Articoli

Scuola media Salesiani di Bra: tra gare di matematica e azioni di solidarietà

Sono numerose le attività e le iniziative che coinvolgono i ragazzi della scuola media salesiana “San Domenico Savio” di Bra.
Gli alunni hanno partecipato, con ottimi risultati, alla gara di matematicaKangourou” 2019, organizzata dall’Università degli Studi di Milano e svoltasi presso l’Istituto San Domenico Savio il 21 marzo scorso. Come primo classificato, l’alunno Olivero Edoardo della classe terza, il quale parteciperà alla semifinale che si terrà il 18 maggio al Politecnico di Torino. Nella classifica interna alla scuola, si sono aggiudicati i primi tre posti nella categoria Cadet (classe 3) gli alunni: Olivero Edoardo, Basso Alessandro e Bruna Andrea; per la categoria Benjamin ( classe 2 ): Ghidone Giorgia, Dogliani Maria Lucia e Likaj Cristian; per la categoria Benjamin ( classe 1 ): Chiesa Matteo, Santisi Matilde e Delfino Lisa.

A tutti gli alunni che hanno partecipato e che si sono impegnati in questa competizione nazionale i nostri più sentiti complimenti.

Le insegnanti

Altre iniziative che hanno caratterizzato la scuola media salesiana di Bra hanno riguardato alcune azioni di solidarietà: la colletta alimentare presso il supermarket dell’Oltreferrovia, la lotteria per sostenere la missione salesiana in Cina, le offerte a favore delle missioni in Africa e l’adozione di un ragazzo boliviano. In merito, si riporta l’articolo gentilmente fornitoci da Emanuele Cravero e Alessandro Basso (terza media).

Sono numerose le proposte di educazione alla solidarietà proposte agli alunni della scuola media salesiana “San Domenico Savio” di Bra durante l’anno scolastico: la Colletta Alimentare presso il supermarket dell’Oltreferrovia, il sostegno con la lotteria alla missione salesiana in Cina a favore dei bambini invalidi, la tradizionale adozione di un allievo boliviano nella scuola fondata da don Binello, infine l’aiuto in materiali ed offerte per le attività del volontario Marco in Africa. Di quest’ultima ce ne parla direttamente un alunno di terza media.

Un mattino gli allievi della nostra scuola hanno assistito alla testimonianza del signor Marco, un volontario che da parecchi anni insieme alla sua famiglia aiuta i bambini delle periferie di Adis Adeba in Etiopia e quelli di Nairobi in Kenya organizzando delle Estate Ragazzi e riuscendo così a salvarli dalle strade. Durante la prima ora, dove erano presenti tutti gli alunni delle tre età, Marco ha proiettato alcune foto dove si potevano osservare le zone dove lui era principalmente attivo e si poteva osservare come le condizioni sociali di quei posti sono inferiori a quelle dove viviamo noi; inoltre in quelle zone i bambini sono maggiormente esposti a malattie e quindi la mortalità infantile è maggiore e più frequente. Successivamente ha proiettato vari video e fotomontaggi dove i protagonisti principali erano i bambini africani. A questi appuntamenti ludici partecipano soprattutto i bambini delle più teneri età, ma anche i giovani li apprezzano e aderiscono, informa il volontario , ma quello che accomuna tutti è il divertimento provato mentre si gioca e ci si diverte, ma anche l’ impegno quando bisogna fare i compiti o si provano nuove attività manuali nei vari laboratori. Alla fine della sua presentazione, varie erano le domande rivolte a Marco dagli alunni. Alcune riguardavano l’accoglienza da parte dei bambini verso di loro. Il volontario ha risposto dicendo che i piccoli erano entusiasti al loro arrivo e sono corsi subito ad abbracciarli e a voler giocare con gli animatori. Altre erano riguardavano il problema linguistico. Per Marco questo non era un problema, visto che in Kenya si parla inglese, invece in Etiopia si utilizza una lingua con un alfabeto completamente differente, e quindi diventava una difficoltà, ma gli animatori sono comunque riusciti a farsi capire e hanno trascorso delle fantastiche settimane.

In un secondo momento, gli alunni di terza hanno avuto un ulteriore dialogo con Marco riguardo alla sua esperienza, e alla fine di questo è stato chiesto loro di scrivere su un foglio le loro opinioni circa quello che avevano sentito. Eccone alcune:” Sono stato molto colpito su come quei bambini, nonostante avessero poco, si divertissero così tanto”, oppure:” Grazie a persone come Marco si può capire come l’influenza di una persona buona di spirito può cambiare le nostre vite”, ma anche:” Si può vedere grazie a Marco che il volontariato porta sempre buoni frutti”. I ragazzi sono stati molto impressionati nel sentire l’esperienza del volontario, e grazie a questi interventi possono “aprire gli occhi” al Mondo che li circonda e capire che dare una mano al prossimo sia utile per gli altri ma soprattutto per se stessi.

Emanuele Cravero e Alessandro Basso

Scuola media Salesiani di Bra: attraverso i sensi alla scoperta del Senso

Come tradizione, agli allievi della scuola media Salesiana di Bra è stato proposto un momento di ritiro spirituale finalizzato all’assimilazione dei valori importanti della vita. Si riporta l’articolo pubblicato sul sito dei Salesiani di Bra.

Quest’anno il tema era: attraverso i sensi alla scoperta del Senso.
Accanto ai momenti di ascolto, i ragazzi sono chiamati a riflettere individualmente e poi a confrontarsi nei gruppi sulla tematica formativa presentata. I momenti socializzanti continuano con il gioco e la condivisione del pasto. Il luogo aiuta a raggiungere questi importanti obiettivi. Le prime trascorrono la giornata presso il santuario di Madonna dei Fiori, utilizzando anche gli ampi spazi verdi circostanti.

Le seconde e la terza invece utilizzano l’ampia struttura del Centro Mariapoli di Bandito, immersa nella natura. Guidano i ragazzi degli esperti animatori con il supporto di alcuni insegnanti coordinati da don Livio Sola insegnante di religione. Anche in questo modo la scuola salesiana intende operare per una crescita positiva dei ragazzi nell’età delicata della preadolescenza.

Apprendisti artisti – Salesiani Bra

Ecco il racconto della mattinata di lunedì 25 marzo trascorsa dalle classi seconde della scuola media salesiana di Bra al Palazzo Traversa per intraprendere un laboratorio didattico. Tutto ciò è stato fatto in occasione della festa di Don Bosco: giorno di festa, preghiera e gioco. Articolo a cura di Gianfrancesco Franco.

Le classi seconde della scuola media salesiana hanno trascorso una mattinata al Palazzo Traversa per intraprendere un laboratorio didattico. Tutto ciò è stato fatto in occasione della festa di Don Bosco: giorno di festa, preghiera e gioco.

Appena arrivati nel luogo previsto, i ragazzi sono stati accolti dalla signora Laura, che si è presentata ed ha raccomandato alcune regole fondamentali per lavorare bene, come mantenere il silenzio mentre gli altri parlano e seguire le indicazioni date dagli insegnanti e dalle guide.

Ha spiegato che i ragazzi in quella mattinata avrebbero provato a riprodurre un quadro di Giovanni Piumati, famoso artista e studioso braidese. Ha anche aggiunto che la mattinata si sarebbe divisa in due parti: la prima per prendere spunto da alcuni quadri in esposizione nel palazzo. Invece la seconda parte sarebbe stata dedicata al dipingere.

Dunque essi si sono recati al secondo piano per osservare alcuni quadri.

I primi rappresentavano la natura: montagne, laghi e parchi. Tutte pitture a olio su tela. Questi esempi erano stati dipinti con la tecnica a rilievo, una tecnica che permette di lasciare in rilievo alcuni particolari del dipinto. Una tecnica che consiste semplicemente nel dipingere a “puntellate” così che il colore si sovrapponga e asciughi rimanendo più spesso.

Gli altri quadri osservati sono stati quelli di Giovanni Piumati.

Finita la visita, i ragazzi sono tornati al primo piano per iniziare veramente il laboratorio, durante il quale è stato assegnato loro il compito di provare a riprodurre un quadro di Piumati, rappresentante un prato con delle rose in primo piano, delle montagne in secondo piani e un cielo seminuvoloso in terzo piano.

Per alcuni è stato un semplice compito, invece per altri meno abili è stato abbastanza complicato. Ma alla fine tutti sono riusciti a terminarlo, in diversi modi.

Quando i ragazzi hanno terminato, i disegni sono stati posati su una parte di pavimento rivestita da fogli di giornale per farli asciugare.

Infine hanno salutato e ringraziato la signora Laura e i colleghi per la bella esperienza per poi ritornare a scuola e terminare la festa di Don Bosco.

Gianfrancesco Franco

Seconda media

Scuola Media Bra – Attualità del sistema educativo di Don Bosco

Si riporta la notizia proveniente dalla Scuola Media Salesiana di Bra riguardo all’incontro che si è svolto venerdi 22 marzo 2019 con Mons.Gabriele Mana, vescovo emerito di Biella, sul tema dell’educazione in riferimento a Don Bosco e all’attualità.

Venerdì 22 marzo alle ore 21 nel salone della scuola media salesiana, mons.Gabriele Mana, vescovo emerito di Biella, è intervenuto sul tema dell’educazione in riferimento a Don Bosco e all’attualità. I numerosi genitori presenti hanno seguito con attenzione e coinvolgimento le riflessioni pacate e profonde del relatore, che esponiamo sinteticamente.

Il punto di partenza è la vita, che va intesa essenzialmente come dono, perché tutto ci è donato, compreso il nome che portiamo e che ci identifica. L’educazione serve a sviluppare al meglio la vita di ognuno. È un’arte, certo non facile specialmente oggi, perché esistono molteplici agenzie educative divergenti tra loro e rispetto ai genitori. In passato erano essenzialmente tre: famiglia, chiesa, scuola, che operavano abbastanza all’unisono. Oggi però queste tre agenzie si ritrovano molto indebolite rispetto alle altre che operano nella società, nei mezzi di comunicazione, nei social in modo invasivo e persuasivo.

L’educazione resta un rischio: l’esito è mai scontato. Questo ragazzo diventerà una consolazione o un problema per i genitori? Molto dipende dall’influsso della società e dalla sua stessa libertà. È importante che ogni educatore cerchi di cogliere in ogni ragazzo un sogno, un progetto. Così Don Bosco si relazionava con i giovani, anche con il più difficile in cui cercava un aspetto positivo su cui far leva per costruire la sua personalità. Mai pensare: quel ragazzo sarà sempre così, non migliorerà mai! Qualunque sia il suo punto di partenza, potrà sempre diventare un capolavoro.

Perché questo si possa realizzare occorre creare attorno ai ragazzi un clima di famiglia, che significa trascorrere del tempo con loro per conoscerli sempre meglio, chiedere loro con bontà e fermezza il rispetto delle regole, fare breccia non solo nella loro testa ma soprattutto nel loro cuore. “Occorre non solo amare i giovani, ma fare in modo che si accorgano di essere amati” diceva don Bosco. Importante però essere concreti come è stato lui: favorire il gioco, lo sport, la compagnia degli amici, l’impegno sociale, il volontariato, per diventare “onesti cittadini e buoni cristiani”. In altre parole persone aperte alla realtà, ai valori e agli altri, non individui chiusi in se stessi e nei propri interessi. Infine agire con gioia e sguardo positivo verso i giovani di oggi, non con lamentele e rimpianti dei bei tempi passati.

L’educazione oggi si basa su quattro pilastri:

  • suscitare interrogativi, non solo imporre regole;
  • offrire motivazioni, non solo “fai così perché te lo dico io!”;
  • “manipolare” insieme, cioè fare delle attività insieme (lavoretti, gioco, biciclettate…), come accadeva una volta; intanto si condividono i valori della vita; sempre però tenendoli al loro posto: prima i genitori, poi i figli (a tavola la mamma serve prima il marito, poi i figli, che non devono diventare i principini);
  • essere autorevoli, come Gesù che parlava con autorità e molti lo seguivano; questo significa dire sempre la verità a qualunque prezzo, mentre oggi prevalgono le opinioni, ed essere coerenti; i figli non ascoltano tanto, ma certo vedono il comportamento dei genitori ed è soprattutto questo che incide in positivo o in negativo.
    Alle domande poste dai presenti, il Vescovo ha risposto sviluppando altri aspetti importanti relativi all’educazione.

Non basta la famiglia, fondamentali sono gli amici positivi con cui si relazionano sempre di più man mano che crescono: si forma il gruppo dei pari, prima amici di appartenenza, poi di riferimento quando crescendo seguono anche altri interessi. E’ molto importante favorire questi gruppi di amici veri: tra loro si confidano di più che con i genitori e hanno un’influenza enorme.

Il sommo bene deve restare la verità, in tutti i campi, non la libertà, che è funzionale alla verità, altrimenti diventa arbitrio distruttivo. I valori veri devono valere sia per l’adulto che per il giovane: questa è onestà e coerenza. Anche il valore della sessualità fisica rientra in quest’ottica: non prima e non fuori del contesto giusto che è il matrimonio. Questo non perché è una realtà negativa, ma perché è troppo bella e preziosa per sprecarla banalizzandola. La sua verità profonda consiste nell’essere espressione di amore totale, che nel matrimonio tocca tutti gli aspetti della vita. Nella cultura contadina si veniva a contatto con questa realtà in modo naturale e genuino. Oggi il rischio di deviazioni pericolose è molto maggiore.

Concludendo mons.Mana ribadisce che l’educazione resta un’arte che si impara in un cammino di crescita personale per tutta la vita. Occorre affidare i figli al Signore, perché questo cammino di crescita di entrambi, figli e i genitori, non dipende solo da noi.

Scuola Media Salesiana Bra – English Alive

Pubblichiamo la proposta della scuola media salesiana di Bra, rivolta ai giovani frequentanti le classi 4° e 5° elementare, per un corso intensivo di inglese tenuto da insegnanti madrelingua:

Ai genitori dei ragazzi delle scuole medie e 5-4 elementare proponiamo il corso di inglese intensivo ENGLISH ALIVE, tenuto da insegnanti madrelingua. Si svolgerà da lunedì 2 a venerdì 6 settembre 2019 presso l’istituto Salesiano di Bra.

Il corso sarà presentato giovedì 28 marzo alle 18.30 presso la scuola media salesiana.

Per ulteriori informazioni vedere la lettera di presentazione e il volantino:

I giovani ed i Social – Scuola media Bra

Lunedì 10 dicembre nella scuola media salesiana, sin è svolto l’incontro con lo scrittore/giornalista Roberto Alborghetti, organizzato in collaborazione con l’Agesc (Associazione Genitori di Scuola Cattolica).
La natura dei social media e le problematiche ad essi connesse sono di notevole importanza, specie in riferimento all’uso che ne fanno i giovani. Per questo l’interesse e la partecipazione agli incontri è stata notevole. Il relatore ha incontrato prima gli allievi di terza media, quindi quelli di seconda e di prima. Alle 18 ha parlato ai genitori.

Due sono stati gli aspetti affrontati:

  • la pervasività dei social nel mondo attuale
  • le attenzioni da avere per un loro retto utilizzo.

 

Scuola Media Bra – Famigliedella scuola a Valdocco

Domenica 21 ottobre 2018 le famiglie della scuola media salesiana di Bra, si sono date appuntamento a Torino Valdocco per trascorrere una giornata insieme. I presenti erano 114, tra genitori, figli e insegnanti. La mattinata è stata organizzata come visita guidata ai luoghi storici che hanno visto l’inizio e lo sviluppo del primo oratorio di Don Bosco.
A fare da guida la prof.ssa Lorenza Fissore e il Preside. Intanto i ragazzi si divertivano nelle ampie strutture attrezzate dell’oratorio debitamente assistiti dalla prof.Giachetto e dal prof.Dalmasso. Tutti insieme poi a consumare in semplicità il pranzo al sacco presso i porticati dell’ampio cortile, complice una splendida giornata autunnale.

Al pomeriggio tempo libero per accedere ai nuovi locali modernamente ristrutturati del bar, della libreria e del negozio di souvenir.
Alle 14 visita guidata all’imponente basilica di Maria Ausiatrice. Subito dopo trasferimento a piedi di tutto il gruppo al santuario della Consolata per partecipare alla Santa Messa di inizio della ormai tradizionale settimana diocesana della scuola. Accanto all’altare i nostri ragazzi con la sgargiante maglietta arancione della scuola. E’ stata una celebrazione molto partecipata e raccolta. Al termine i saluti e il rientro a Bra con le macchine, contenti della bella giornata offerta dalla scuola salesiana che cerca di coinvolgere il più possibile le famiglie in iniziative varie di aggregazione e di formazione.

 

Bra – La scuola media salesiana in piena attività

Si segnala la seguente comunicazione ufficiale relativa alla ripresa delle attività della scuola media di Bra:

 

Dopo i primi giorni di rodaggio, le attività della scuola media sono a pieno regime. Scuola al mattino e doposcuola al pomeriggio fino alle 17.30. Anche quest’anno sono funzionanti due classi prime da 22 alunni per sezione. Con le due classi seconde e la terza si raggiunge il numero di 110 alunni. Presenza al doposcuola: 90 alunni.

Novità di quest’anno l’introduzione della lingua francese in prima media come materia curriculare accanto all’inglese che resta potenziato con le 5 ore per tutte le classi e con la presenza dell’insegnate madrelingua tutto l’anno. L’introduzione del francese è stata determinata dalla volontà di arricchire l’offerta linguistica in linea con i tempi attuali e con attenzione al territorio. Mentre in altre zone dell’Italia e del Piemonte stesso la seconda lingua è spesso costituita dallo spagnolo o dal tedesco, nella provincia di Cuneo il francese resiste, anzi aumenta. Un sondaggio tra i nuovi iscritti ha dato un consenso quasi unanime alla proposta. Senza aggiungere ore di rientro, che avrebbero appesantito gli impegni degli studenti, ma sfruttando le possibilità concesse dall’autonomia organizzativa delle scuole, è stato possibile introdurre le due ore di francese.

Anche l’informatica sarà incrementata valorizzando al meglio l’aula attrezzata con 32 computer in rete. La prof.ssa di tecnologia curerà l’insegnamento dei principali programmi in tutte le classi nell’orario curricolare. Nel pomeriggio invece saranno proposti corsi tipo coding e altri.

Pure l’italiano sarà potenziato con un’ora dedicata alla lettura di libri di narrativa selezionati dagli insegnanti di lettere. L’obiettivo è favorire il gusto della lettura e il miglioramento della capacità di comprensione e di espressione. Si tratta di competenze letterarie messe a dura prova dall’invadenza sempre più rilevante dei vari social nella vita dei giovani e meno giovani.

Tutto questo non sostituisce certo l’attenzione alla formazione umana e cristiana degli allievi, che resta prioritaria nella nostra scuola. Prova ne è il ritiro spirituale di inizio anno e altri due in Avvento e in Quaresima.

Anche i nuovi allievi ormai hanno preso famigliarità con l’ambiente, i compagni e gli insegnanti. Già dal primo giorno hanno potuto intrattenersi con gli alunni delle classi superiori. I compagni di terza li hanno accompagnati nella visita all’istituto, mentre quelli seconda hanno giocato con loro. Il secondo giorno invece le due prime si sono recati al parco della Madonna dei Fiori per conoscersi meglio con giochi di ruolo e un grande gioco: lo stratego. Il lunedì successivo, primo giorno di rientro, tutte le classi hanno partecipato al grande gioco nello stesso parco. Anche questo un modo per creare un gruppo affiatato, pur nella distinzione delle classi.

Le premesse sono positive e fanno ben sperare per il buon andamento dell’anno scolastico.

La scuola media salesiana di Bra premiata a Cuneo

La scuola media salesiana di Bra è stata premiata al teatro Toselli di Cuneo il 6 aprile, in occasione della gara nazionale dei Cat, gli istituti per geometri.

I ragazzi della seconda media coordinati dalla prof.ssa Enrica Amasio hanno aderito al bando del Collegio dei Geometri della provincia di Cuneo per l’ideazione e la realizzazione del logo «130» che rappresenta il 130° anniversario della nascita dell’ente.

All’Istituto Salesiano San Domenico Savio di Bra, classificatosi nei primi quattro posti, sono stati consegnati 250 euro per l’acquisto di materiale didattico.