Articoli

Lettera dell’Ispettore – Gennaio 2024

Si riporta di seguito la lettera dell’Ispettore del Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania don Leonardo Mancini per il mese di gennaio 2024.

Valdocco, 31 Gennaio 2024

A confratelli e laici corresponsabili di
Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania

Carissimi/e,
un saluto cordiale a tutti voi.

Vi scrivo per farvi gli auguri per la festa del nostro padre Don Bosco, nell’anno bicentenario del Sogno dei 9 anni, Il sogno che fa sognare, come scrive don Ángel nella Strenna 2024.

L’augurio che vorrei rivolgere a tutti noi che condividiamo la passione e la missione del carisma salesiano, è quello di poter continuare a sognare come Don Bosco e con Don Bosco.

Continuare a sognare come Don Bosco…! Sì, perché il sogno dei 9 anni, mentre sottolinea l’unicità della persona di Don Bosco, ricorda indirettamente anche l’unicità di ciascuna delle nostre persone, e del progetto che Dio ha sulla nostra vita. Un progetto che solo noi possiamo realizzare; nessuno al posto nostro potrà fare lo stesso. Se questo è vero, dobbiamo attivarci costantemente per comprendere e assecondare il sogno di Dio su di noi; ben sapendo che questo non ci viene rivelato una volta per sempre, ma ha bisogno di continui aggiornamenti! Capita così anche nella Bibbia. Le persone di cui si racconta la chiamata, da Abramo a Maria, agli apostoli, non ricevono subito tutte le istruzioni; anzi, il più delle volte il mandato iniziale è davvero molto scarno; bisogna imparare a fidarsi di Dio e ad essere molto creativi! E Dio allora, passo dopo passo, invia gli aggiornamenti necessari; guida chi si affida a Lui, e lo fa in modo spesso imprevedibile; fino al momento in cui, al termine della vita, chi si è fidato possa dire, con stupore e gioia grande (proprio come Don Bosco davanti all’altare dell’Ausiliatrice nella basilica del Sacro Cuore): “adesso ho capito il senso del sogno che Dio aveva e ha su di me”!

Continuare a sognare con Don Bosco…! Sì, perché noi condividiamo il Da Mihi Animas, la sua stessa passione per la salvezza dei giovani. Quindi i nostri sogni non potranno essere popolati solo o soprattutto da adulti! Se Don Bosco ci ha conquistato, se lo spirito salesiano ci abita ed è ormai parte della nostra vita, del battito del nostro cuore, dei pensieri della nostra mente, dei desideri della nostra volontà… allora non potremo fare a meno di interessarci dei giovani. E di accompagnarli, come ha fatto Don Bosco, nella scoperta sorprendente e incoraggiante del sogno che Dio ha su di loro. Questo implica da parte nostra l’impegno di proporre loro un’antropologia specifica, quella cristiana; un modo particolare di intendere la persona umana, quale unica creatura nell’universo che custodisce in sé un segreto da scoprire e sviluppare, un seme che Dio le ha seminato nel cuore; seme che ciascuno deve saper trovare, custodire, innaffiare, far germogliare e far fruttificare! Questo seme si chiama vocazione; esso è un tesoro inestimabile, custodito nella vita di ciascun giovane; e noi abbiamo la gioia e il dovere di annunciarne l’esistenza e di favorirne la scoperta! Possiamo e dobbiamo accompagnare quanti più giovani possibile nella realizzazione della loro chiamata.

Il mio augurio, con tutto il cuore, è che questa festa di Don Bosco sia un’occasione rinnovata per “aggiornare” la nostra chiamata personale ed impegnarci sempre più nell’aiutare i giovani a scoprire e sviluppare la loro chiamata, il sogno che Dio ha su ciascuno di loro, perché possano essere veramente felici nel tempo e nell’eternità. Buona festa a tutti!

Con affetto in Don Bosco,

Don Leonardo Mancini
Ispettore ICP

Lettera dell’Ispettore – Novembre 2023

Si riporta di seguito la lettera dell’Ispettore del Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania don Leonardo Mancini per il mese di novembre 2023.

San Benigno, 30 novembre 2023

A confratelli e laici corresponsabili di
Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania

Carissimi/e,
un saluto cordiale a tutti voi.

Vi scrivo da San Benigno, mentre ascolto il vociare dei ragazzi in cortile e sto per concludere la Visita Ispettoriale. Non intendo parlarvi delle attività di questa bella comunità ed opera, però. Il tempo ed il luogo sono propizi per affrontare altri due argomenti: l’Avvento ormai prossimo – inizia sabato 2 dicembre – , ed il Sogno dei 10 diamanti, che proprio in questa casa Don Bosco ha vissuto nella notte tra il 10 el’11 settembre del 1881, mentre erano in corso gli esercizi spirituali per i confratelli.

Forse questo sogno è poco conosciuto dai laici: mentre vi invito ad una lettura completa prendendo il testo contenuto in Memorie Biografiche XV, pp 183-187 (ma rintracciabile facilmente anche su internet), dico sinteticamente che Don Bosco sogna di trovarsi insieme con i direttori salesiani di fronte ad un personaggio misterioso – modello de La Pia Società Salesiana quale deve essere – che porta attaccati al mantello che lo avvolge 5 diamanti sul petto/spalle (fede, speranza, carità, lavoro e temperanza) e 5 diamanti sulla schiena (castità, povertà, obbedienza, premio e digiuno); il diamante della carità è posto al centro del petto e quello dell’obbedienza è posto al centro della schiena. In un secondo momento lo stesso personaggio appare con il mantello privato dei diamanti; al loro posto si vedono dei tarli, simbolo dei vizi opposti alle virtù precedentemente indicate; tale scena rappresenta La Pia Società Salesiana quale corre pericolo di diventare. Il sogno si conclude con l’apparizione di un giovane, presumibilmente una figura angelica, che offre ai presenti alcune riflessioni relative al sogno.

Solo 3 anni dopo, nel 1884, nella Lettera da Roma Don Bosco esorterà i salesiani a rimanere fedeli al carisma così come questo era stato vissuto nelle sue origini a Valdocco. Sono passati tanti anni da quel sogno, 142 per l’esattezza, e la Congregazione salesiana ha continuato a camminare nella fedeltà a Don Bosco, estendendosi in tante parti del mondo. Inutile negare però che il pericolo di snaturare il carisma delle origini è sempre presente.

Abbiamo bisogno di verificarci costantemente per capire se la nostra vita e missione di consacrati, che nel frattempo si è arricchita della presenza e condivisione di tantissimi laici corresponsabili, continua ad essere quella che Don Bosco, spinto dallo Spirito e per intercessione di Maria, ha inaugurato a Valdocco intorno alla metà del XIX secolo.

Se il CG29 ha tra i suoi nuclei di riflessione l’Animazione e cura della vita vera di ciascun salesiano, ed il Rettor Maggiore in ACG 441 come primo impegno ci ricorda il seguente: “Come credenti conquistati da Dio fissiamo il nostro sguardo nella vita consacrata salesiana incentrata in Gesù Cristo“, vuol dire che il tema sollevato dal sogno dei 10 diamanti è decisamente attuale, anche oggi!

La necessità di verificarci ci spinge ad utilizzare bene quelle occasioni, quali i tempi forti, che il cammino dell’Anno Liturgico mette a nostra disposizione.

L’Avvento mi pare realmente un tempo propizio anche per cominciare la verifica della nostra identità di salesiani consacrati. Le comunità salesiane iniziano ad entrare nel tema capitolare attraverso le elezioni dei delegati al Capitolo Ispettoriale; ma contestualmente possono approfondire l’ultimo numero degli Atti del Consiglio Generale, che sviluppa le tracce di riflessione sui temi proposti per il CG29. Tale riflessione potrà proseguire opportunamente nel mese “salesiano” di gennaio, e poi, anche attraverso i materiali che il Regolatore invierà alle comunità, convergerà ad aprile nelle giornate dedicate al capitolo ispettoriale. La riflessione sull’identità della nosra consacrazione salesiana potrù senz’altro essere arricchita dai bei video di presentazione dei 12 articoli costituzionali sullo spirito salesiano che stanno arrivando nelle comunità; dice a questo proposito il personaggio celeste che entra in campo prima della conclusione del Sogno dei 10 diamanti: “Ascoltate bene e intendete. La meditazione del mattino e della sera sia costantemente sull’osservanza delle Costituzioni. Se ciò farete, non vi verrà meno giammai l’aiuto dell’Onnipotente“.

L’Avvento è tempo di attesa; è tempo di ricerca umile, gioiosa, credente; totalizzante, con il Dio che si incarna in Gesù di Nazareth. E i consacrati vengono definiti “cercatori di Dio”. Certamente, più ci immergiamo in Cristo, più capiamo chi siamo noi. E questo vale non solo per i consacrati, ma anche per tutti i christifideles laici.

Nel sogno dei 10 diamanti ad ogni diamante è collegata una frase, scritta su uno dei raggi che la singola gemma emana; per il diamante della Speranza, virtù tipica del tempo di Avvento, troviamo scritto: “Sperate nel Signore, non negli uomini. I vostri cuori siano sempre intenti a conquistare la vera gioia“.

Mi pare un buon viatico per questo Avvento: concentriamo il nostro sguardo, il nostro cuore, la nostra mente, la nostra volontà, le nostre azioni, sulla vera gioia, su Gesù, il sempre veniente: che è venuto nel Natale, che verrà alla fine dei tempi, che viene ogni giorno nei ragazzi che incontriamo e a cui siamo chiamati a consegnare l’annuncio evangelico della Salvezza.

Buon tempo di Avvento allora, buona attesa/ricerca di Gesù. E buona festa, ormai vicinissima, del compleanno dell’Opera salesiana, la festa dell’Immacolata. Maria di Nazareth, protagonista dell’Avvento, accompagni il nostro cammino incontro al Bambino di Betlemme, Signore della Storia e rivelatore del senso profondo di ogni vita.

Un abbraccio fraterno in Don Bosco,

Don Leonardo Mancini
Ispettore ICP

Don Artime Cardinale: il Papa sul futuro della Congregazione – La Voce e il Tempo

Articolo a cura di Marina Lomunno apparso su La Voce e il Tempo.

***

Don Angel Fernàndez Artime, Rettor Maggiore dei salesiani, tra i 21 scelti da Papa Francesco per essere creati cardinali nel prossimo Concistoro nel 30 settembre, ha inviato una letteraa tutti i confratelli salesiani e ai Gruppi della Famiglia Salesiana” sparsi in 133 nazioni dei 5 continenti per spiegare “chi guiderà la Congregazione salesiana”.

Il testo, datato 12 luglio e diffuso in italiano, inglese, spagnolo, spagnolo dell’America Latina, francese e portoghese all’indomani dell’incontro con Papa Francesco avvenuto nel pomeriggio di martedì 11 in Vaticano, comunica le “disposizioni” per il futuro della Congregazione che

“il Santo Padre mi ha comunicato durante un dialogo fraterno”

scrive don Artime.

“Come sempre il Papa si è mostrato attento, cordiale, profondo estimatore del carisma di don Bosco e particolarmente affettuoso. Sentimenti che, a nome mio personale e di tutta la Famiglia salesiana, ho ricambiato”. Il Papa ha stabilito che “potremo anticipare il 29° Capitolo generale di un anno, cioè nel febbraio 2025”

prosegue il Rettor Maggiore la cui scadenza come superiore dei Salesiani era prevista per il 2026.

“Il Papa ha ritenuto che, per il bene della nostra Congregazione, dopo il Concistoro del 30 settembre 2023 io possa continuare il mio servizio come Rettore Maggiore fino al 31 luglio 2024, cioè fino alla conclusione della sessione plenaria estiva del Consiglio Generale. Dopo tale data presenterò le mie dimissioni da Rettor Maggiore per assumere dalle mani del Santo Padre il servizio che mi affiderà: Papa Francesco non me l’ha ancora detto ma con questo ampio margine di tempo ritengo che sia la cosa più opportuna”

aggiunge don Artime. Dopo le sue dimissioni, secondo le Costituzioni della Congregazione nel caso della “cessazione dall’ufficio del Rettor Maggiore”, sarà il vicario don Stefano Martoglio ad assumere il governo della Congregazione ad interim fino alla celebrazione del nuovo Capitolo.

“Per tutto questo tempo continueremo a seguire il programma del sessennio stabilito per l’animazione e nel governo della Congregazione. Al fine di completare tutte le visite straordinarie programmate (comprese quelle relative all’anno 2025), il Rettor Maggiore, udito il parere dei membri del Consiglio generale, procederà alla nomina di un ulteriore visitatore straordinario. In questo modo sarà possibile arrivare al Capitolo con un quadro completo e aggiornato della situazione dell’intera Congregazione”

precisa don Artime. Che ricorda, all’inizio della lettera scritta a Torino, dalla Basilica di Maria Ausiliatrice, Casa Madre dei Salesiani, come dopo

“la notizia inaspettata (soprattutto per me)” migliaia di persone si saranno domandate: “e ora cosa accadrà? Chi guiderà la Congregazione nel prossimo futuro? Quali passi l’attendono? Potete ben capire che sono gli stessi interrogativi che anch’io mi sono posto, mentre ringraziavo con fede il Signore per questo dono che Papa Francesco ci ha fatto come Congregazione salesiana e come Famiglia di don Bosco”.

Infine don Artime chiede a tutti i figli di don Bosco e alla Famiglia Salesiana di continuare a intensificare la preghiera,

“soprattutto per Papa Francesco: lui stesso l’ha espressamente richiesta al termine dell’udienza privata a me concessa. E vi chiedo anche di pregare per quello che vivremo in questo anno come Congregazione e come Famiglia Salesiana. Chiedo, infine, anche di pregare per me, posto di fronte alla prospettiva di un nuovo servizio nella Chiesa che, come figlio di don Bosco, accetto in filiale obbedienza, senza averlo né cercato né voluto. Il nostro amato padre don Bosco mi è testimone davanti al Signore Gesù”.

E conclude:

“Sento come rivolte a me le stesse espressioni che la Madonna disse a don Bosco nel sogno dei nove anni – di cui l’anno prossimo si celebrerà il secondo centenario: ‘A suo tempo tutto comprenderai’. E sappiamo che per il nostro padre ciò è effettivamente avvenuto quasi al termine della vita, davanti all’altare di Maria Ausiliatrice nella Basilica del Sacro Cuore di Gesù, che era stata consacrata il giorno prima, il 16 maggio 1887. Mettiamo tutto nelle mani del Signore e di sua Madre”.

Le disposizioni per la Congregazione Salesiana dopo la nomina a Cardinale del Rettor Maggiore

Dopo l’inatteso annuncio da parte di Papa Francesco della nomina a Cardinale di Don Ángel Fernández Artime, Rettor Maggiore della Congregazione Salesiana, lo stesso Rettor Maggiore ha scritto una lettera ai Salesiani e alla Famiglia Salesiana per condividere quello che sarà il futuro del governo della Congregazione.

Don Á.F. Artime esordisce sottolineando che la notizia è stata per lui del tutto “inaspettata”, e che l’ha accolta come un “dono che Papa Francesco ci ha fatto come Congregazione salesiana e come Famiglia di Don Bosco”.

“Che grande affetto ha il Papa nei nostri confronti!!!”

scrive il Rettor Maggiore.

Lo stesso Papa Francesco, racconta il X Successore di Don Bosco, ha convocato Don Á.F. Artime in Vaticano per la giornata di martedì 11 luglio scorso, in un appuntamento che con paterna attenzione ha voluto “per concordare i tempi necessari del mio servizio come Rettor Maggiore, per il ben innanzitutto, della Congregazione”.

Al termine del dialogo con il Rettor Maggiore, il Santo Padre, che “si è mostrato attento, cordiale, profondo estimatore del carisma di Don Bosco e particolarmente affettuoso”, ha stabilito che Don Á.F. Artime continui a servire come Rettor Maggiore, e al tempo stesso come Cardinale, per un anno.

Convocherà poi un Capitolo Generaleil 29° della Congregazione – che si terrà nel febbraio 2025, nel quale verrà eletto un nuovo Rettor Maggiore, e presenterà le sue dimissioni dal governo della Congregazione il 31 luglio 2024. Da quel momento sarà l’attuale suo Vicario, don Stefano Martoglio, ad assumere il governo della Congregazione ad interim, e sarà sempre questi a presiedere il CG29.

Il Rettor Maggiore afferma nel suo comunicato che, quando le sue dimissioni diventeranno effettive, assumerà il compito che gli verrà affidato dal Santo Padre, di cui però non è ancora a conoscenza. E chiede ai Salesiani e alla Famiglia Salesiana di intensificare le preghiere per il Papa e anche per se stesso “posto di fronte alla prospettiva di un nuovo servizio nella Chiesa che, come figlio di Don Bosco, accetto in filiale obbedienza, senza averlo cercato, né voluto”.

Lettera dell’Ispettore – Giugno 2023

Si riporta di seguito la lettera dell’Ispettore del Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania don Leonardo Mancini per il mese di giugno 2023.

Valdocco, 9 giugno 2023

A confratelli e laici corresponsabili di
Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania

Carissimi/e,
un saluto cordiale a tutti voi.

Gli inizi del mese di giugno sono un periodo nel quale Scuola e CFP terminano le lezioni e preparano gli esami; esami che i giovani universitari (chierici o laici che siano) hanno sostenuto o stanno sostenendo; gli Oratori iniziano le attività estive, in particolare l’Estate Ragazzi; il Noviziato, le Parrocchie, le case di accoglienza e le Comunità per ragazzi in difficoltà tirano le fila dell’anno trascorso e continuano senza tregua l’attività ordinaria; a livello ispettoriale ci si immerge nei Campi di formazione animatori. E comunque tutti si trovano in una fase particolare dell’anno, dove si fa un bilancio di quanto vissuto, si continua a lavorare e si progetta – nell’immediato o un po’ più a lungo termine – l’attività futura.

L’occasione allora è propizia per ringraziarvi del tanto lavoro di quest’anno. A detta di molti, la ripresa piena di tutte le attività post covid, comprendendo quelle che si erano lasciate in sospeso unitamente a quelle che si era già previsto di realizzare, ha fatto sì che la mole di lavoro accumulata sia stata davvero notevole. Grazie dunque per la passione educativa e pastorale che avete messo e mettete quotidianamente nel vostro lavoro a servizio dei ragazzi e di tutto il popolo di Dio a noi affidato.

In questa lettera desidero inoltrarvi anche quanto ricevuto da don Harris Pakkam e dalla équipe organizzativa del Don Bosco Global Youth Film Festival, Stagione 2, in programma il 13 e 14 ottobre 2023.

Si tratta di un’iniziativa unica nel suo genere, organizzata a livello di Congregazione, che coinvolge tutta la Famiglia Salesiana e che è destinata proprio ai nostri beneficiari di età compresa tra i 14 e i 25 anni. La richiesta è la seguente:

  1. Assicurarsi che le date del 13 e 14 ottobre siano bloccate in tutte le istituzioni della vostra provincia per organizzare il Don Bosco Global Youth Film Festival, o almeno un giorno.
  2. Esortare tutti i Rettori, i Presidi e i Direttori a parlare del festival a tutti i giovani delle loro istituzioni e a incoraggiarli a partecipare al festival con i loro elaborati.
  3. Invitare altri partner locali, istituzioni religiose e organizzazioni a collaborare con noi nell’organizzazione di questo festival per i loro giovani il 13 e il 14 ottobre, così insieme saremo una grande forza.

L’ ultima data utile per presentare le iscrizioni è il 31 Luglio. Se tutte le istituzioni riusciranno a collaborare e a incoraggiare i loro beneficiari a partecipare, avremo assicurato a questa iniziativa un successo significativo. Tutte le informazioni sul festival si possono trovare sul portale www.dbgyff.com.

Concludo con due notizie di famiglia, senz’altro gradite.

Se il 24 maggio vi avevo annunciato il trasferimento di don Luca Barone a Roma, in vista di un delicato servizio da svolgere presso la Sede Centrale, adesso vi comunico che il Rettor Maggiore ha previsto il rientro in Ispettoria di don Enrico Stasi, essendo terminato il suo compito di direttore presso la comunità del post-noviziato di Nave. Accogliamo con gioia la notizia del rientro di don Enrico e gli assicuriamo il nostro affetto, ben contenti che possa tornare a lavorare in ICP!

Vi ricordo inoltre che sabato 10 giugno nella Basilica di S. Maria Ausiliatrice il Vescovo ausiliare Mons. Alessandro Giraudo ordinerà diaconi 12 confratelli studenti della Crocetta, tra cui i nostri Vytautas Markûnas ed Elvis Yuonfaa. Partecipiamo volentieri a questo evento con la preghiera, con l’affetto ed anche con la presenza!

Un abbraccio fraterno in Don Bosco,
Don Leonardo Mancini
Ispettore ICP

Lettera dell’Ispettore – Aprile 2023

Si riporta di seguito la lettera dell’Ispettore del Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania don Leonardo Mancini per il mese di aprile 2023.

Valdocco, 6 aprile 2023
Giovedì Santo

A confratelli e laici corresponsabili di
Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania

Carissimi/e,
un saluto cordiale a tutti voi.

Ho appena terminato gli esercizi spirituali in Terra Santa insieme con gli ispettori della Regione Mediterranea. Esperienza molto ricca, sia per i luoghi visitati che per i contenuti biblici, i quali – come è facile prevedere – in questo caso facilmente ben si compongono con i luoghi. Tante sono le suggestioni ricevute, le riflessioni fatte, le sfide che il Signore ha lanciato attraverso la sua Parola, spezzata con profondità e delicatezza da Don Marco Rossetti, confratello docente di Sacra Scrittura della Crocetta.

Desidero rivolgere a tutti i miei auguri pasquali, e lo faccio riprendendo uno spunto preso proprio dagli esercizi appena vissuti, ed in particolare da uno dei dialoghi che Gesù intrattiene sulla Croce, quello con il buon ladrone (cfr Lc 23,39-43).

Lo spunto nasce dalla constatazione che Gesù perdona il buon ladrone e gli regala un biglietto all inclusive per il Paradiso! C’è da tenere presente che noi chiamiamo buono questo ladrone, ma che lui non è una vittima del cattivo funzionamento della giustizia o di un errore giudiziario: è veramente un ladro e veramente colpevole; dice lui stesso di essere stato condannato giustamente e di meritarsi la pena comminata (cfr Lc 23,40-41).

A partire da questo passo del vangelo faccio due considerazioni: da una parte il brano manifesta la determinazione dell’amore misericordioso di Dio, che non si ferma di fronte a nessun ostacolo pur di salvare l’uomo, se c’è in lui un cuore anche solo minimamente disponibile a lasciarsi perdonare.

Dall’altra mi pare che il brano affermi implicitamente che il creatore/redentore vede nella creatura il riflesso vivo della Sua stessa bellezza, essendo ogni essere umano creato a immagine di Dio.

Proprio per questo il Signore si prende cura con amore – fino alla follia – di ciascuno di noi; e sempre per questo approfitta di ogni situazione, fino all’ultimo istante di vita, perché quella vita possa rifiorire, possa tornare a sorridere, possa risorgere, qui e per tutta l’eternità.

Quello che Gesù opera sulla Croce verso il buon ladrone è ciò che vuole fare con ciascuno di noi. E ci è di insegnamento, in quanto educatori, per ricordarci l’approccio corretto, seguito da Don Bosco, che siamo chiamati ad avere nei confronti dei ragazzi: verso tutti, perché basta che siate giovani perché io vi ami assai; ed in particolare verso alcuni, più complicati e fragili, “poveri e abbandonati”, perché avvi in ogni giovane, anche il più disgraziato, un punto accessibile al bene; primo dovere dell’educatore è di cercar questo punto, questa corda sensibile del cuore, per trarne profitto.

Insomma il Signore, e Don Bosco con lui, ci chiede di imparare a vedere la bellezza di Dio presente in ogni anima. C’è sicuramente un po’ di bellezza – anche se talora nascosta molto bene! – in ogni cuore.

L’immagine di Dio, le tracce della parentela con Dio presenti in ogni persona, in ogni giovane, sono un tesoro così prezioso, che vale la pena lottare affinché emergano e possano diventare la leva su cui far forza per “aggiustare”, aggregare o riaggregare il resto della persona. So che qualcuno adesso potrebbe dirmi: stacci tu con questo/a qui… è davvero difficile trovarvi tracce della bellezza di Dio!

Lo so anche io che certi ragazzi o ragazze sono complicati, non voglio semplificare la realtà in modo buonista. Eppure questo vuol essere il mio augurio: che ognuno di noi, nell’accogliere a Pasqua la buona notizia del Signore Crocifisso e Risorto, possa trovare nuove energie, nuovi occhi, un cuore nuovo, per riuscire a cogliere la bellezza di Dio presente in ogni anima, in ogni persona, in ogni giovane; compresi noi stessi!

E, poiché siamo stati progettati anche per essere felici abitatori del Cielo (progettati cioè non solo per essere belli dentro, ma belli per sempre: In verità io ti dico: oggi con me starai nel Paradiso –Lc 23,42), auguriamoci che la nostra testimonianza possa far sorgere in tanti, oltre che un rinnovato amore per ogni persona – compresa quella più ferita e più fragile – anche un po’ di nostalgia per l’eternità; insomma, vi auguro di poter scoprire la bellezza di Dio presente in ciascuno, ma anche di ricordare ciò verso cui questa bellezza è orientata: il Paradiso.

Concludo con tre notizie di famiglia.

Il 15 aprile verranno conferiti a Torino-Crocetta i ministeri del Lettorato e dell’Accolitato a diversi confratelli studenti di Teologia. Il 25 aprile sempre alla Crocetta, in occasione del centenario dell’opera, si svolgerà la festa ispettoriale. Il 13 maggio a Torino – Valsalice verrà ordinato sacerdote don Antonio Carriero.

Partecipiamo volentieri a questi eventi con la preghiera, con l’affetto ed anche con la presenza!

Con questi sentimenti

vi auguro di cuore
una serena e santa Pasqua di Risurrezione

Con grande affetto in Don Bosco
Don Leonardo Mancini
Ispettore ICP

Lettera dell’Ispettore – Febbraio 2023

Si riporta di seguito la lettera dell’Ispettore del Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania don Leonardo Mancini per il mese di febbraio 2023.

Valdocco, 12 febbraio 2023

A confratelli e laici corresponsabili di
Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania

Carissimi/e,
un saluto cordiale a tutti voi.

Vi raggiungo per confermare una comunicazione giunta già da tempo, riguardante il terremoto in Turchia e Siria dello scorso 6 febbraio.

Come certamente saprete i salesiani della Ispettoria del Medio Oriente stanno ospitando, specialmente nella casa di Aleppo, moltissimi sfollati (oltre 500 al momento). Fin dal giorno successivo al sisma la Sede Centrale della Congregazione prima e poi gli Animatori Missionari salesiani italiani hanno indicato un numero di conto corrente bancario dove poter indirizzare donazioni dirette a sostenere questa attività di solidarietà. Tale numero è stato inserito fin da subito sul sito della nostra ispettoria (ed è riportato anche in calce alla lettera).

E’ scontato ricordare che in Siria questo disastro si aggiunge alla tragedia della guerra, che si perpetua da oltre un decennio. La popolazione è stremata e l’opera che i salesiani compiono è dunque
doppiamente importante per portare sostegno, solidarietà, vicinanza e sicurezza a tanta gente. Non sappiamo come le cose andranno evolvendosi, ma abbiamo comunque deciso che le raccolte della Quaresima di Fraternità, che verranno realizzate quest’anno dalle nostre opere, saranno destinate alla Siria per l’Emergenza Terremoto.

Per il momento l’unica iniziativa ispettoriale in atto è appunto la raccolta fondi sul conto corrente bancario indicato. Accanto a tale iniziativa non lasciamo mancare tuttavia la vicinanza della preghiera. Affidiamo al Signore le vittime, i senzatetto, i soccorritori, tutti i confratelli salesiani ed i laici impegnati negli aiuti. Preghiamo perché, nonostante tutto ed anche grazie alla testimonianza di solidarietà in loco e a distanza, possa in tutti rimanere accesa ed alimentarsi la speranza.

Un abbraccio fraterno in Don bosco,
Don Leonardo Mancini
Ispettore ICP

Lettera dell’Ispettore – Natale 2022

Si riporta di seguito la lettera dell’Ispettore del Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania don Leonardo Mancini in occasione del Santo Natale 2022.

Valdocco, 24 dicembre 2022

L’angelo disse ai pastori:
“Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia,
che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide,
è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore.
Questo per voi il segno:
troverete un bambino avvolto in fasce,
adagiato in una mangiatoia”.
(Lc 2,10-12)

A confratelli e laici corresponsabili di
Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania

Carissimi confratelli,
il tempo di Avvento è trascorso in fretta, come e forse più del viaggio di Maria che va ad aiutare Elisabetta. Penso non così in fretta da non farci accorgere di quello a cui ci stavamo e stiamo preparando: la celebrazione dell’Incarnazione del Verbo.

Immagino che tutti in questi giorni abbiamo aiutato altri ad entrare nel mistero del Natale, ne abbiamo fatto assaporare la bellezza, la profondità, l’importanza per ciascuno di noi e per l’intera umanità.

E abbiamo forse insistito anche su uno degli atteggiamenti tipici dell’Avvento-Natale; atteggiamento che viene sottolineato anche dagli angeli: la gioia. In realtà, a leggere bene il testo evangelico, la gioia non è solo o soprattutto un atteggiamento o un sentimento, ma un evento vero e proprio, è l’oggetto dell’annuncio: vi annuncio una grande gioia. La gioia coincide con il bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia.

Nelle nostre Costituzioni la parola “gioia” è presente 12 volte; ed abbiamo come ben sapete un articolo costituzionale, il n° 17, che si intitola Ottimismo e gioia. Riporto qui l’ultima parte del testo dell’articolo; il soggetto naturalmente è “il salesiano”: “Poiché annuncia la Buona Novella, è sempre lieto. Diffonde questa gioia e sa educare alla letizia della vita cristiana e al senso della festa: «Serviamo il Signore in santa allegria“.

L’articolo ci ricorda che nel salesiano la gioia, la letizia, non dipende dai bioritmi favorevoli, ma dipende dal fatto che lui annuncia la Buona Novella: una bella Notizia, anzi, la più bella Notizia della storia! Più annuncio, più gioisco; meno annuncio, più sono triste. Ci ricorda inoltre che siamo chiamati a diffondere la gioia della Buona Notizia con la logica dell’educatore, consapevoli che la trasmissione non viene recepita immediatamente, ma richiede un processo, un cammino: c’è bisogno di educare alla letizia della vita cristiana ed al senso della festa.

Se le cose stanno così come le descrivono il Vangelo e le Costituzioni,
possiamo dire che:

  • la gioia è l’evento Gesù, Verbo incarnato che si fa Piccolo per me (cfr Lc 2,10-12)
  • la gioia abita chi la annuncia… cioè chi annuncia la Buona Notizia che è Gesù (cfr Cost. 17)
  • la gioia ha bisogno di me educatore per estendersi, farsi conoscere ed abitare altri; nella consapevolezza che la gioia si insegna e si impara gradualmente… perché alla letizia della vita cristiana si viene educati (cfr Cost. 17).

Vi auguro, e auguro anche a me, di accogliere la grande gioia che è Gesù Bambino, Lui che non è solo un sentimento, ma è realtà viva e presente!

Vi auguro, e auguro anche a me, di essere sempre lieti, cioè abitati dalla gioia, perché non ci stanchiamo di annunciare la Buona Notizia ai ragazzi e in comunità.

Vi auguro, e auguro anche a me, di ricordare che alla letizia si viene educati e che perciò questo servizio in noi educatori richiede speranza, pazienza, perseveranza, creatività, accompagnamento educativo. Specialmente se e quando le situazioni attorno a noi raccontano un mondo affaticato, diviso, ferito,
disorientato.

Come Maria con amore e delicatezza depone Gesù nella mangiatoia, così, in questo mondo fragile – e soprattutto nel cuore dei giovani – noi continuiamo a deporre la Buona Notizia, perché cresca gradualmente, maturi e porti a pienezza la loro vita.

Buon Natale e Buon Anno a tutti!

Con affetto in Don bosco,
Don Leonardo Mancini
Ispettore ICP

 

Lettera dell’Ispettore – Novembre 2022

Si riporta di seguito la lettera dell’Ispettore del Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania don Leonardo Mancini per il mese di novembre 2022.

Valdocco, 13 novembre 2022
Memoria liturgica di Sant’Artemide Zatti

A confratelli e laici corresponsabili di
Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania

Carissimi/e,
un saluto cordiale a tutti voi. Mentre la prima neve – finalmente, per certi versi (cfr la siccità); purtroppo, per altri (cfr il costo del gas)! – fa capolino sulle nostre montagne, ho l’occasione di scrivervi per darvi qualche comunicazione.

La prima notizia che desidero commentare, già arrivatavi attraverso i direttori, è quella relativa alla “partenza” dei salesiani consacrati da Ivrea. La presenza stabile degli sdb infatti si interromperà a fine novembre 2022. Colgo l’occasione allora per ringraziare di cuore in particolare don Dante Pietrobon, don Ferdinando Cargnin ed il Sig. Giorgio Pinaffo, insieme alla comunità di San Benigno, che in questi ultimi mesi hanno reso senz’altro più dolce il passaggio dalla gestione sdb alla gestione laicale dell’opera del “Cagliero”. Ringrazio anche don Sergio Saddi (rimasto ad Ivrea fino a qualche mese fa) e don Giuseppe Agagliati (attualmente a Casa Beltrami), che nello stesso periodo hanno comunque accompagnato con l’affetto e la preghiera le vicende della nostra opera di Ivrea. Mentre ognuno dei confratelli citati viene inviato ad una nuova comunità, l’opera di Ivrea si appresta a proseguire il proprio cammino ed il servizio ai ragazzi con la attuale conduzione laicale della direttrice Sig.ra Melisenda Mondini, conduzione felicemente sperimentata già da due anni abbondanti. Nel tempo a venire continuerà e si rafforzerà ulteriormente sia l’appartenenza del Cagliero all’Ispettoria, sia la vicinanza dell’Ispettoria al Cagliero; vicinanza che per i due anni trascorsi è stata realizzata anche grazie all’accompagnamento di don Giorgio Degiorgi; e che per i prossimi anni viene e verrà fatta sentire anche attraverso l’accompagnamento di don Alberto Goia.

Un seconda comunicazione che desidero darvi riguarda il fatto che a cavallo tra il mese di settembre e quello di ottobre a Valdocco si sono svolti due importanti convegni: uno mondiale, Il Congresso internazionale delle opere e dei servizi sociali salesiani; l’altro di Regione Mediterranea, il Seminario vocazionale dal titolo Se ho fatto qualcosa di bene lo devo a Don Cafasso, sull’accompagnamento personale dei giovani dai 18 ai 30 anni. Sono stati entrambi occasioni davvero preziose di conoscenza e confronto, nelle quali provare ad alzare la testa con più decisione e guardare negli occhi il futuro. Dico questo non soltanto per suggerire di andare a curiosare nel materiale proposto, ma per ricordare che il mettere insieme le forze, i cuori, le menti, le buone prassi; il tenersi collegati, il camminare insieme, oltre ad essere un modo di fare sommamente furbo, è un modo di fare profondamente evangelico, sinodale; ed è un modo di fare molto salesiano, perché non fa altro che allargare la modalità comunionale della singola CEP alla Regione Mediterranea e/o al mondo intero. Chi pensa che sia meglio camminare da soli, senza confrontarsi con gli altri, compie un grave errore nel metodo e nel merito. Si priva della possibilità di aprire nuovi orizzonti dentro ed attorno a sé, e sceglie di non seguire la logica del Corpo di Cristo.

Una terza notizia che desidero darvi riguarda la Lituania. Nei giorni scorsi, dal 1° al 4 novembre, ho avuto la possibilità di visitare le nostre due comunità lituane: quella di Vilnius, già “stagionata”, e quella di Telsiai, in via di costruzione. Approfitto per confermare e rilanciare la proposta avanzata dai confratelli della Lituania di accogliere altri confratelli dall’Italia per qualche giorno di visita, volta a conoscere la bella terra lituana e la missione salesiana che in tale terra i confratelli svolgono. Approfitto anche per chiedere una preghiera per don Mykolas Petravicius, confratello lituano di 86 anni appartenente alla comunità di Vilnius, che in questo momento è ricoverato in ospedale.

Vi comunico poi che il 5 novembre ho partecipato al Curatorium di Nave, nel quale è stato avviato il discernimento relativo alle case di post-noviziato presenti in Europa, ed in particolare a quelle presenti nella Regione Mediterranea: Granada, Nave, Roma-San Tarcisio. È molto probabile che, prima del termine di questo anno sociale, il Rettor Maggiore ed il suo Consiglio, dopo aver ricevuto i pareri dei diversi Curatoria e delle ispettorie interessate, indicheranno come riorganizzare e dove realizzare il prezioso tempo di formazione offerto ai giovani postnovizi.

Un ultima riflessione la traggo dal fatto che dal 7 all’11 novembre ho partecipato alla 62° Assemblea Nazionale della CISM (Conferenza Italiana Superiori Maggiori), che raduna tutti i “provinciali” degli Istituti religiosi e delle Società di Vita Apostolica (o i loro delegati, se il provinciale non risiede in Italia), nonché i Superiori generali i cui Istituti in Italia non sono divisi in province. Il tema dell’Assemblea, che si è svolta a San Marino, è stato il seguente: La Vita Religiosa, sinodale per vocazione, lavora, amministra, dona. L’assemblea ha rieletto per la terza volta di seguito come suo presidente Padre Luigi Gaetani, carmelitano; ed ha anche chiesto all’unanimità la revisione di Statuti e Regolamenti che, pur essendo del 2011, non si ritengono più adeguati oggi alle mutate e mutanti condizioni della Vita Consacrata in Italia. Proprio in ragione di tali “mutate e mutanti” condizioni è stata convocata per il 3 dicembre l’Assemblea regionale della CISM di Piemonte e Valle d’Aosta (che coinvolge i superiori provinciali o loro delegati presenti nelle due regioni); durante tale assemblea Don Beppe Roggia terrà una relazione dal titolo: Dove va oggi la Vita Consacrata?.

Scrivo questo sia per informarvi di quanto a livello nazionale e regionale “bolle in pentola” riguardo alla Vita Consacrata nel suo insieme, sia perché nel nostro ripensamento del POI non possiamo ignorare le trasformazioni in questione, che riguardano sia la società nella quale siamo immersi che la risposta profetica che siamo chiamati ad offrire per annunciare il Vangelo in questo nuovo contesto, ricco di difficoltà ma anche di nuove opportunità.

Carissimi/e, spero che le notizie e gli spunti di riflessione offerti siano stati utili. Mettiamo tutto nelle mani del Signore e affidiamoci anche all’intercessione di Sant’Artemide Zatti, che proprio il 13 novembre viene e verrà ricordato nella liturgia (anche se quest’anno la sua memoria è “superata” dalla domenica).

Con grande affetto in Don bosco,
Don Leonardo Mancini
Ispettore ICP

 

Artemide Zatti: Vangelo della Vocazione e Chiesa della Cura – Lettera del Rettor Maggiore

Di seguito un estratto della Lettera del Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, a pochi giorni dalla canonizzazione di Artemide Zatti (9 ottobre 2022).

***

«Il mosaico dei nostri santi e beati, pur essendo abbastanza ricco quanto a rappresentatività -Fondatore, Cofondatrice, Rettori Maggiori, missionari, martiri, sacerdoti, giovani – era ancora privo del tassello prezioso della figura di un coadiutore. Ora anche questo si sta realizzando».

Così don Juan Edmundo Vecchi, ottavo Successore di Don Bosco, cominciava la sua lettera in occasione della beatificazione di Artemide Zatti.

Se al “mosaico dei nostri santi” mancava una tessera, oggi questo mosaico ha una lucentezza del tutto particolare perché, tra poche settimane, ci sarà dato di vivere un grande dono del Signore: vedere uno dei figli di Don Bosco, coadiutore salesiano, emigrato italiano in Argentina e infermiere, canonizzato da Papa Francesco il prossimo 9 ottobre 2022.

Artemide Zatti sarà, dunque, il primo santo salesiano non martire ad essere canonizzato. Senza dubbio la canonizzazione del primo santo salesiano e di un salesiano coadiutore dà e darà un tocco di completezza alla serie di modelli di spiritualità salesiana, che la Chiesa dichiara ufficialmente tali.

Riporto la bellissima testimonianza personale, piena di profondità spirituale e di fede, resa da Artemide Zatti nel 1915 a Viedma, in occasione dell’inaugurazione di un monumento funerario posto sulla tomba del Padre Evasio Garrone (1861-1911), salesiano missionario benemerito e considerato da Artemide insigne benefattore.

«Se io sto bene, sono sano e in condizione di fare un po’ di bene al mio prossimo infermo, lo debbo al Padre Garrone, Dottore, che vedendo peggiorare di giorno in giorno la mia salute, essendo io affetto da tubercolosi con frequenti emottisi, mi disse decisamente che, se non volevo finire come molti altri, facessi una promessa a Maria Ausiliatrice di rimanere sempre al fianco suo, aiutandolo nella cura degli infermi, che egli, confidando in Maria, m’avrebbe guarito.

CREDETTI, perché sapevo per fama che Maria Ausiliatrice lo aiutava in modo visibile.

PROMISI, perché sempre fu mio desiderio essere d’aiuto in qualcosa al mio prossimo.

E, avendo Dio ascoltato il suo servo, GUARII. [Firmato] Artemide Zatti».

Vediamo che la vita salesiana di Artemide Zatti, secondo questa testimonianza, si fonda su tre verbi che ne testimoniano la solidità generosa e confidente. Per valorizzare il dono della santità di questo grande salesiano coadiutore, vorremmo meditare su questi tre verbi e sui loro straordinari frutti di bene, perché tocchino in profondità i desideri, i sogni, gli impegni della nostra Congregazione e di ciascuno di noi e promuovano in tutti una rinnovata e feconda fedeltà al carisma di Don Bosco.