Maria Ausiliatrice Torino – Valdocco: nominati il nuovo Rettore e Direttore

Sarà don Michele Viviano, dell’Ispettoria “San Paolo” di Italia – Sicilia (ISI), il nuovo Rettore della Basilica di Maria Ausiliatrice di Torino a partire dal 1° settembre 2021 fino al 31 agosto 2024.

Allo stesso modo, don Alejandro Guevara Rodríguez è stato nominato Direttore della Comunità Maria Ausiliatrice di Valdocco, dopo l’approvazione del Rettor Maggiore durante la recente sessione del Consiglio Generale tenutasi il 6 luglio scorso.

Don Guido Errico, nominato Maestro dei novizi e Direttore di Genzano per il triennio 2021-2024, dà il benvenuto ai suoi successori.

Esprimo a nome mio personale e di tutta la Comunità Salesiana di Valdocco il benvenuto a don Michele Viviano con gratitudine, perché ha potuto esprimere la sua disponibilità a questo appello del Rettor Maggiore per vivere l’esercizio di Rettore della Basilica di Maria Ausiliatrice a Valdocco. Questa sua disponibilità lega ancora una volta la nostra Basilica di Valdocco con una bellissima Regione dell’Italia dove la tradizione salesiana è molto radicata, dove è molto diffusa la devozione a Maria Ausiliatrice, grazie anche ai gruppi ADMA e dove è molto presente anche la devozione a San Domenico Savio, a partire dalla tradizione dell’abitino in favore delle mamme e delle culle. Grazie a don Michele per la sua disponibilità. Lo incoraggio davvero ad accogliere questo come un dono di Dio, come una benedizione di Maria Ausiliatrice, per la sua persona e per la sua vocazione. Sono sicuro che potrà esprimere anche all’interno della nostra Basilica di Valdocco la sua grande competenza in materia di Sacra Scrittura che fino ad ora lo ha visto impegnato come docente presso l’Istituto Teologico San Tommaso di Messina.

Sono lieto di passare il testimone come Direttore della Comunità Maria Ausiliatrice a don Alejandro Guevara che già da un anno vive a Valdocco all’interno della nostra comunità e quindi ha avuto modo di conoscere bene la nostra realtà con tutte le ricchezze spirituali che questo comporta. È inoltre significativo che il nuovo Direttore sia anche l’assistente spirituale centrale dell’ADMA: questo lega ancora di più l’esperienza dell’accoglienza che facciamo a Valdocco alle ricchezze che la Basilica ogni giorno esprime non solo a beneficio dei visitatori e dei fedeli della realtà di Torino, ma dell’intera realtà della Famiglia Salesiana nel mondo. Ancora una volta auguri a don Alejandro per il suo servizio. Questo permetterà anche di raccordare tante energie che ci sono, proprio a partire dal gruppo ADMA, attorno alla nostra Basilica e attorno alla più ampia realtà di Valdocco.

Don Guido Errico

Tutela Minori

La nomina del Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer)…

CORSO DI FORMAZIONE ON LINE ANIMATORI LAUDATO SI’

Il Movimento Cattolico Mondiale per il Clima (Global Catholic Climate Movement – GCCM) propone “Va e ripara la nostra casa” un corso online per formazione di Animatori Laudato Si.
Il corso si propone in risposta alla chiamata della Chiesa a prendersi cura del Creato da parte di tutti i fedeli.

Pur svolgendosi on line, il corso viene lanciato simbolicamente da Assisi, luogo in cui il crocifisso chiamò il giovane Francesco dicendogli: “Francesco, va’ e ripara la mia casa”.

Di seguito si riporta il comunicato stampa dell’iniziativa, insieme al link al programma completo:

Carissimi,

con immensa gioia, vi annunciamo che l’Editrice Elledici insieme al Movimento Cattolico Mondiale per il Clima (Global Catholic Climate Movement – GCCM) propone il nuovo Corso on line di formazione Animatori Laudato Si’, dal 13 aprile al 4 maggio 2021, come risposta all’appello urgente per la cura della nostra casa comune lanciato da Papa Francesco nell’Enciclica Laudato Si’. Gli Animatori Laudato Si’, formati dal Movimento in tutto il mondo, sono circa 17000, distribuiti su 73 paesi nei cinque continenti. In Italia il programma è stato avviato nel 2019 e la nostra rete conta circa 2000 animatori.

Il corso inizierà martedì 13 aprile e si compone di 4 sessioni on line della durata di un’ora, un questionario di valutazione al termine di ciascuna delle 4 sessioni, un progetto applicativo da realizzare durante la Settimana Laudato Si’, dal 17 al 24 maggio 2021, e un impegno a realizzare un evento per Tempo del Creato. Le lezioni potranno essere seguite anche in differita attraverso la registrazione ed anche in questo caso sarà richiesto di compilare i questionari di valutazione. A seguito della partecipazione ai quattro incontri, all’invio dei questionari compilati e all’organizzazione di un’attività per la Settimana Laudato Si’, i partecipanti riceveranno il certificato di Animatore Laudato Si’. La presentazione del corso con il programma completo è disponibile a questo link.

Antonio Caschetto
Coordinatore dei programmi, Italia, Movimento Cattolico Mondiale per il Clima

Oratorio Valdocco: #sedonboscofosse – preparazione alla festa di don Bosco 2021

Verso il 31 gennaio, verso Don Bosco! 

Di seguito le iniziative messe in campo dall’Oratorio Salesiano di Valdocco presentate da don Jimmy e l’Equipe educativa dell’Oratorio.

Carissimi amici dell’Oratorio, rieccoci!
cosa ci porta qui?! la festa di don Bosco che si avvicina, il desiderio di prepararci a festeggiarlo insieme a tutti voi! tutti: quelli che hanno la fortuna e la possibilità di vivere l’Oratorio “in presenza”, dal vivo, e quelli che ancora, purtroppo, possono viverlo solo “a distanza”.
Come è stato per l’immacolata, proviamo noi ad “arrivare a casa vostra”, portandovi don Bosco. Questa volta abbiamo scelto di farlo chiedendo ad alcuni giovani di “prestarci i loro occhi” e, raccontarci don Bosco a modo loro!
Il cammino di preparazione alla festa di don Bosco dunque propone:

  • un brevissimo video quotidiano “se don Bosco fosse …”, per riscoprirlo guardandolo in modo diverso.
  • una intenzione di preghiera da affidargli e con cui ci affidiamo a lui gli uni e gli altri.

buon cammino a tutti e buona festa di don Bosco!

don Jimmy e l’Equipe educativa dell’Oratorio

GIORNO 1 – “Se don Bosco fosse…un luogo”
venerdì 22 gennaio
Grazie don Bosco, per quel luogo unico al mondo che è l’Oratorio di Valdocco. Grazie perché hai vissuto per fino all’ultimo respiro. fa che a Valdocco non manchino mai salesiani, educatori e animatori e ragazzi che rendono il tuo Oratorio “un pezzo di paradiso”! che danno tutto. A te, per Gesù!

[vai al video]

GIORNO 2 – “Se don Bosco fosse…una canzone”
sabato 23 gennaio
Grazie don Bosco, per ogni volta che ci hai fatto danzare, cantare, saltare, gioire. Per ogni volta che, con il tuo oratorio,  come un tormentone, hai riempito la nostra estate e la nostra esistenza di vita. Grazie per ogni animatore, ogni educatore, ogni salesiano che abbiamo incontrato. A te li affidiamo.

[vai al video]

GIORNO 3 – “Se don Bosco fosse…un’App “
domenica 24 gennaio
Aiutaci don Bosco, a guardarci intorno, a non passare indifferenti di fronte a nessuno. Donaci occhi che sanno vedere l’Invisibile, che sanno e amicizie che portano in alto, fino in all Paradiso!

[vai al video]

GIORNO 4 – “Se don Bosco fosse…un’ora del giorno”
lunedì 25 gennaio
Ti chiediamo don Bosco, di aiutarci a vivere bene ogni ora della nostra giornata, a non perdere tempo e a fare con serenità il nostro dovere. Tieni lontana da noi la noia, donaci il gusto della preghiera: mantienici amici di Dio!

[vai al video]

GIORNO 5 – “Se don Bosco fosse…un animale”
martedì 26 gennaio

[vai al video]

GIORNO 6 – “Se don Bosco fosse…un gioco”
mercoledì 27 gennaio

[vai al video]

GIORNO 7 – “Se don Bosco fosse…un colore”
giovedì 28 gennaio
ti affidiamo, don Bosco, tutti i giovani del mondo che passano per le tue Case. possano essere attratti dal calore dell’amicizia, dell’affetto. sentirsi a casa. Amati da Dio e da te. sentirsi a casa e non lasciarti più.

[vai al video]

GIORNO 8 – “Se don Bosco fosse…un’ora del giorno”
venerdì 29 gennaio
Ti chiediamo don Bosco, di aiutarci a vivere bene ogni ora della nostra giornata, a non perdere tempo e a fare con serenità il nostro dovere. Tieni lontana da noi la noia, donaci il gusto della preghiera: mantienici amici di Dio!

[vai al video]

GIORNO 9 – “Se don Bosco fosse…qui”
sabato 30 gennaio
Grazie don Bosco, perché continui ad essere presente! ti sentiamo vivo, presente! grazie perché continui a parlare di noi a Gesù! grazie perché ci resti accanto. Perché possiamo parlarti nella preghiera, certi che ci sei e che ci ascolti. Ti affidiamo nostra vita, qui in terra, per esser felici con te in Paradiso.

[vai al video]

Museo Casa Don Bosco entra nel circuito Abbonamento Musei

Museo Casa Don Bosco entra a far parte del circuito Abbonamento Musei Piemonte Valle d’Aosta: il modo migliore per conoscere l’offerta culturale della regione grazie alle molte convenzioni di sconto e riduzione su stagioni teatrali e concertistiche, al cinema e presso festival, nell’editoria e su itinerari di visita.

L’Abbonamento Musei Piemonte Valle d’Aosta è la carta che permette di accedere liberamente nei musei, Residenze Reali, castelli, giardini, fortezze, collezioni permanenti e mostre temporanee di Torino, del Piemonte e della Valle d’Aosta aderenti al circuito.

Pubblicato il bando di selezione per operatori volontari di servizio civile 2021

Il BANDO DI SELEZIONE PER OPERATORI VOLONTARI DI SERVIZIO CIVILE 2021 è stato pubblicato.

Salesiani per il Sociale APS in Piemonte e Valle d’Aosta mette a disposizione 144 posti per i giovani tra i 18 e i 29 anni in 8 progetti su 57 sedi. Gli ambiti di intervento dei progetti si svolgono con bambini, ragazzi e giovani e si sviluppano nelle aree di ASSISTENZA E INCLUSIONE SOCIALE – EDUCAZIONE E ANIMAZIONE – FORMAZIONE – DOPOSCUOLA – PROMOZIONE CULTURALE.

Alcune informazioni di base per partecipare al Bando:

  • C’è tempo fino al giorno 8 febbraio per candidarsi.
  • Candidature ESCLUSIVAMENTE ONLINE su piattaforma DOL.
  • E’ necessario munirsi di SPID.
  • L’avvio presunto è in aprile 2021.
  • Età 18 -29 anni non compiuti al momento della presentazione della domanda.

Verranno realizzati degli Infoday online di presentazione dei progetti e si offrirà un tutoring online individuale per l’orientamento:

Missioni Don Bosco: il “Concerto di Natale” in Vaticano 2020

Si riporta di seguito il Comunicato Stampa di Missioni Don Bosco dedicato al tradizionale Concerto di Natale sotto l’egida della Congregazione per l’Educazione Cattolica per cui Missioni Don Bosco parteciperà per sostenere il soccorso ai poveri nel mondo in questa pandemia.

Il “Concerto di Natale” sotto l’egida della Congregazione per l’Educazione Cattolica

Missioni Don Bosco partecipa per sostenere il soccorso ai poveri nel mondo in questa pandemia

Trasmesso da Canale 5 la sera del 24 e il pomeriggio del 25 dicembre

Ventottesima edizione del “Concerto di Natale”, al quale il Papa affida la sensibilizzazione del grande pubblico sulla necessità di impegnarsi per le giovani generazioni. Per tradizione si doveva svolgere nell’Aula Nervi in Vaticano ma quest’anno, a causa del Covid-19, si tiene nell’Auditorium di via della Conciliazione.

Presentati da Federica Panicucci e da don Davide Banzato, sul palco saliranno Malika Ayane, Antonino, Arisa, Emma, Roby Facchinetti, Andrea Griminelli, Moreno, Nek, Tosca e Ron, Renato Zero insieme con le star internazionali Dotan (Olanda), Aida Garifullina (Russia), Hong-hu Ada (Giappone) e Amy Macdonald (Scozia). L’esecuzione delle musiche è affidata all’Orchestra Italiana del Cinema diretta dal maestro Adriano Pennino con la collaborazione del maestro Emiliano Facchinetti

Lo spettacolo andrà in onda su Canale 5 il 24 dicembre in prima serata e sarà replicato il pomeriggio del 25 dicembre.

Sarà possibile inviare un’offerta mediante il numero solidale 45530.

Il Concerto di Natale viene promosso dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica e sostiene le attività di Missioni Don Bosco Valdocco Onlus e della Fondazione Pontificia Scholas Occurrentes. I due enti promotori si uniscono nel progetto “Insieme facciamo rete per il nostro futuro!”, in questo 2020 destinato all’obiettivo di dare risposte concrete all’emergenza sociale e educativa provocata dalla pandemia in corso.

Missioni Don Bosco Onlus nell’anno che si chiude ha sostenuto progetti in 55 Paesi, raggiungendo attraverso le opere salesiane circa 10.674.00 persone di oltre quasi 560.000 famiglie. L’azione è fatta di programmi di sensibilizzazione sanitaria, di distribuzione di generi alimentari e di mascherine, di assistenza per la didattica e di accoglienza per i senza tetto. Gli aiuti si sono concentrati nelle aree maggiormente colpite dalla pandemia, attraverso un intervento capillare in molte aree del Sud del mondo.

Considerato il permanere della pandemia, l’impegno si rinnoverà nel nuovo anno. Intervistato da don Davide Banzato, GIampietro Pettenon presidente della Onlus salesiana, ha spiegato:

Noi salesiani abbiamo tantissime case e tantissime scuole in cui accogliamo migliaia di ragazzi che ovviamente in questo periodo non possono frequentare le scuole perché la pandemia lo impedisce. Per molti di questi ragazzi significa rinunciare all’unico vero pasto della giornata perché dai salesiani si va a scuola, si impara ma anche si mangia. Abbiamo realizzato laddove era possibile una consegna porta a porta di pacchi alimentari per aiutare le famiglie più povere a sfamare i loro figli che non potevano recarsi a scuola.

Penso ad esempio a padre Giovanni partito dalla Sicilia che si trova missionario in Madagascar. Vedeva quest’anno i bambini che nella fase finale della mattinata erano presi dal sonno. È venuto a sapere che questi piccoli facevano colazione a casa con una tazza di acqua calda, no pane, no latte. Denutriti e sfiniti, si addormentavano in aula.

Ma penso anche all’India, dove abbiamo saputo che a causa della pandemia sono stati bloccati i trasporti pubblici. Ci sono moltissimi lavoratori migranti interni all’India che sono precari, non hanno potuto prendere un treno o un pullman per ritornare a casa: sono rientrati, stanno rientrando, a piedi. Ci sono persone, uomini e donne, che fanno centinaia, migliaia di chilometri di cui molti a piedi. Dove c’è una casa salesiana, i confratelli hanno aperto le porte e accolto queste persone, le hanno sfamate e ha potuto dare loro un po’ di riposo, sfinite dal lungo il viaggio.”

A fianco del Concerto viene lanciata quest’anno la prima edizione della “Christmas Virtual Race – Run for Charity“, un momento dedicato allo sport e alla solidarietà, nato dalla collaborazione fra Prime Time Promotions e Associazione Sportiva Dilettantistica Corsa dei Santi. La gara è partita sabato 19 e si svolge fino al 31 dicembre: attraverso l’App scaricabile dalla piattaforma Enternow, i corridori potranno competere lungo i loro percorsi preferiti e misurarsi con gli altri in maniera virtuale. Fiona May, medaglia d’oro olimpica, e Gianluca Zambrotta, campione del mondo di calcio, presenteranno questa nuova iniziativa durante il Concerto.

Mons. Nosiglia ai fratelli e sorelle in carcere

Nelle pagine del settimanale diocesano La Voce e il Tempo del 20 dicembre viene pubblicata la lettera del Mons. Cesare Nosiglia ai detenuti del carcere Lorusso e Cutugno e dell’Istituto minorile Ferrante Aporti.
L’arcivescovo, a causa delle normative anti Covid non potrà essere presente per la consueta celebrazione della Messa di Natale.

Di seguito il comunicato dell’Arcidiocesi di Torino ed il link per leggere la lettere del Mons. Cesare Nosiglia.

Quest’anno, a causa delle norme anti Covid, l’Arcivescovo con rammarico non può celebrare, come ogni anno, la Messa di Natale con i detenuti del carcere Lorusso e Cutugno e dell’Istituto minorile Ferrante Aporti. Per questo, attraverso la rubrica dedicata ai temi della detenzione «La Voce dentro» pubblicata del settimanale diocesano La Voce e il Tempo di domenica 20 dicembre, mons. Cesare Nosiglia invia una lettera a tutti gli amici reclusi dei penitenziari torinesi.
Il settimanale della chiesa torinese ogni settimana entra al «Lorusso e Cutugno» e nell’Istituto minorile Ferrante Aporti grazie alla generosità di tanti lettori che hanno risposto all’appello «Abbona un detenuto» lanciato dalla redazione in occasione delle festività natalizie 2018 in sintonia con l’invito dell’Arcivescovo a considerare «il carcere degli adulti e quello minorile parrocchie della nostra diocesi»

Gesù vuole incontrarvi uno ad uno; accoglie le vostre preghiere, le vostre segrete aspirazioni del cuore, il vostro pentimento, ma anche la vostra voglia di riscatto e di rinnovamento; vuole aiutarvi a non disperare mai del suo sostegno anche quando sembra che tutto vada in rovina e la disperazione penetri nel cuore.
No, tutto può e deve ricominciare, perché con la fede nel Signore è possibile!

Mons. Cesare Nosiglia