Articoli

Missioni Don Bosco: Collaborazione Cisalfa Sport – “Attivi nello sport, attivi nella solidarietà”

Si segnala il Comunicato Stampa di Missioni Don Bosco gentilmente fornito alla nostra redazione, relativo alla collaborazione con Cisalfa Sport per il progetto dedicato ai ragazzi di strada della Sierra Leone.

Collaborazione Cisalfa Sport / Missioni Don Bosco

“Attivi nello sport, attivi nella solidarietà”

Le borracce della “Corsa dei Santi” sono disponibili nei punti vendita

Grazie alla disponibilità di Cisalfa Sport, la “Corsa dei Santi” continua a coinvolgere gli sportivi nel progetto di Missioni Don Bosco per i ragazzi di strada della Sierra Leone.

Da questo mese fino a febbraio, alcuni negozi selezionati della catena – da Milano a Roma a Palermo, passando per Torino, Ravenna, Olbia e Bari – mettono a disposizione dei clienti la borraccia che i partecipanti all’evento sportivo del 1° novembre nella capitale hanno vista associata alla persona e campionessa olimpica di Fiona May.

salesiani in Sierra Leone da molti anni si occupano dei ragazzi e delle ragazze di strada di Freetown, dove abbandono e prostituzione bloccano la loro corsa verso la vita. Uno strumento, che si è rivelato importante per incontrarli e per proporre loro una via di uscita dalla povertà che porta alcuni fino allo sfruttamento sessuale, è un bus che circola costantemente nei quartieri a rischio. Raccoglie i ragazzi per una “gita” di conoscenza del centro Fambul (Famiglia), dove possono incontrare chi prima di loro ha avviato e portato a termine un percorso di scolarizzazione e di avvio al lavoro, ma soprattutto coetanei e adulti amici con cui condividere il tetto, la tavola e la speranza.

Le borracce, divenute da noi un segno dell’attenzione ecologista, sono in questo caso anche un simbolo di chi vuole portare acqua al progetto che Missioni Don Bosco sostiene con i suoi benefattori. Con una donazione, i clienti di Cisalfa possono affidare in mani sicure l’aiuto a minori abbandonati, privi di protezione, bisognosi in prima istanza di assistenza sanitaria e riabilitativa sul piano fisico e psicologico.

Il progetto è illustrato e raccoglie aiuti anche nel sito:

https://progetti.missionidonbosco.org/progetti/il-bus-che-distribuisce-sorrisi-fra-i-bimbi-di-strada/

Ringraziamo per la corte attenzione.

Distinti saluti.

Antonio R. Labanca

Missioni Don Bosco Valdocco ONLUS
via Maria Ausiliatrice, 32 – 10152 Torino
tel. 011/399.01.01 – fax 011/399.01.95
e-mail: info@missionidonbosco.org
sito: www.missionidonbosco.org

Missioni Don Bosco: Love. Non è amore.

Comunichiamo un’iniziativa a cura di Missioni Don Bosco che si svolgerà a Valdocco, via Maria Ausiliatrice 32 – Torino, lunedi 25 febbraio 2019ci saranno due proiezioni del film documentario “Love” di Raùl de la Fuente, ore 18 e ore 21. Interverranno anche Augusta, una delle protagoniste, e p. José Crisafulli, direttore del Don Bosco Fambul di Freetown – centro di riabilitazione per minori vulnerabili.

Le due proiezioni di lunedì sera in sala Don Bosco a Valdocco, toccheranno da vicino la tematica della prostituzione minorile in uno dei paesi più poveri del mondo, la Sierra Leone.

Attraverso le parole di padre Jorge Crisafulli e la visione del documentario “Love” di Raúl de la Fuente capiremo insieme l’importanza del centro di riabilitazione per minori vulnerabili del Don Bosco Fambul e ascoltando le parole di Augusta, una delle protagoniste del film documentario, scopriremo più da vicino la realtà di tante ragazze come lei che sono private fin da piccole degli strumenti per costruirsi un futuro.

Rossana Campa – Responsabile ufficio Comunicazione

I salesiani in prima linea nella lotta allo sfruttamento della prostituzione minorile in Sierra Leone.

 

Prostituzione minorile in Sierra Leone: un video denuncia dei Salesiani

É stato pubblicato sul portale di Vatican News, il sistema d’informazione della Santa Sede, il documentario “Love” diretto da Raúl de la Fuente, che ritrae la drammatica storia di bambine sierraleonesi, senza genitori o con famiglie troppo povere, che sono costrette a prostituirsi per poter sopravvivere. L’obiettivo del docu-film si posa, inoltre, sull’opera dei Salesiani di Padre Jorge Crisafulli, missionario e direttore di Don Bosco Fambul a Freetown, e José Antonio San Martin, direttore di Missione Salesiana, con le loro preziose iniziative per dare un futuro alle bambine vittime della prostituzione.