Articoli

Lettera dell’Ispettore novembre 2021

Si riporta di seguito la lettera dell’Ispettore del Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania don Leonardo Mancini per il mese di novembre.

A confratelli di
Piemonte, Valle d’Aosta e Lituania 

Carissimi confratelli, 

vi  raggiungo  per  una  breve  condivisione  sulle  attività  dell’ispettore  in  questa  prima  parte  dell’anno, e per due eventi di Congregazione che vorrei segnalarvi. 

Per quanto riguarda l’attività del sottoscritto, dopo essere stato in Lituania a fine agosto, aver  partecipato in settembre alle due giornate per i Consigli delle CEP, ai numerosi insediamenti di nuovi  direttori (13) e  ad  alcune  giornate  di  formazione  per  sdb  e  laici, a partire  da  inizio  ottobre ho compiuto la Visita ispettoriale in 8 comunità: Lanzo, Avigliana, Torino-San Francesco di Sales, Bra,  Cuneo, Alessandria, Vigliano Biellese e Rivoli. Quello che ho potuto constatare nelle visite è che la  vitalità della  nostra  ispettoria  è  grande e  tanti  sono  i  giovani  raggiunti  dalla  nostra  missione. Ringrazio tutti i confratelli e i laici corresponsabili per il grande impegno profuso nel ripartire con le  attività educativo-pastorali in questa fase in cui la pandemia rimane un rischio oggettivo, anche se  tale rischio appare gestito nelle diverse opere con serenità, buon senso e fedeltà alle regole.  

Le visite ispettoriali per ora si sono interrotte, e così sarà per quasi tutto il mese di novembre,  occupato da diversi eventi di carattere ecclesiale, spirituale e di Congregazione.  La  settimana  scorsa infatti  per 4  giorni  ho  partecipato  all’Assemblea  nazionale della CISM (Conferenza  Italiana  Superiori  Maggiori;  quest’anno  celebratasi  proprio  a  Valdocco, con  la  partecipazione di circa 70 provinciali italiani) dal titolo: Pandemia e rivoluzione della vita fraterna:  come dare forma al nuovo che sta accadendo. Dal 18 al 23 invece si svolgono, sempre a Valdocco, gli esercizi spirituali per i consigli ispettoriali delle 10 ispettorie della Regione Mediterranea, predicati  dal Rettor Maggiore. Terminati gli esercizi, parteciperò in successione ai Curatorium del Noviziato  del Colle, della Crocetta e di Nave. E dal 26 al 28 novembre si celebrerà, sempre a Valdocco, l’incontro  degli ispettori d’Europa. Seguirà l’incontro dei direttori ICP, prima accompagnati dai giovani  (nel  pomeriggio del 28) e poi in plenaria il giorno successivo. 

Questo il quadro sintetico dei primi tre mesi dell’attività dell’ispettore. 

Desidero a questo punto farvi presente che nei prossimi giorni verranno celebrati a Valdocco due eventi di  Congregazione particolarmente  significativi: ve li segnalo, anche  in  vista di una  vostra eventuale partecipazione, o in presenza o tramite i canali social

Del primo evento avete già ricevuto notizie, perché è stato più volte pubblicizzato dall’Ufficio di  Comunicazione  Sociale  nei  mesi  scorsi:  si  tratta  del “Don  Bosco  Global  Youth  Film  Festival”  (DBGYFF). Il  DBGYFF è  un  progetto di  Congregazione unico  nel  suo  genere, pensato per  coinvolgere i giovani di tutti i Paesi e le latitudini nell’elaborazione di cortometraggi sul tema della  speranza, oggi più che mai necessaria in un mondo segnato dalla pandemia, da guerre e calamità  naturali.

Il Rettor Maggiore ne ha illustrato il significato profondo: dare la parola ai giovani perché  possano esprimersi, perché di fronte ai drammi generati dal Covid-19 possano avere l’occasione di  dire  la  loro,  di  diffondere  la  loro  voce. “Tante  volte  noi  adulti  diciamo  ai  giovani  cosa  riteniamo  importante e come devono vivere. No, i giovani ci hanno risposto: ‘noi abbiamo la capacità di pensare  e sappiamo come esprimerci’” ha detto Don Ángel. 

Essendo un’iniziativa rivolta ai giovani, e traendo spunto da quello che proprio la pandemia ha  insegnato, è un festival interamente digitale, con i giovani e le giurie che hanno potuto realizzare  ogni fase di lavoro tramite la piattaforma www.dbgyff.com. 

Dopo che gli organizzatori hanno ricevuto oltre 1.600 video da tutto il mondo, il 19 novembre il  Festival verrà realizzato in centinaia di luoghi diversi, in tantissimi Paesi del mondo, lungo tutti i fusi  orari,  presentando  ufficialmente  al  pubblico  i  video  finalisti. Ma  la  cerimonia  conclusiva del  DBGYFF si  terrà a Torino il 19 novembre presso  il Teatro Grande di Valdocco. L’evento avrà  inizio alle ore 18.00 (per concludere verso le 19.30) e potrà essere seguito in diretta sui canali  social dell’agenzia ANS e del DBGYFF IT

La  partecipazione  all’evento  è gratuita  e  aperta  al  pubblico fino  ad  esaurimento  posti  disponibili,  secondo  le  recenti  norme  di  prevenzione  sulla  diffusione  del  Covid-19,  previa  presentazione del Green Pass. 

Un  secondo  evento  molto  significativo  in  questi  giorni  sarà la  celebrazione  della  152a Spedizione  Missionaria,  che  si  svolgerà a  Valdocco  nella  basilica  di  S.  Maria  Ausiliatrice  domenica prossima 21 novembre durante l’eucaristia delle ore 12.30. Saranno 23 i Salesiani che riceveranno la croce missionaria insieme a diverse Figlie di Maria Ausiliatrice. Per svariati motivi l’evento non ha avuto una grande pubblicità. Chi volesse partecipare in presenza naturalmente potrà  farlo; a tutti certamente sarà però possibile accompagnare con la preghiera i Salesiani e le Figlie  di Maria Ausiliatrice che partiranno per la missione ad gentes.  

Questo  per  ora  è  tutto.  Mentre  continua  nelle  Case  e  nella  Commissione  precapitolare  la  preparazione del 10° Capitolo Ispettoriale, io vi auguro una buona conclusione dell’anno liturgico ed un Tempo di Avvento proteso intensamente e gioiosamente verso il Natale del Signore. 

Valdocco, 16 novembre 2021

 

 

Con affetto in Don Bosco

Don Leonardo Mancini
Ispettore ICP

Cagliero 11 – “Le persone che soffrono di depressione” – Novembre 2021

Si allega di seguito il  Cagliero 11 n°155 con l’intenzione missionaria salesiana del mese di Novembre 2021.

Intenzione Missionaria Salesiana, alla luce dell’intenzione di preghiera del Santo Padre.

INTENZIONE MISSIONARIA SALESIANA
ALLA LUCE DELL’INTENZIONE DI PREGHIERA DEL SANTO PADRE

Le persone che soffrono di depressione

“Preghiamo affinché le persone che soffrono di depressione o di burn-out trovino da tutti un sostegno e una luce che le apra alla vita”

Di seguito la mappa con tutti i nuovi missionari salesiani 2021 della 152° spedizione.

 

CNOS FAP, lettera del direttore: “Lasciamoci guidare dalla speranza”

Pubblichiamo la lettera mensile del direttore generale del CNOS FAP regionale, Lucio Reghellin.

***

Non vorrei aggiungere altri commenti ai tanti che sentiamo in questo periodo, se non invitarvi alla Speranza.

Mi consola il fatto che anche don Bosco ha vissuto una situazione simile.

Nell’estate 1854 a Torino scoppia il colera che ha il suo epicentro a Borgo Dora, dove si ammassano gli immigrati, a due passi dall’oratorio di don Bosco. A Ge­nova ha già fatto 3.000 vittime in un solo mese, a Torino, 800 colpiti e 500 morti. Il sindaco rivolge un appello alla città, ma non si trovano volontari per assistere i malati né per trasportarli al Lazzaretto. Tutti sono presi dal panico. Il giorno della Madonna della Neve (5 agosto) don Bosco raduna i suoi ragazzi e promette: «Se voi vi mettete tutti in grazia di Dio e non commettete nessun peccato mortale, io vi assicu­ro che nessuno di voi sarà colpito dalla peste» e chiede loro di dedi­carsi all’assistenza degli appestati. Tre squadre: i grandi a servire nel Lazzaretto e nelle case, i meno grandi a raccogliere i moribondi nelle strade e i malati abbandonati nelle case. I piccoli in casa disposti alle chiamate di pronto inter­vento. Ognuno con una bottiglietta di aceto per lavarsi le mani dopo aver toccato i malati. La città, le autorità, anche se anticlericali, sono sbalordite e affascinate. L’emergenza finisce il 21 novembre. Tra agosto e novembre a Torino ci furono 2.500 appestati e 1.400 morti. Nessuno dei ragazzi di don Bosco si ammalò[1] .

Che cosa fare oggi? Credo sia importante affrontare il momento con realismo ma senza lasciarsi prendere dal panico. Cerchiamo di fare il bene degli allievi, lasciandoci interrogare dalle famiglie, dai ragazzi e dalla situazione dei colleghi. È necessario confrontarsi insieme per analizzare la situazione, magari pregarci sopra, prendere le decisioni opportune e poi attuarle. Don Bosco, a chi chiedeva qual era il suo metodo, rispondeva: “Vado avanti come lo spirito mi ispira e le circostanze mi suggeriscono”[2]Credo sia un metodo che ci può aiutare anche in questi momenti. Andiamo avanti affrontando la realtà con pazienza e coraggio, senza troppe lamentele e paure, lasciandoci guidare dalla Speranza.

Alcune sedi operative sono più provate, altre di meno. Alcune situazioni famigliari sono difficili.

A chi è stato colpito dal virus, ai ragazzi, ai colleghi e ai loro congiunti, auguro una pronta guarigione e una ritrovata voglia di ‘vivere’.

Lucio Reghellin