Articoli

Don Bosco Borgomanero: il progetto “Change The World Model United Nations”

Dal 6 al 14 novembre scorso, negli Emirati Arabi, tre studenti di Prima Liceo Classico del Collegio don Bosco di Borgomanero, hanno partecipato al progettoChange The World Model United Nations“.

Si riporta l’articolo pubblicato ieri dal sito dell’opera, a cura di Barbara Franco.

Change The World Model United Nations negli Emirati Arabi

Dal 6 al 14 novembre tre studenti di Prima Liceo Classico del Collegio don Bosco di Borgomanero hanno partecipato a Change The World Model United Nations negli Emirati Arabi con l’Associazione Diplomatici.

Il progetto, che ogni anno coinvolge oltre 3000 studenti di tutto il mondo, consiste in una simulazione dell’Assemblea Generale dell’ONU, durante la quale ciascun ragazzo deve rappresentare uno stato membro e la sua posizione sulle tematiche di geopolitica internazionale proposte. Prima della partenza i ragazzi sono stati preparati attraverso dei webinar, con i quali hanno imparato le regole di organizzazione e svolgimento dei lavori e hanno svolto delle ricerche sullo stato di cui sarebbero stati i delegati.

Gli studenti hanno raccontato con entusiasmo quanto vissuto:

“L’esperienza al CWMUN di Abu Dhabi è stata davvero indimenticabile: i giorni in assemblea sono stati molto interessanti e mi hanno permesso di scoprire la professione del diplomatico. Durante i giorni a Dubai ho invece stretto parecchie amicizie e conosciuto ragazzi da tutto il mondo, avendo inoltre la possibilità di visitare luoghi nuovi ed entrare in contatto con la cultura del posto”.

Don Bosco Borgomanero: La 4 Les del don Bosco alle prese con una settimana di lavoro nel sociale

Dal 25 al 29 novembre scorso, gli studenti del 4° anno del Liceo Economico Sociale dell’Istituto Don Bosco di Borgomanero hanno partecipato alla “Settimana Sociale”, cinque giorni di lavoro incentrati sul sociale. Si riporta di seguito il Comunicato Stampa in merito all’iniziativa gentilmente fornito alla nostra Redazione.

La 4 Les del don Bosco alle prese con una settimana di lavoro nel sociale
Un’esperienza extrascolastica formativa

Dal 25 al 29 novembre gli studenti del 4^ anno del LES (Liceo Economico Sociale) dell’istituto Don Bosco hanno avuto la possibilità di partecipare alla “Settimana Sociale”, cinque giorni di lavoro incentrati sul sociale, fuori dalle mura scolastiche e al servizio del prossimo.

Si tratta di un’esperienza altamente formativa su più fronti: come avviene per l’Alternanza Scuola-Lavoro, ogni ragazzo è chiamato a misurarsi con le responsabilità che gli derivano dal confronto professionale con l’esterno e, in linea con la materia di indirizzo del liceo, a mettere in atto le competenze maturate nelle ore di Scienze Umane.

Ogni studente, nelle settimane precedenti, ha espresso le proprie preferenze in merito all’ambito in cui cimentarsi e, di conseguenza, ha individuato la struttura (un ente o un’associazione ad esempio) dove lavorare, ha preso contatti e presentato la documentazione necessaria.

Tra le associazioni e gli enti coinvolti: Casa Piccolo Bartolomeo, alcune scuole dell’infanzia sul territorio, Gazza Ladra.

Lucrezia Maspoli e Alessandro De Paoli, rappresentanti di classe, hanno così commentato l’esperienza:

“Possiamo dire che è stata una settimana faticosa, dove abbiamo imparato a conciliare il lavoro con lo studio. Inoltre questa attività ci ha permesso di “uscire dagli schemi”, avendo una visione del mondo diversa e vivere una realtà che credevamo non esistesse. Infine ci ha aiutato ad orientarci, anche in vista delle scelte scolastiche o lavorative del prossimo anno”.

Don Bosco Borgomanero: il Liceo Classico vince il Concorso letterario “Fuoriclasse”

Il 15 novembre scorso, la seconda Liceo Classico del Collegio don Bosco di Borgomanero ha vinto la sfida del concorso letterario “Fuoriclasse” della Fondazione Feltrinelli. Si riporta di seguito l’articolo oggi pubblicato sul sito dell’opera, a cura di Barbara Franco.

AL FUORICLASSE, IL CONCORSO LETTERARIO DELLA FELTRINELLI

Una sfida letteraria con un giudice d’eccezione

Venerdì 15 novembre la seconda Liceo Classico del Collegio don Bosco di Borgomanero ha vinto la sfida con il Galileo Galilei di Milano nell’ambito del concorso Fuoriclasse, promosso dalla Fondazione Feltrinelli.

Si tratta di un quiz letterario rivolto alle classi del triennio delle superiori basato sulla lettura di alcuni classici contemporanei pubblicati dall’omonima casa editrice. A essere coinvolte su tutto il territorio nazionale sono 38 scuole, che gareggiano contemporaneamente in 12 città d’Italia.

Il primo turno si è giocato su “Occasione d’amore” di Nadine Gordimer, romanzo su cui gli studenti si sono preparati con la prof.ssa Nicolini e il prof. Zatti, rispettivamente docenti di inglese e di storia e filosofia.

Sulla correttezza delle risposte, che vertevano sul contenuto del libro e sui collegamenti interdisciplinari, ha vigilato un giudice d’eccezione: Piero Dorfles, critico letterario e celebre al grande pubblico per la partecipazione a “Per un pugno di libri“, trasmissione a cui il quiz è ispirato.

Con questa vittoria gli studenti della seconda classico accedono alla fase successiva, che si terrà giovedì 30 gennaio 2020.
La finalissima nazionale, prevista per maggio 2020, si disputerà presso la Fondazione Feltrinelli di Milano; in palio gift card e tanti libri.

Giornata di Open Day al Collegio Don Bosco di Borgomanero

Sabato 23 novembre, ci sarà un Open Day al Collegio Don Bosco Borgomanero, in cui i docenti del Liceo Classico ed Economico Sociale presenteranno i servizi didattici ai ragazzi presso la scuola Media con indirizzi Potenziata, Digitale, e Linguistica. Si riporta l’articolo pubblicato in data odierna da Don Bosco Borgomanero, a cura di Barbara Franco.

La scuola sarà aperta alle famiglie sabato 23

Il Don Bosco si apre alle famiglie che vogliono conoscerlo meglio: Open day di Scuola Media e Licei.

Sabato 23, alle ore 15 ci sarà la presentazione ufficiale della scuola Media nei tre indirizzi: Potenziata, Digitale, novità dall’anno scolastico 2020/2021, Linguistica. Alle ore 16 i docenti del Liceo Classico e del Liceo Economico Sociale presenteranno le attività didattiche, gli spazi di apprendimento innovativi, i laboratori pomeridiani e gli altri servizi offerti dalla scuola. Per quanto riguarda il LES, si illustreranno inoltre anche le due opzioni: Innovazione e Gusto, con la possibilità di sperimentarne i laboratori.

Chi non potesse venire in queste occasioni, ma desiderasse comunque visitare la scuola, può concordare una visita alla scuola su appuntamento dal 25 novembre fino alla fine dell’anno scolastico, contattando la segreteria dell’istituto (0322-847211) o direttamente dal sito alla pagina PRENOTA UNA VISITA

Salesiani Borgomanero: gita delle famiglie al Colle Don Bosco

Domenica 27 ottobre 2019, le famiglie che frequentano la realtà salesiana del Collegio Don Bosco di Borgomanero, hanno preso parte alla gita dedicata a loro presso il Colle Don Bosco. Si riporta di seguito l’articolo pubblicato dal sito dell’opera a cura di Luca Marzi e Filippo Giromini.

AL COLLE DON BOSCO IN FAMIGLIA

Carissimi lettori, oggi io, Filippo Giromini, e il mitico Luca Marzi (creatori del fantastico libro “Le nostre passioni – La nostra amicizia”) vi presenteremo l’articolo sulla gita delle famiglie al Colle don Bosco, che si è svolta il 27 ottobre.

Ciao a tutti, cari lettori, noi siamo Luca Marzi e Filippo Giromini e oggi vi racconteremo la gita delle famiglie al Colle don Bosco.

La partenza dal piazzale della scuola è stata alle ore 8 di mattina, dopo un momento di preghiera in comunione con bambini e genitori. Ognuno ha viaggiato con la propria macchina e l’arrivo al Colle è stato intorno alle ore 11.

Il direttore Don Silvano Oni ha fatto una piccola introduzione sul Colle e sul perché siamo andati in questo meraviglioso luogo.

Finito il discorso abbiamo iniziato i giochi e le attività con le famiglie.

C’erano cinque stand:

Il primo stand faceva ragionare sulla relazione all’interno della famiglia, ovvero sul rapporto tra genitori e figli. Infatti è molto importante avere un bellissimo rapporto con la propria famiglia perché i genitori sanno sempre come consolarci e come farci sentire nei momenti anche più difficili; il secondo stand era palla-campo tra famiglie; nel terzo stand c’era il gioco lettera-parole; il quarto stand era un’attività dove bisognava disegnare la propria famiglia; il quinto stand era un’attività per dire di un “grazie” a chiunque ci fa un favore o comunque ci dimostra il suo affetto.

Finite le attività alle ore 12:30, abbiamo fatto un pranzo di condivisione molto buono e si poteva avere la possibilità di conoscere altre famiglie e altri ragazzi di altre scuole salesiane, poi i ragazzi hanno fatto un gioco nei prati.

Alle 15 abbiamo celebrato la messa, infine siamo andati tutti a casa.

Ecco le nostre riflessioni in conclusione:

Da questa giornata mi porto via che sono fortunato ad avere una famiglia bellissima come la mia, perchè molti altri bambini purtroppo non hanno una mamma o un papà e vivono in totale povertà.

Sono contento perché ho avuto la possibilità di passare una bella giornata insieme con la mia famiglia e di essermi divertito molto nei giochi.

Grazie a tutti quelli che hanno organizzato questa magnifica manifestazione perché hanno reso molte persone felici.

Grazie per aver letto il nostro articolo.

I Bloggers indipendenti: F. Giromini e L. Marzi – 15 novembre 2019

Don Bosco Borgomanero: eletto il Presidente della Consulta Provinciale degli Studenti

Si riporta l’articolo proveniente da Don Bosco News dei Salesiani di Borgomanero riguardo l’elezione del Presidente della Consulta Provinciale degli Studenti, avvenuta venerdì 8 novembre presso l’Ufficio Scolastico di Novara. Ad ottenere il nuovo ruolo è stata la diciottenne Alice Mongiardini.

Alice Mongiardini eletta Presidente della Consulta Provinciale degli Studenti

Per la prima volta una studentessa di una scuola paritaria ricopre il prestigioso incarico

Venerdì 8 novembre, presso l’Ufficio Scolastico di Novara, si è tenuta l’assemblea per l’elezione del Presidente della Consulta Provinciale degli Studenti, l’organismo che riunisce i rappresentanti di istituto delle scuole superiori della provincia.  

Ad ottenere il maggior numero di preferenze è la diciottenne Alice Mongiardini. Residente a Gargallo, Alice studia al LES Don Bosco di Borgomanero, è appassionata di lettura e amante degli animali; nel suo discorso post elezione dice: “Ad interessarmi e a motivarmi nella scelta di candidarmi è il mio interesse per l’ambiente, i giovani e il mondo del lavoro e la cittadinanza attiva”. 

In merito alla sua elezione, la prof.ssa Gabriella Colla, referente della Consulta degli Studenti, ha commentato così: “Sono particolarmente lieta della nomina di una ragazza, fatto che sottolinea ancora di più l’importanza dell’Obiettivo 5 dell’Agenda Onu 2030 Women Empowerment”.  

Affiancata dal secondo eletto, Tommaso Pontremoli del Fermi di Arona, ha definito, con il Consiglio di Presidenza, le aree tematiche su cui i rappresentanti lavoreranno: cittadinanza/sociale, sostenibilità/ambiente/Agenda ONU 2030, sicurezza scolastica/infrastrutture, legalità, PCTO (percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento). 

Tra le varie iniziative che il Consiglio di Presidenza ha messo in cantiere vi sono i gemellaggi con i corrispondenti Consigli di Bolzano, Pescara e Piacenza e, in vista del prossimo Global Strike for Climate, un

progetto che coinvolgerà tutti gli studenti della Provincia di Novara per la pulizia di aree inquinate della zona.

Don Bosco Borgomanero: Open Day scuola media e liceo

Giornata di Open Day per sabato 23 novembre 2019 presso il Collegio Don Bosco di Borgomanero: alle ore 15.00 la presentazione della scuola media e alle ore 16.00 la presentazione dei licei (Liceo Classico e Liceo Economico Sociale – Gusto e Innovazione). Inoltre, tutti i giorni a partire dal 25 Novembre fino a fine anno scolastico sarà possibile visitare la scuola o trascorrere una “giornata di prova”.

SOLO SU APPUNTAMENTO

Tel. [+39] 0322 847211

info@donboscoborgo.it

O PRENOTANDO SUL SITO

www.donboscoborgo.it

Salesiani Borgomanero: è don Giuliano Palizzi il Borgomanerese dell’anno 2019

Il Salesiano don Giuliano Palizzi, ex direttore del Collegio Don Bosco di Borgomanero, ha avuto il grande onore di ricevere lo scorso fine ottobre il premio  come “Borgomanerese dell’anno 2019″, premio intitolato alla memoria di Giovanni Penaglia.

“Sono felice, ma sorpreso – ha detto Palizzi – è un premio importante che voglio condividere con i salesiani presenti da 107 anni qui a Borgomanero, con la comunità educativa dell’Istituto che è sempre più laica e infine con i giovani”.

Applaudito a lungo in un salone gremito di Villa Marazza, don Palizzi ha avuto modo di ringraziare tutti i presenti ricevendo la targa “Borgomanerese dell’anno” al termine di un incontro in cui è stato annunciato il passaggio del testimone dal presidente del gruppo filatelico numismatico Giovanni Tinivella a Luciano Paroli.

Si riporta l’articolo pubblicato da Novara netweek il 3 novembre 2019 in merito alla consegna del premio a Don Giuliano Palizzi.

La cerimonia a Villa Marazza ha consegnato il premio a don Giuliano Palizzi

Don Giuliano Palizzi è il Borgomanerese dell’anno 2019

Il Borgomanerese dell’anno 2019 è don Giuliano Palizzi, ex direttore del Collegio Don Bosco cittadino dal settembre 1991 all’agosto 2000, e fino al 2006 è stato direttore della comunità salesiana e dei licei classico e scientifico di Valsalice. Dal settembre 2006 all’agosto 2009 è stato direttore della comunità salesiana del collegio universitario san Giovannino e dell’oratorio San Luigi di Torino. Dal settembre 2009 all’agosto 2011 è stato direttore della comunità salesiana di Rivoli e dal settembre 2012 all’agosto 2019 è stato nuovamente direttore del Don Bosco cittadino.

Il discorso del sacerdote:
«La prima cosa che ho pensato quando mi hanno comunicato la vittoria del premio – ha iniziato il suo intervento nel salone d’onore della Villa Marazza, iniziando con l’ironia che lo contraddistingue – è stata che sono abruzzese, e non borgomanerese. Questo è un premio grande, e vorrei condividerlo con il gruppo dei salesiani, da 107 anni in città. Poi vorrei condividerlo con la comunità educativa attuale, con cui si è fatto un grande cammino. L’ultimo gruppo con cui vorrei condividere questo premio è la tanto vituperata categoria dei giovani: loro sono quello che noi vogliamo che siano. C’è un libro sui giovani di Armando Matteo che si chiama “La prima generazione incredula”, ma non sono i giovani secondo me.. La prima generazione incredula è stata quella dei genitori, che non hanno generato i ragazzi al bene. L’iniziativa di vivere in questo tempo deve partire da noi adulti. Dobbiamo riappropriarci della libertà di pensare, abbiamo smesso di farlo a modo nostro. L’intervento educativo a tutti i livelli è questo: bisogna sviluppare pensieri propri e non bere quelli degli altri. In questi tempi ci scaldiamo per i crocifissi nelle scuole, ma i crocifissi in mare non ci toccano. Ce la prendiamo per un pezzo di legno appeso a un muro, ma se sentiamo che 50 persone sono morte affogate nel Mediterraneo non ce ne importa niente, e magari ci spiace perché ne potevano morire di più. Questo è pensiero che dorme. Le famiglie e gli adulti devono credere di più ai figli e alla scuola: se la Chiesa seguisse di più questo Papa.. Se vogliamo fare che i giovani siano la società di domani dobbiamo fare in modo che loro pensino con la loro testa. Il domani non viene all’improvviso, viene dopo l’oggi. Sogno che Borgomanero diventi città educativa, che abbia questa dicitura nei cartelli sulle strade agli ingressi della città».

La consegna della Targa della presidenza
La cerimonia di premiazione è stata anche l’occasione per consegnare la targa della presidenza all’associazione «Terre della Croatina», e per lanciare un appello dal mondo del volontariato, che ha bisogno di partecipazione e nuove forze. Don Giuliano Palizzi è stato eletto Borgomanerese dell’anno durante la riunione della commissione apposita, presieduta dal giornalista Carlo Panizza, che ha proclamato a maggioranza assoluta il nome del sacerdote per la carica 2019 con la seguente motivazione:

«Per l’importante ruolo svolto in 16 anni di ammirevole servizio a Borgomanero dove ha lasciato e continua a lasciare il segno mettendo ogni giorno in rilievo, come è stato ben evidenziato sul libro edito in occasione del primo centenario di presenza salesiana in città, il suo cuore oratoriano, colmo di passione educativa, attento e conoscitore esperto delle problematiche giovanili, sempre pronto a cogliere il nuovo e ad affrontare con lungimiranza le nuove sfide a vantaggio delle nuove generazioni. Significativa e incisiva continua poi ad essere la sua azione pastorale, svolta non solo negli incontri con i giovani ma anche con la comunità locale».

Il cambio ai vertici del gruppo filatelico e numismatico
All’inizio della cerimonia di premiazione il presidente della Fondazione Marazza, nonché del gruppo organizzatore della cerimonia Borgomanerese dell’anno, il gruppo filatelico e numismatico «Achille Marazza» Giovanni Tinivella ha accolto nel gruppo due nuovi soci onorari, l’onorevole Giuseppe Cerutti e Cesare Albini, e ha annunciato il suo successore alla presidenza del sodalizio allo scadere del mandato triennale. Il nuovo presidente del gruppo «Achille Marazza» è Luciano Paroli: tra lui e Tinivella vi è stato un simbolico passaggio di campanella.

Video Intervista Brogomanero 24

Don Bosco Borgomanero – Notte nazionale dei LES: Open night al Don Bosco

Il 25 ottobre scorso, i ragazzi della terza media del Collegio Don Bosco di Borgomanero hanno avuto l’occasione di partecipare ad una serata di orientamento incentrata sulla scelta della scuola superiore futura. Si riporta di seguito il comunicato stampa gentilmente fornito alla Redazione da parte dei Salesiani di Borgomanero.

Notte nazionale dei LES: Open night al Don Bosco

Un’occasione per scoprire l’offerta formativa dei Licei

Venerdì 25 ottobre, in occasione della Notte Nazionale dei LES (Licei delle Scienze Umane ad opzione economico – sociale), gli alunni di terza media del Collegio don Bosco hanno partecipato a una serata pensata dai docenti apposta per loro, occasione per riflettere in materia di orientamento sulla scelta della scuola superiore.

Dapprima prendendo parte ai laboratori, poi scoprendo l’offerta formativa liceale, le famiglie hanno potuto approfondire in particolare le discipline caratterizzanti il percorso di studio del LES, sperimentando delle attività legate alle materie Scienze Umane, Innovazione e Gusto. Esplorandone gli spazi di apprendimento, è stato inoltre possibile approfondire le metodologie di insegnamento in atto.

Condividendo un aperitivo a base di eccellenze gastronomiche locali, famiglie, salesiani e docenti si sono confrontati su aspettative e bisogni educativi in continuità tra scuola media e liceo.

Don Bosco Borgomanero: Al Collegio don Bosco si parla di Costituzione – Festival della dignità umana

Si riporta il comunicato stampa dei Salesiani di Don Bosco Borgomanero in merito all’iniziativa svoltasi mercoledì 9 ottobre al teatro del Collegio don Bosco sul tema della Costituzione italiana, nell’ambito del Festival della dignità.

Costituzione italiana: diritti e doveri. Questo è il titolo dell’incontro che si è tenuto mercoledì 9 ottobre presso il teatro del Collegio don Bosco di Borgomanero a cui hanno partecipato tutte le classi del Liceo delle Scienze Umane e il triennio del Classico.

L’incontro si è tenuto nell’ambito del Festival della dignità umana, giunto ormai alla sesta edizione, il cui tema quest’anno è “Responsabili o indifferenti?”.
Proprio a partire da questo interrogativo, Ilaria Rudisi, consulente legale, formatrice e redattrice di progetti per la UE, ha dialogato con alcuni studenti a proposito dei Principi fondamentali che aprono la nostra Costituzione, l’attualità di tali ideali e la responsabilità di ciascuno rispetto alla loro attuazione.

L’incontro è stato scandito dagli interventi di alcuni studenti di 5 Les e di 3 Classico: i primi, coordinati dalla prof.ssa Franco, hanno spiegato gli articoli 3, 10 e 11 della Costituzione e il contesto storico che ne ha generato l’ideazione; i secondi, guidati dal prof. Zatti, hanno approfondito il legame tra i diritti dell’uomo e i temi legati all’ambiente.