Articoli

Labs to Learn: il terzo incontro Community Lab – Alessandria

Nella serata di venerdì 4 giugno si è tenuto il 3° appuntamento del Community Lab per la realtà territoriale di Alessandria. Di seguito un breve resoconto dell’incontro.

***

TERZO INCONTRO DI COMMUNITY LAB AD ALESSANDRIA

Va avanti il cammino della comunità del territorio di Alessandria.
La scorsa volta ci siamo lasciati con la consapevolezza di quanto sia simile, anche se diversa, la visione del  concetto di educazione che ciascuno di noi ha.
Ognuno è impegnato e coinvolto nel suo ruolo educativo, ma in questa serata abbiamo fatto un passo avanti: infatti non è sufficiente che ognuno svolga da sé il proprio ruolo, ma che si crei una sinergia tra tutti gli ambienti educativi, in cui è la comunità che educa tramite le singole persone.
La serata quindi è stata dedicata al ripensarci comunità, all’analizzare ciò che funziona e ciò che invece è da migliorare, al valutare ciò che ci avvicina e ciò che ci allontana dal nostro scopo educativo.

Ciò che ne emerge è interessante perchè, essendo che all’incontro sono presenti tutte le parti dell’opera, escono fuori tutti i vari punti di vista. Credo che la condivisione sia ciò che rende una comunità capace di lavorare assieme in modo costruttivo e questi incontri stanno davvero dando la possibilità a tutti di parlare, ascoltare, confrontarsi, scoprire il punto di vista dell’altro, aprirsi al diverso.

Una comunità come quella di Alessandria ha proprio bisogno di ripartire da questo: parlarsi e confrontare le idee in un’ottica di comunità e fratellanza.

Don Bosco Alessandria: Salesiani Cooperatori, eletti i membri del consiglio

Domenica 16 maggio presso il Centro Don Bosco di Alessandria sono stati eletti i membri del Consiglio Locale dei Salesiani Cooperatori. Di seguito l’articolo de La Voce Alessandrina.

CENTRO DON BOSCO – Salesiani Cooperatori, eletti i membri del consiglio

In occasione del primo incontro, il 24 giugno la Santa Messa a San Giuseppe Artigiano

Domenica 16 maggio presso il Centro Don Bosco di Alessandria sono stati eletti i membri del Consiglio Locale dei Salesiani Cooperatori, laici impegnati nella Chiesa con lo stile del loro fondatore, San Giovanni Bosco.

I Salesiani Cooperatori, infatti sono stati voluti e fondati direttamente dal Santo dei giovani nel 1876 e sono partecipi della sua missione.

Vivono un “progetto di vita apostolica” che gira attorno ai tre perni della pedagogia salesiana: ragione, religione e amorevolezza e, sulle orme di don Bosco, portano fra le giovani generazioni il Vangelo della gioia. Attualmente nel mondo sono circa 30.000, divisi in undici Paesi e hanno come superiore il Rettor Maggiore dei Salesiani, che attualmente è Don Angel Artime. Ad Alessandria fanno riferimento a tre sedi: il Centro Don Bosco, presso la parrocchia San Giuseppe Artigiano, l’istituto Maria Ausiliatrice di via Gagliaudo e la Casa Angelo Custode di Via Galvani.

I Salesiani Cooperatori dei tre centri lavorano in sinergia, si incontrano un giorno al mese per dedicarsi alla preghiera e alla propria formazione e sostengono i progetti che nascono nelle case salesiane.

In occasione della festa di San Giovanni Bosco, il 31 gennaio di ogni anno, essi rinnovaDomenica 16 maggio presso il Centro Don Bosco di Alessandria sono stati eletti i membri del Consiglio orme di don Bosco, portano fra le giovani generazioni no la loro promessa davanti al Vescovo di Alessandria; nel 2021 l’emergenza sanitaria ha impedito questo bell’evento, perciò essi rinnoveranno le loro promesse presso la chiesa San Giuseppe Artigiano di Corso Acqui, durante la Messa serale del 24 giugno, in occasione del loro primo incontro con il nuovo consiglio appena istituito.

Ringraziando i membri del Consiglio uscente per la disponibilità e il senso di famiglia che hanno sempre desiderato trasmettere e per il tempo, merce preziosa, dedicato all’associazione, ecco i membri del nuovo Consiglio Locale dei Salesiani Cooperatori: Coordinatrice: Stella Sebastiano; Economa: Antonella Di Pace; Segretaria: Tiziana Demicheli; Responsabile della Formazione: Manuela Cibin; Consigliera Rappresentante dell’Istituto Maria Ausiliatrice di Via Gagliaudo: Alessandra Fantino, delegato dei Salesiani di Don Bosco: don Luigi Compagnoni.

Chi volesse informazioni sui Salesiani Cooperatori, o desidera partecipare a qualche incontro per fare esperienza di preghiera, gioia e attività con i giovani, può rivolgersi a uno dei tre centri.

Dal 17 maggio le iscrizioni all’Estate Ragazzi del Centro Don Bosco di Alessandria

L’estate si avvicina e anche quest’anno il “Centro Don Bosco Alessandria“, dal 17 maggio, aprirà le iscrizioni per l’Estate Ragazzi 2021. Di seguito la notizia pubblicata su “Radio Gold” e tutte le informazioni.

ALESSANDRIA – Da lunedì 17 maggio sarà possibile iscriversi all’Estate Ragazzi del Centro Don Bosco di Alessandria, in Corso Acqui 398. Sono numerose le attività organizzate per bambini e ragazzi dalla prima elementare alla seconda media. Giochi, tornei, gite, giornate in piscina. All’Estate Ragazzi di certo sarà impossibile annoiarsi.  E per i più grandi che frequentano la terza media e la prima superiore c’è “Estadò“, con attività e gite dal 28 giugno al 30 luglio.

Per informazioni e iscrizioni, dal 17 maggio potete contattare la segreteria dell’oratorio Don Bosco dal lunedì al venerdì dalle 17.00 alle 18.30 (telefono 0131/346527 e-mail donboscooratorio.al@gmail.com).

Centro Don Bosco – Salesiani Alessandria – Estate ragazzi 2021

Dal 14 giugno al 30 luglio (7 settimane) e dal 30 agosto al 10 settembre (2 settimane)
Per i bambini dalla 1° elementare alla 2° media

  • Gioco libero e organizzato, tornei, momenti di formazione, spazio compiti
  • Le prime 3 settimane le gite si fanno MARTEDI’
  • A partire dalla 4° SETTIMANA: MARTEDI’ a Lavagello (PISCINA) e GIOVEDI’ altre mete (facoltativa, con un’aggiunta di 15€ alla quota settimanale).
  • La gita del GIOVEDIì (a partire dalla 4a SETTIMANA) è libera, ma per chi non viene l’oratorio è chiuso. Per le prime 3 settimane GIOVEDI’ l’oratorio è aperto.

COSTO: (POSSIBILITA’ DI PAGARE CON BANCOMAT O CARTA)

  • Iscrizione: 10€ comprensivi di maglietta + assicurazione
  • 60€ a settimana, comprensivi della gita del MARTEDI’ (PISCINA)
  • 5€ IL BUONO PASTO (POSSIBILITA’ DI PORTARESI PRANZO DA CASA)
  • 50€ per il terzo figlio; 35€ dal terzo figlio in poi

ESTADO’
Per i ragazzi di 3° media e 1° superiore

DAL 28 GIUGNO AL 30 LUGLIO

  • Attività particolari e diversificate; Gite pasti e maglietta come per l’Estate Ragazzi
  • COSTO A SETTIMANA: 55€ (COMPRESA PISCINA, GOTA DEL GIOVEDI’ 15€)

ORARIO SEGRETERIA PER LE ISCRIZIONI:
Apertura iscrizioni dal 17 Maggio dal Lunedì al Venerdì, dalle 17.00 alle 18.30, nella segreteria dell’oratorio DON BOSCO. Per la 1° settimana iscriversi entro l’11 Giugno. Durante il ESTATE RAGAZZI la segreteria rimarrà aperta per le iscrizioni alla settimane successive.

 

Labs to Learn: il secondo incontro Community Lab – Alessandria

Nella serata di venerdì 7 maggio si è tenuto il 2° appuntamento del Community Lab per la realtà territoriale di Alessandria. Di seguito un breve resoconto dell’incontro.

***

EDUCAZIONE? COS’E’ PER NOI OGGI?

L’obiettivo del secondo incontro di Community Lab per il territorio di Alessandria è stato quello di discutere assieme per cercare di capire cosa significa per noi educare oggi.
Però, per capire cos’è l’educazione, non si può far altro che partire dalle proprie esperienze; e allora il primo spunto su cui ci troviamo a riflettere è “qual è un momento della mia vita in cui mi sono sentito educato?”.
Le risposte sono tante e varie sono le storie che vengono raccontate, ma in tutta questa tavolozza di colori si possono trovare dei punti comuni e fermi: relazionarsi e avere fiducia nell’altro, superare i propri limiti, uscire da una situazione difficile, poter imparare anche in età adulta.
Tante storie e relazioni diverse, ma tutte legate a queste situazioni. E allora, se per noi l’educazione è stata così forte da darci queste possibilità di crescita, quale modo migliore di ricambiare se non essere noi stessi, ognuno a suo modo, educatori per chi ci sta attorno? Una cosa è certa, per educare oggi, come è stato in passato e come sarà sempre, c’è bisogno della relazione; e quindi il primo passo per educare oggi è aprirsi al dialogo con gli altri.
La successiva visione di due film ci ha confermato ancora di più l’importanza della relazione e di come ogni nostro gesto, anche se piccolo, abbia sull’altro un impatto educativo. E allora, quanto riflettiamo sul nostro agire educativo? Siamo capaci di renderci conto degli effetti educativi delle nostre azioni, delle nostre parole, dei nostri piccoli gesti? Quanto diamo peso a tutto ciò?
Tutte domande che sicuramente ci faranno rendere conto, ancora di più, di quanto una nostra presenza educativa consapevole sia importante per i nostri giovani.

Labs to Learn: il primo appuntamento Community Lab – Alessandria

Nella serata di venerdì 9 aprile si è tenuto il 1° appuntamento del Community Lab per la realtà territoriale di Alessandria. Di seguito un breve resoconto dell’incontro.

***

E’ iniziato il primo incontro con la comunità di Alessandria, una bella serata accompagnati da GO – Generazione Oratori – che ha introdotto l’obiettivo degli incontri, presentato il progetto in cui si inserisce questo percorso e avviato i lavori in questo primo meet.

Presenti una ventina di invitati tra catechisti, salesiani, docenti della formazione professionale, operatori Caritas, allenatori della sportiva e educatori per mettersi in discussione e reinterrogarsi su quello che è per ciascuno la “COMUNITA’”.

Una serata all’insegna del definire la presenza in oratorio in questo periodo di lockdown, un momento in cui è stata sottolineata l’importanza delle emozioni, la bellezza dell’incontro con i ragazzi della formazione professionale anche solo perché devi misurargli la febbre all’ingresso, il bello di provare a tenersi compatti nelle squadre di calcio provando a incontrarsi anche a distanza, la percezione di questa nuova dimensione che ci parla di lentezza …

Ognuno ha attivato le sue strategie per restare protagonisti nella vita degli altri. Anche don Remigio ci ha raccontato come è difficile per un salesian vedere i cortili vuoti, non sentire il vociare dei ragazzi.

L’incontro è iniziato subito con entusiasmo e, dopo una breve spiegazione di quelle che saranno le tappe del percorso, è stato posto un primo stimolo di riflessione: “una parola che racconti l’azione di ciascuno, svolta in questi mesi, nell’ambito della comunità”. Da questa domanda è uscito un bellissimo puzzle di parole: accompagnare, sorridere, aiutare, accogliere, amare, ascoltare, incoraggiare, animare; e queste sono solo alcune di tutte le parole uscite. Tanti verbi, che mostrano l’impegno di ognuno per la comunità; non solo un’idea, ma un impegno concreto e, molte volte, quotidiano. Da molti è uscita l’importanza di sfruttare ogni momento per stare assieme ai giovani, ascoltarli, accompagnarli. Come la nostra direttrice del CNOS che sfrutta l’accoglienza del mattino, non solo per misurare la temperatura a tutti gli studenti, ma anche per rivolgergli un sorriso o una parola; gesti piccoli, ma che fanno sentire a casa e accolti.

L’ Educazione ha così indossato numerose vesti: da un lato uno spazio per narrarsi, dall’altro un portatore di un messaggio positivo e di speranza, e poi ancora la riscoperta di ciò che è davvero essenziale e importante e la capacità di saper cogliere i momenti di dialogo e relazione.

Concludiamo con una frase scaturita nella serata che rappresenta una delle principali esigenze della comunità coinvolta: “Parrocchia che evangelizza, Scuola che avvia alla vita, Cortile che fa amicizia…Vivere insieme e sognare di tornare alle belle relazioni reali, che permettono di ascoltarsi e condividere i sogni”.

Tante riflessioni e tante domande rimaste aperte ci accompagneranno al prossimo incontro del 7 maggio.

Una serata con un clima bello, che sa di relazioni vere che non si sono allentate per il non vedersi.

Il Metodo di studio ad Alessandria: “un riscontro positivo”

Il Metodo di studio secondo l’esperienza della realtà territoriale di Alessandria coinvolta nel progetto Labs to Learn. Di seguito l’esperienza della professoressa Maria Aiello, coordinatrice di una classe I dell’IC Staneo di Alessandria. La professoressa ha partecipato con entusiasmo sia al progetto Labs to Learn, che all’evento sul Metodo di studio del 1 Marzo. Il riscontro da parte sua sull’evento è stato molto positivo, grazie anche alle relatrici, che sono state efficaci nel trattare e presentare gli argomenti.

Il Metodo di studio è uno strumento già utilizzato dall’istituto, tuttavia l’incontro del 1 Marzo ha permesso di ricavare degli stimoli nuovi per rendere il lavoro di insegnante più efficace.

Due sono gli aspetti su cui Maria Aiello vorrà rivolgere maggiore attenzione: il ruolo della famiglia come “facilitatore” nell’ambito del metodo di studio e l’attenzione all’acquisizione dell’autonomia da parte dei ragazzi nel loro metodo di studio (non solo trovare il proprio metodo, ma poi anche saperlo mettere pian piano in pratica da soli).

La professoressa Maria Aiello, infine, racconta anche di come le famiglie stesse siano entusiaste del progetto, alcune hanno anche partecipato all’evento, così come altri insegnati dell’Istituto.

CFP Alessandria: la formazione professionale e San Giuseppe

I festeggiamenti per San Giuseppe al Centro di Formazione Professionale di Alessandria. Di seguito l’articolo pubblicato sul sito dell’opera a cura del Direttore del CFP Lidia Magrassi.

San Giuseppe è il patrono dei lavoratori e il CNOS-FAP è tra le Istituzioni Formative che in Piemonte si occupa di formare “onesti cittadini e buoni cristiani” come voleva Don Bosco, educando i giovani anche con la formazione al lavoro.

Ebbene il nostro Centro di Formazione Professionale, qui nella Casa Salesiana di Alessandria che è uno dei 13 del Piemonte e dei 60 in tutta Italia, ha pensato bene di sottolineare questa ricorrenza del 19 marzo con una funzione religioso presieduta da Don Luigi Compagnoni e con i ragazzi che in questa giornata erano di turno nei laboratori, unica attività ammessa dalle ultime restrizioni contenute nell’ultimo DPCM in materia di lotta al covid-19.

L’ha voluta sottolineare per ricordare tutti quelli che sono in difficoltà in questo periodo; per tutti gli allievi di tutti i settori professionali del CFP che si stanno sacrificando nella formazione a distanza tra mille difficoltà tecnologiche ed economiche, per frequentare in presenza nelle ore laboratoristi e per andare in stage; per tutti i formatori che ce la stanno mettendo tutta per non farli sentire lontani e per quelli che nei laboratori si stanno prodigando per rispettare le regole del distanziamento all’interno delle quali bisogna operare; per i datori di lavoro e i loro dipendenti che nonostante tutto continuano ad ospitare i nostri allievi in stage.

A tutti grazie!

Il Direttore del CFP
Lidia Magrassi

Incontro di programmazione – Referenti Comunicazione L2L

Giovedì 11 marzo, si è tenuto l’incontro online di programmazione dedicato ai Referenti territoriali della Comunicazione Labs to Learn assieme all’Ufficio di Comunicazione Sociale – Salesiani Piemonte e Valle d’Aosta guidato da don Moreno Filipetto, Responsabile della Comunicazione del progetto Labs.

L’incontro, tenutosi nel pomeriggio sulla piattaforma Zoom, ha riguardato la verifica dello stato di avanzamento dei lavori e la pianificazione di alcune attività volte a descrivere l’azione del Metodo di Studio che ha visto il suo debutto il 1° marzo scorso nei confronti delle famiglie dei ragazzi coinvolti nel progetto, con l’evento in diretta streaming. Non appena ultimati, si renderanno disponibili i contenuti creati da ciascun Referente territoriale della Comunicazione Labs to Learn riguardo al Metodo di Studio.

Labs to Learn: primo incontro Referenti Comunicazione Territori

Nella giornata di oggi, giovedì 18 febbraio, si è tenuto il primo incontro online dedicato ai Referenti territoriali della Comunicazione Labs to Learn assieme all’Ufficio di Comunicazione Sociale – Salesiani Piemonte e Valle d’Aosta guidato da don Moreno Filipetto, Responsabile della Comunicazione del progetto Labs.

L’incontro, tenutosi nel pomeriggio sulla piattaforma Zoom, ha avuto come scopo non soltanto quello di porre le basi per creare una rete di comunicazione tra i vari referenti, ma anche quello di individuare insieme una linea comune per la programmazione e la diffusione dei vari appuntamenti dedicati a Labs to Learn che si svolgono in ciascuna realtà coinvolta: Alessandria, Bra, Casale Monferrato, Torino Rebaudengo, Torino San Luigi, Torino Valdocco e Vercelli.

Il prossimo appuntamento si terrà invece martedì 23 febbraio alle 15.00.

Salesiani Alessandria: “La croce torna a casa” – La Voce Alessandrina

Dopo la caduta della croce causata dal nubifragio avvenuto questa estate, da sabato 16 gennaio, una nuova croce è stata posta  sulla facciata della parrocchia di San Giuseppe Artigiano di Alessandria.
Si riporta di seguito l’articolo a cura di Guido Astori pubblicato oggi (giovedì 21 gennaio 2021) su “La Voce Alessandrina“, settimanale della diocesi di Alessandria, dedicato alla nuova croce e al pensiero di don Egidio Deiana.

“La croce torna a casa”

SAN GIUSEPPE ARTIGIANO
Si può essere contenti per una croce? La risposta a una tale domanda potrebbe risultare “complessa” e richiedere approfondimenti, precisi distinguo e appropriate argomentazioni di carattere psicologico, sociologico… e certamente anche teologico. Senza nulla togliere a tale approccio, ciò che la comunità parrocchiale di San Giuseppe Artigiano di Alessandria ha espresso nei giorni scorsi è una “semplice”, accorata, quanto immediata risposta affermativa di contentezza per il collocamento della (nuova) croce.

La croce in questione è infatti quella che da sabato 16 gennaio si erge nuovamente sulla facciata della Chiesa, in sostituzione di quella che la bufera di vento dello scorso 1° agosto aveva abbattuto (fortunatamente senza colpire persone). È stato don Egidio Deiana, a guida della comunità parrocchiale, a prodigarsi da subito insieme ai propri confratelli e ai tanti laici che collaborano con la Parrocchia per porre rimedio a quanto capitato, coagulando il desiderio di tutto il Centro don Bosco verso questa nuova opera: forse un semplice “ripristino”, per alcuni… ma anche (e soprattutto) la riaffermazione (pacifica) del simbolo per eccellenza dei Cristiani in una contingenza – quella della perdurante pandemia – che invita a concentrarsi su ciò che veramente è importante nella vita delle persone: l’amore, la dedizione, la generosità nell’aiuto fraterno, la speranza, anche attraverso la faticosa esperienza del sacrificio e del dono di sé.

La nuova croce veicola questi valori distintivi del credo cristiano e ci piace pensare che riesca a veicolare tali sentimenti pure a favore di coloro che, senza frequentare assiduamente i locali parrocchiali, transitano comunque numerosi da corso Acqui ove ha sede il Centro don Bosco. E di “salesiana impronta” in questa nuova opera si può certamente parlare. È lo stesso don Egidio che precisa come:

«la realizzazione è stata curata con grande competenza e disponibilità da Franco Cosentino, ex-allievo meccanico del Cnos-Fap di Alessandria, e dalla sua ditta Euromec di Fresonara. Ugualmente “salesiano” è stato anche l’intervento delle due piattaforme utilizzate per poter collocare la croce a cura della ditta alessandrina di Massimo Sciutto, un altro ex-allievo del Cnos-Fap».

La nuova croce è in ferro tubolare, di dimensioni di 4×1,5 metri, con finitura mediante zincatura a caldo e verniciatura a polvere in colore bianco (come la precedente), saldamente ancorata alla facciata con fissaggio mediante tasselli chimici. Non poteva essere scelto mese migliore per la collocazione del nuovo manufatto – un mese così ampiamente ricco di Santi Salesiani (Beata Laura Vicuna, 22 gennaio, San Francesco di Sales, 24 gennaio, San Giovanni Bosco, 31 gennaio) – e il riscontro da parte della comunità parrocchiale di San Giuseppe Artigiano non si è fatto attendere facendo pervenire diversi messaggi di contentezza direttamente a don Egidio. È il parroco stesso, interpellato a riguardo, a sottolineare che:

«quando la croce è caduta spezzata mi hanno segnalato grande dispiacere. Il giorno in cui la nuova croce è stata collocata ho ricevuto messaggi quali “Da casa mia sto vedendo l’opera di ricollocamento della croce: dentro ho avuto uno scatto gioioso!” oppure “Grazie, Don! Vedere nuovamente la croce sulla nostra Chiesa mi da serena fiducia!” o ancora, solo per citare qualche esempio, “La nostra Chiesa parrocchiale non sarà
una cattedrale ricca di arte, ma è la casa Dio e quindi di tutti. La croce esterna sulla chiesa richiama il messaggio del crocifisso subito all’ingresso: un segno dell’amore immenso di Gesù,
che accoglie tutti e non volta le spalle a nessuno”…».

Guido Astori