienze e servizi per chi ha meno e ne sono nate cose bellissime. In particolare da tutto il mondo siamo riusciti a raccogliere 9 milioni di euro da distribuire in 63 nazioni con 143 piccoli progetti di sostegno a realtà locali. Ecco, questo è stato un modo semplice per dire: non pensiamo solo a noi stessi ed alla nostra salute, ma, come faceva Don Bosco quando scendeva in strada a cercare i ragazzi da soccorrere, rispondiamo con la stessa forza. E allora creatività e coraggio! Questo è oggi il nostro contributo.

“Buonanotte” del Rettor Maggiore al termine della sessione plenaria invernale del Consiglio Generale

Dall’agenzia salesiana ANS.

***

(ANS – Roma) – Si conclude oggi, 28 gennaio, la sessione plenaria invernale del Consiglio Generale. E come da tradizione, in vista della chiusura, il Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, ha condiviso ieri con la comunità della Sede Centrale Salesiana i lavori sostenuti, offrendo il suo pensiero della “Buonanotte”.

Durante le 34 sessioni di lavoro, realizzate in presenza e nel pieno rispetto delle misure di sicurezza, il Rettor Maggiore e il suo Consiglio hanno provveduto a nominare sei Superiori: gli Ispettori delle Antille, di India-Bangalore e India-Nuova Delhi, Filippine Sud-Pakistan e Vietnam-Mongolia e il Superiore della Visitatoria del Myanmar.

Altre nomine hanno riguardato 33 Consiglieri ispettoriali, 58 Direttori e quattro Maestri dei Novizi – in quest’ultimo caso alcune nomine sono divenute impellenti perché, a motivo della pandemia, alcuni novizi non potevano uscire dal proprio Paese.

Sono state erette canonicamente cinque case e ne sono state aperte due, a fronte di tre chiusure (due case canonicamente erette e una presenza).

Tra le altre attività tradizionali delle riunioni plenarie del Consiglio, è stato studiato un Capitolo ispettoriale: quello dell’Ispettoria di India-Nuova Delhi.

Tutti questi lavori di “ordinaria amministrazione”, sono stati sempre accompagnati da tempi opportunamente dedicati “al discernimento e alla serena riflessione”, ha sottolineato il Rettor Maggiore.

Sono stati distribuiti, inoltre, i fondi alle diverse Ispettorie, con una particolare attenzione al sostegno delle case di formazione, per accompagnare la crescita delle vocazioni salesiane. In tal senso Don Á.F. Artime ha reso noto dei dati incoraggianti: oggi sono 3.200 i Figli di Don Bosco nelle varie tappe della formazione iniziale. “Su quattro salesiani, tre sono professi perpetui e uno è ancora professo temporaneo o perpetuo, ma in attesa di essere ordinato sacerdote” ha spiegato.

Un altro tema che ha richiesto attenzione e dedizione è stato l’elaborazione del “Direttorio del Consiglio Generale”, un vademecum atto ad indicare come gestire i lavori e i rapporti tra i membri del Consilio Generale e tra questi e le Ispettorie, i Settori, gli uffici centrali…

Dal Dicastero per la Pastorale Giovanile sono state condivise due riflessioni: una a conclusione del lungo lavoro realizzato negli ultimi anni sul tema Pastorale Giovanile e Famiglia, l’altra sulle opere salesiane a gestione laicale.

Il Dicastero per la Formazione, da parte sua, ha portato in Consiglio il tema dell’accompagnamento spirituale salesiano in rapporto alle diverse tappe formative.

Mentre dal Dicastero per le Missioni l’attenzione è stata posta sulla preparazione dei missionari, soprattutto in quest’epoca in cui gli spostamenti sono molto difficoltosi.

Il Rettor Maggiore ha concluso il suo pensiero rivolgendo il suo “grazie sincero e di cuore” a tutti i membri della comunità salesiana per il loro servizio generoso.