Articoli

L’accoglienza ai pellegrini: intervista a Don Rafael Gasol

L’accoglienza ai tanti pellegrini che si recano a Valdocco. Ecco di seguito l’intervista realizzata all’ombra dell’Ausiliatrice a don Rafael Gasol, Salesiano Responsabile dell’ospitalità presso Valdocco.

Tra gli argomenti trattati: l’impegno di far conoscere Don Bosco; l’accoglienza; la prima volta a Valdocco, l’emozione nel 2000; i 6 anni a Valdocco; l’incontro con i tanti pellegrini: cosa cercano e cosa si aspettano quando arrivano a Valdocco;  le nazionalità principali dei pellegrini; la formazione dei laici sul carisma di Don Bosco; il saluto e il ringraziamento dei pellegrini; il “sentirsi a casa”; i fedeli della città di Torino; l’invocazione di Domenico Savio; i volontari di Don Bosco; un messaggio di speranza.

L’Italia ricambia l’ospitalità di Panama

Ecco le notizie che ci arrivano direttamente da Panama dopo la Giornata Mondiale della Gioventù che si è svolta dal 22 al 27 gennaio 2019. Si pubblica un articolo di “Avvenire” che parla del “ricambio ospitalità” da parte degli studenti dell’Istituto Fermi, della città del Canale, dopo aver accolto nella loro scuola i pellegrini italiani alla Gmg stanno visitando il nostro Paese per un’esperienza di scambio e condivisione.

«Grazie a voi abbiamo trovato nuovi amici».

Buona lettura!

Hanno dato il benvenuto ai coetanei arrivati in Centro America per partecipare alla Gmg, li hanno guidati attraverso le bellezze della città, hanno cantato e giocato con loro. E ora 16 studenti dell’Istituto «Enrico Fermi» di Panama vengono accolti dal nostro Paese che ricambia così l’ospitalità ricevuta.

È una storia di amicizia che affonda le sue radici nel lontano fine Ottocento, quando ad emigrare erano gli italiani, e dopo essersi consolidata si è rinvigorita grazie all’esperienza della Gmg. Da tempo, infatti, i ragazzi che hanno terminato il penultimo anno senza insufficienze possono prendere parte allo scambio culturale con il Convitto Umberto I di Torino che comprende anche la visita di alcune delle principali città della Penisola.

Stavolta però il gemellaggio, che tocca il capoluogo piemontese, Venezia, Roma, Assisi, Firenze e Pisa, ha un qualcosa in più: i ragazzi panamensi ritrovano volti conosciuti durante il raduno mondiale e in particolar modo a «Casa Italia», ospitata proprio nella loro scuola, fondata negli anni ’60 da Stefano Cermelli e che oggi, con un migliaio di studenti di 30 nazionalità, è presidio di eccellenza formativa.

«Per gli alunni, lo scambio culturale è un’occasione irripetibile oltre che un incentivo a studiare», spiega Nino Cermelli, figlio del fondatore dell’Istituto Fermi, che, insieme all’insegnante di italiano Beatriz Beltran, accompagna il gruppo. «Quest’anno – sottolinea – si alimenta dell’amicizia con la comunità ecclesiale e con l’equipe del Servizio nazionale per la pastorale giovanile».

A dimostrazione del fatto che basta aprire le porte e le braccia per fare, ovunque, casa.

Stefania Careddu

Le Testimonianze dei ragazzi:

Ana Lucia

«Siamo stati felici di accompagnare i ragazzi italiani, offrire informazioni turistiche, guidarli per le vie della nostra città, dargli la mano». Così hanno potuto portare via con loro una piccola parte di Panama.

Ana Lucia Ureña sorride quando ripensa ai giovani incontrati nei giorni della Gmg, ai due ragazzi di Torino «che erano felici nonostante si fossero persi», a quelli conosciuti a Casa Italia che sembrava «fossero abituati a stare a Panama, anche se faceva caldissimo mentre ci raccontavano che a casa avevano lasciato freddo e neve». Perché l’accoglienza è una questione di porte aperte e di disponibilità, ma anche di voglia di fare un tratto di strada insieme e di condividere storie, nella consapevolezza che ci si arricchisce a vicenda.

«È come se tutte le persone fossero amiche ed era consolante uscire e trovare qualcuno che pur essendo di un Paese lontano in cui si parla un’altra lingua ti salutava con un hola in spagnolo, come se ti conoscesse», racconta la studentessa dell’Istituto Fermi, anche lei tra i volontari a Casa Italia. «È stata una bellissima esperienza, di scambio tra culture», spiega Ana Lucia che è rimasta impressionata dalla «felicità contagiosa che si vedeva in città» e dai «valori che i ragazzi hanno e riescono a comunicare, come ad esempio l’altruismo e la solidarietà».

«C’è stato però un momento che mi ha colpito tantissimo, cioè quando alcuni giovani hanno sollevato un loro amico in sedia a rotelle per permettergli di vedere Francesco che stava passando», confida Ana Lucia ricordando che «un fotografo ha immortalato l’attimo e quell’immagine è diventata il simbolo di Panama».
«Ciò che mi emoziona è che per fare quel gesto, i ragazzi non hanno potuto salutare il Papa che era lì, a pochissimi metri, ma erano felici lo stesso per il loro amico».

Stephanie Lammie

Nelle due settimane trascorse a Torino per lo scambio culturale con i coetanei del Convitto Umberto I, non ha potuto fare a meno di incontrare quella che chiama “la mia famiglia italiana”». Anche se ospitata in un’altra casa, infatti, Stephanie Lammie ha voluto riabbracciare la mamma, il papà e le due ragazze che hanno accolto sua sorella qualche anno fa e che poi hanno ricambiato la visita recandosi a Panama.

«Sono andata a trovarli e a cenare con loro», dice la studentessa dell’Istituto Fermi confermando la forza del legame che unisce i due Paesi grazie al gemellaggio annuale tra le scuole.

E che quest’anno si è ulteriormente consolidato con l’esperienza della Gmg. Durante il raduno mondiale, Stephanie ha fatto parte del gruppo dei volontari del Comitato organizzatore locale.

«Per alcuni giorni ho fatto servizio d’ordine nelle strade vicine al Canale di Panama che erano blindate per il passaggio del Papa e su cui noi dovevamo vigilare perché nessuno cercasse di oltrepassare le transenne. Poi sono stata in uno dei Punti di informazione per dare assistenza ai pellegrini e lì mi sono divertita molto», spiega la studentessa dell’Istituto Fermi che in entrambe le attività ha avuto modo di incontrare tantissime persone di diverse culture e di sperimentare la bellezza della condivisione.

«Ho impressa una bambina con sindrome di Down che voleva vedere Francesco perché sperava che potesse guarirla, ma sono rimasta colpita da una donna adulta, mamma di due pellegrine, che piangeva e pregava», racconta Stephanie che tra gli italiani a cui ha dato una mano ricorda bene un gruppo che, «alla Messa di apertura, non riusciva più a trovare il suo settore perché, per vedere il Papa, tutti i pellegrini si erano mossi spostandosi dai posti assegnati».

Mariana Lopez

Inolvidable», cioè «indimenticabile».

Usa questo aggettivo Mariana Lopez per definire l’esperienza della Gmg, in cui

«abbiamo potuto vedere il Papa, conoscere tanta gente, cantare e ballare per la strada».

Anche lei è stata una delle volontarie di Casa Italia, avendo scelto di dedicare un po’ delle sue vacanze estive ai giovani provenienti dalle nostre diocesi. Ha infatti assistito i pellegrini rispondendo alle domande, dando loro informazioni, ma anche entrando in empatia con i tanti gruppi che passavano per il quartier generale azzurro.

«Mi sentivo male per loro perché dovevano camminare tanto», confida Mariana che ora sperimenta la bellezza dell’accoglienza qui in Italia, in occasione dello scambio culturale a cui partecipa con alcuni compagni. «Torino è una città molto bella con monumenti e luoghi splendidi come la reggia di Venaria, il Museo Egizio, la Mole Antonelliana, ma pure Venezia con i suoi canali e le vie strette lo è», dice senza esitazione la studentessa, felice di poter essere ora a Roma.

Poi, sorridendo, aggiunge: «Dell’Italia mi piacciono molto anche il gelato, che è diverso da quello che mangiamo a Panama, la pizza, gli gnocchi e gli agnolotti».

Eduardo Stanziola

Una partita a basket o a calcio ed è subito gruppo, squadra, amicizia, perché

«l’obiettivo non è vincere, ma stare insieme e divertirsi».

Per Eduardo Stanziola, 17 anni, è questa l’immagine che meglio di altre restituisce il senso dell’accoglienza e sintetizza cosa è accaduto durante la Gmg, in particolare con i pellegrini che facevano tappa a Casa Italia. A dimostrazione del fatto che l’ospitalità è un gioco da ragazzi, nel significato più vero e profondo dell’espressione.

«Per me è stata un’esperienza totalmente nuova: è stato bello incontrare tanti ragazzi simpatici e amichevoli», confida Eduardo che insieme ad altri studenti dell’Istituto Fermi ha prestato servizio come volontario nella sua scuola trasformata per l’occasione in quartier generale della spedizione azzurra.

«Il compito principale è stato quello di dare informazioni, specialmente sulla città e sul quartiere dove erano concentrati i gruppi di italiani», spiega Eduardo che è rimasto molto colpito dal clima di festa che si respirava a Casa Italia e per le vie di Panama.

«C’era ovunque una sensazione di felicità: tutti ci salutavamo, anche per la strada, come se ci conoscessimo da sempre», sorride il ragazzo panamense i cui occhi brillano ancora quando racconta di aver visto papa Francesco passare a pochi metri di distanza, dopo averlo atteso per tre ore, sotto il sole.

Sofia Melamede

Grazie allo scambio culturale tra l’Istituto Fermi di Panama e il Convitto Umberto I di Torino, Sofia Melamede sta sperimentando nel nostro Paese l’ospitalità, la stessa che con la sua famiglia ha offerto durante la Gmg quando ha aperto le porte della sua casa a due ragazze del Guatemala.

«All’inizio è stato strano, ma da subito ci siamo trovate bene. Erano sempre sorridenti e mi hanno trasmesso tanta energia e felicità: sono diventate persone di famiglia», spiega Sofia che è rimasta in contatto con le due nuove amiche e ha raccontato loro del gemellaggio e del viaggio in Italia.

«Una – racconta – è catechista e l’altra è molto devota a Don Bosco: in loro ho visto una fede immensa e questo mi ha fatto capire che chi è venuto in Centro America lo ha fatto per ascoltare le parole di Francesco e comunicarle poi al proprio Paese».

Per la studentessa panamense, «è stato bellissimo ed emozionante vedere gente di tutto il mondo, giovani che cantavano la stessa canzone, ognuno nella propria lingua, e che erano a Panama perché credevano nello stesso Dio e avevano la stessa fede».

Segno che «la religione è universale» e unisce popoli e culture, in un unico abbraccio.

 

Torino – Valdocco M.A.

Torino – Valdocco

“Maria Ausiliatrice” – Casa Madre




Comunità Maria Ausiliatrice

Via Maria Ausiliatrice, 32 – 10152 TORINO


Santuario Basilica Maria Ausiliatrice – Luoghi Storici Salesiani – Centro Mariano Salesiano – ADMA Primaria – Centro Salesiano Documentazione Mariana– Ricordi Religiosi – Procura Missionaria – Ospitalità

Direttore

Don Guido Errico

INFO

011 52 24 822

OSPITALITA’

011 52 24 639

PRENOTAZIONI

011 52 24 223

RICORDI REL.

011 52 24 244

ADMA

011 52 24 216

FAX CASA

011 52 24 690

FAX BASILICA

011 52 24 262


Online il sito di e-commerce della libreria di Valdocco

Da oggi attivo il negozio online della libreria del cortile di…

Preghiera in diretta per l'anniversario della morte di Mamma Margherita

Nell’anniversario della morte di Mamma Margherita, i centri…

Casa don Bosco resta aperta on line come museo virtuale

Si riporta la notizia pubblicata dall'Avvenire sull'iniziativa…

Casa don Bosco resta aperta on line come museo virtuale

Pubblichiamo l'articolo di Marina Lomunno, uscito su Avvenire,…

15 novembre è MGS Day: nel cuore del mondo!

Il tradizionale appuntamento dell'MGS Day, che raduna più di…

Evento di apertura del progetto Labs To Learn

AGS per il Territorio, insieme con gli enti partner inaugura…

Adorazione permanente nella Cappella Pinardi di Valdocco

Il 24 ottobre scorso, commemorazione di Maria Ausiliatrice, è…

Ritiro trimestrale ispettoriale per i confratelli

Per sabato 21 novembre 2020 è previsto il ritiro trimestrale…

Il primo incontro di "E se la fede avesse ragione" 2020/2021: LA SUPERBIA

Nella serata di ieri, giovedì 15 ottobre, è ripreso il cammino…

Dati di contatto DPO

Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer) dell’Oratorio Salesiano San Francesco di Sales


L’Oratorio Salesiano San Francesco di Sales ha nominato un Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer).
I dati di contatto del Responsabile della Protezione dei Dati per gli interessati sono i seguenti:


Studio Legale Avv. Stefano Gallarato
Corso Rodolfo Montevecchio, 58 – 10129 Torino | tel. +39 011 5694318 – fax +39 011 5694319
web: www.avvocati.torino.it | mail: info@avvocati.torino.it | pec: stefano.gallarato@pec.avvocati.torino.it

L’accoglienza ai pellegrini: intervista a Don Rafael Gasol

L’accoglienza ai tanti pellegrini che si recano a Valdocco. Ecco di seguito l’intervista realizzata all’ombra dell’Ausiliatrice a don Rafael Gasol, Salesiano Responsabile dell’ospitalità presso Valdocco.

Tra gli argomenti trattati: l’impegno di far conoscere Don Bosco; l’accoglienza; la prima volta a Valdocco, l’emozione nel 2000; i 6 anni a Valdocco; l’incontro con i tanti pellegrini: cosa cercano e cosa si aspettano quando arrivano a Valdocco;  le nazionalità principali dei pellegrini; la formazione dei laici sul carisma di Don Bosco; il saluto e il ringraziamento dei pellegrini; il “sentirsi a casa”; i fedeli della città di Torino; l’invocazione di Domenico Savio; i volontari di Don Bosco; un messaggio di speranza.

L’Italia ricambia l’ospitalità di Panama

Ecco le notizie che ci arrivano direttamente da Panama dopo la Giornata Mondiale della Gioventù che si è svolta dal 22 al 27 gennaio 2019. Si pubblica un articolo di “Avvenire” che parla del “ricambio ospitalità” da parte degli studenti dell’Istituto Fermi, della città del Canale, dopo aver accolto nella loro scuola i pellegrini italiani alla Gmg stanno visitando il nostro Paese per un’esperienza di scambio e condivisione.

«Grazie a voi abbiamo trovato nuovi amici».

Buona lettura!

Hanno dato il benvenuto ai coetanei arrivati in Centro America per partecipare alla Gmg, li hanno guidati attraverso le bellezze della città, hanno cantato e giocato con loro. E ora 16 studenti dell’Istituto «Enrico Fermi» di Panama vengono accolti dal nostro Paese che ricambia così l’ospitalità ricevuta.

È una storia di amicizia che affonda le sue radici nel lontano fine Ottocento, quando ad emigrare erano gli italiani, e dopo essersi consolidata si è rinvigorita grazie all’esperienza della Gmg. Da tempo, infatti, i ragazzi che hanno terminato il penultimo anno senza insufficienze possono prendere parte allo scambio culturale con il Convitto Umberto I di Torino che comprende anche la visita di alcune delle principali città della Penisola.

Stavolta però il gemellaggio, che tocca il capoluogo piemontese, Venezia, Roma, Assisi, Firenze e Pisa, ha un qualcosa in più: i ragazzi panamensi ritrovano volti conosciuti durante il raduno mondiale e in particolar modo a «Casa Italia», ospitata proprio nella loro scuola, fondata negli anni ’60 da Stefano Cermelli e che oggi, con un migliaio di studenti di 30 nazionalità, è presidio di eccellenza formativa.

«Per gli alunni, lo scambio culturale è un’occasione irripetibile oltre che un incentivo a studiare», spiega Nino Cermelli, figlio del fondatore dell’Istituto Fermi, che, insieme all’insegnante di italiano Beatriz Beltran, accompagna il gruppo. «Quest’anno – sottolinea – si alimenta dell’amicizia con la comunità ecclesiale e con l’equipe del Servizio nazionale per la pastorale giovanile».

A dimostrazione del fatto che basta aprire le porte e le braccia per fare, ovunque, casa.

Stefania Careddu

Le Testimonianze dei ragazzi:

Ana Lucia

«Siamo stati felici di accompagnare i ragazzi italiani, offrire informazioni turistiche, guidarli per le vie della nostra città, dargli la mano». Così hanno potuto portare via con loro una piccola parte di Panama.

Ana Lucia Ureña sorride quando ripensa ai giovani incontrati nei giorni della Gmg, ai due ragazzi di Torino «che erano felici nonostante si fossero persi», a quelli conosciuti a Casa Italia che sembrava «fossero abituati a stare a Panama, anche se faceva caldissimo mentre ci raccontavano che a casa avevano lasciato freddo e neve». Perché l’accoglienza è una questione di porte aperte e di disponibilità, ma anche di voglia di fare un tratto di strada insieme e di condividere storie, nella consapevolezza che ci si arricchisce a vicenda.

«È come se tutte le persone fossero amiche ed era consolante uscire e trovare qualcuno che pur essendo di un Paese lontano in cui si parla un’altra lingua ti salutava con un hola in spagnolo, come se ti conoscesse», racconta la studentessa dell’Istituto Fermi, anche lei tra i volontari a Casa Italia. «È stata una bellissima esperienza, di scambio tra culture», spiega Ana Lucia che è rimasta impressionata dalla «felicità contagiosa che si vedeva in città» e dai «valori che i ragazzi hanno e riescono a comunicare, come ad esempio l’altruismo e la solidarietà».

«C’è stato però un momento che mi ha colpito tantissimo, cioè quando alcuni giovani hanno sollevato un loro amico in sedia a rotelle per permettergli di vedere Francesco che stava passando», confida Ana Lucia ricordando che «un fotografo ha immortalato l’attimo e quell’immagine è diventata il simbolo di Panama».
«Ciò che mi emoziona è che per fare quel gesto, i ragazzi non hanno potuto salutare il Papa che era lì, a pochissimi metri, ma erano felici lo stesso per il loro amico».

Stephanie Lammie

Nelle due settimane trascorse a Torino per lo scambio culturale con i coetanei del Convitto Umberto I, non ha potuto fare a meno di incontrare quella che chiama “la mia famiglia italiana”». Anche se ospitata in un’altra casa, infatti, Stephanie Lammie ha voluto riabbracciare la mamma, il papà e le due ragazze che hanno accolto sua sorella qualche anno fa e che poi hanno ricambiato la visita recandosi a Panama.

«Sono andata a trovarli e a cenare con loro», dice la studentessa dell’Istituto Fermi confermando la forza del legame che unisce i due Paesi grazie al gemellaggio annuale tra le scuole.

E che quest’anno si è ulteriormente consolidato con l’esperienza della Gmg. Durante il raduno mondiale, Stephanie ha fatto parte del gruppo dei volontari del Comitato organizzatore locale.

«Per alcuni giorni ho fatto servizio d’ordine nelle strade vicine al Canale di Panama che erano blindate per il passaggio del Papa e su cui noi dovevamo vigilare perché nessuno cercasse di oltrepassare le transenne. Poi sono stata in uno dei Punti di informazione per dare assistenza ai pellegrini e lì mi sono divertita molto», spiega la studentessa dell’Istituto Fermi che in entrambe le attività ha avuto modo di incontrare tantissime persone di diverse culture e di sperimentare la bellezza della condivisione.

«Ho impressa una bambina con sindrome di Down che voleva vedere Francesco perché sperava che potesse guarirla, ma sono rimasta colpita da una donna adulta, mamma di due pellegrine, che piangeva e pregava», racconta Stephanie che tra gli italiani a cui ha dato una mano ricorda bene un gruppo che, «alla Messa di apertura, non riusciva più a trovare il suo settore perché, per vedere il Papa, tutti i pellegrini si erano mossi spostandosi dai posti assegnati».

Mariana Lopez

Inolvidable», cioè «indimenticabile».

Usa questo aggettivo Mariana Lopez per definire l’esperienza della Gmg, in cui

«abbiamo potuto vedere il Papa, conoscere tanta gente, cantare e ballare per la strada».

Anche lei è stata una delle volontarie di Casa Italia, avendo scelto di dedicare un po’ delle sue vacanze estive ai giovani provenienti dalle nostre diocesi. Ha infatti assistito i pellegrini rispondendo alle domande, dando loro informazioni, ma anche entrando in empatia con i tanti gruppi che passavano per il quartier generale azzurro.

«Mi sentivo male per loro perché dovevano camminare tanto», confida Mariana che ora sperimenta la bellezza dell’accoglienza qui in Italia, in occasione dello scambio culturale a cui partecipa con alcuni compagni. «Torino è una città molto bella con monumenti e luoghi splendidi come la reggia di Venaria, il Museo Egizio, la Mole Antonelliana, ma pure Venezia con i suoi canali e le vie strette lo è», dice senza esitazione la studentessa, felice di poter essere ora a Roma.

Poi, sorridendo, aggiunge: «Dell’Italia mi piacciono molto anche il gelato, che è diverso da quello che mangiamo a Panama, la pizza, gli gnocchi e gli agnolotti».

Eduardo Stanziola

Una partita a basket o a calcio ed è subito gruppo, squadra, amicizia, perché

«l’obiettivo non è vincere, ma stare insieme e divertirsi».

Per Eduardo Stanziola, 17 anni, è questa l’immagine che meglio di altre restituisce il senso dell’accoglienza e sintetizza cosa è accaduto durante la Gmg, in particolare con i pellegrini che facevano tappa a Casa Italia. A dimostrazione del fatto che l’ospitalità è un gioco da ragazzi, nel significato più vero e profondo dell’espressione.

«Per me è stata un’esperienza totalmente nuova: è stato bello incontrare tanti ragazzi simpatici e amichevoli», confida Eduardo che insieme ad altri studenti dell’Istituto Fermi ha prestato servizio come volontario nella sua scuola trasformata per l’occasione in quartier generale della spedizione azzurra.

«Il compito principale è stato quello di dare informazioni, specialmente sulla città e sul quartiere dove erano concentrati i gruppi di italiani», spiega Eduardo che è rimasto molto colpito dal clima di festa che si respirava a Casa Italia e per le vie di Panama.

«C’era ovunque una sensazione di felicità: tutti ci salutavamo, anche per la strada, come se ci conoscessimo da sempre», sorride il ragazzo panamense i cui occhi brillano ancora quando racconta di aver visto papa Francesco passare a pochi metri di distanza, dopo averlo atteso per tre ore, sotto il sole.

Sofia Melamede

Grazie allo scambio culturale tra l’Istituto Fermi di Panama e il Convitto Umberto I di Torino, Sofia Melamede sta sperimentando nel nostro Paese l’ospitalità, la stessa che con la sua famiglia ha offerto durante la Gmg quando ha aperto le porte della sua casa a due ragazze del Guatemala.

«All’inizio è stato strano, ma da subito ci siamo trovate bene. Erano sempre sorridenti e mi hanno trasmesso tanta energia e felicità: sono diventate persone di famiglia», spiega Sofia che è rimasta in contatto con le due nuove amiche e ha raccontato loro del gemellaggio e del viaggio in Italia.

«Una – racconta – è catechista e l’altra è molto devota a Don Bosco: in loro ho visto una fede immensa e questo mi ha fatto capire che chi è venuto in Centro America lo ha fatto per ascoltare le parole di Francesco e comunicarle poi al proprio Paese».

Per la studentessa panamense, «è stato bellissimo ed emozionante vedere gente di tutto il mondo, giovani che cantavano la stessa canzone, ognuno nella propria lingua, e che erano a Panama perché credevano nello stesso Dio e avevano la stessa fede».

Segno che «la religione è universale» e unisce popoli e culture, in un unico abbraccio.

 

Torino – Valdocco M.A.

Torino – Valdocco

“Maria Ausiliatrice” – Casa Madre




Comunità Maria Ausiliatrice

Via Maria Ausiliatrice, 32 – 10152 TORINO


Santuario Basilica Maria Ausiliatrice – Luoghi Storici Salesiani – Centro Mariano Salesiano – ADMA Primaria – Centro Salesiano Documentazione Mariana– Ricordi Religiosi – Procura Missionaria – Ospitalità

Direttore

Don Guido Errico

INFO

011 52 24 822

OSPITALITA’

011 52 24 639

PRENOTAZIONI

011 52 24 223

RICORDI REL.

011 52 24 244

ADMA

011 52 24 216

FAX CASA

011 52 24 690

FAX BASILICA

011 52 24 262


Online il sito di e-commerce della libreria di Valdocco

Da oggi attivo il negozio online della libreria del cortile di…

Preghiera in diretta per l'anniversario della morte di Mamma Margherita

Nell’anniversario della morte di Mamma Margherita, i centri…

Casa don Bosco resta aperta on line come museo virtuale

Si riporta la notizia pubblicata dall'Avvenire sull'iniziativa…

Casa don Bosco resta aperta on line come museo virtuale

Pubblichiamo l'articolo di Marina Lomunno, uscito su Avvenire,…

15 novembre è MGS Day: nel cuore del mondo!

Il tradizionale appuntamento dell'MGS Day, che raduna più di…

Evento di apertura del progetto Labs To Learn

AGS per il Territorio, insieme con gli enti partner inaugura…

Adorazione permanente nella Cappella Pinardi di Valdocco

Il 24 ottobre scorso, commemorazione di Maria Ausiliatrice, è…

Ritiro trimestrale ispettoriale per i confratelli

Per sabato 21 novembre 2020 è previsto il ritiro trimestrale…

Il primo incontro di "E se la fede avesse ragione" 2020/2021: LA SUPERBIA

Nella serata di ieri, giovedì 15 ottobre, è ripreso il cammino…

Dati di contatto DPO

Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer) dell’Oratorio Salesiano San Francesco di Sales


L’Oratorio Salesiano San Francesco di Sales ha nominato un Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer).
I dati di contatto del Responsabile della Protezione dei Dati per gli interessati sono i seguenti:


Studio Legale Avv. Stefano Gallarato
Corso Rodolfo Montevecchio, 58 – 10129 Torino | tel. +39 011 5694318 – fax +39 011 5694319
web: www.avvocati.torino.it | mail: info@avvocati.torino.it | pec: stefano.gallarato@pec.avvocati.torino.it

Castelnuovo Don Bosco

Castelnuovo Don Bosco

“Colle Don Bosco – Maria Ausiliatrice”


Diocesi di Torino

Istituto Salesiano Bernardi Semeria

Frazione Morialdo, 30 – 14022 CASTELNUOVO DON BOSCO (AT)


Parrocchia S. Andrea Apostolo

Via Dei Rivalba, 10 – 14022 CASTELNUOVO DON BOSCO (AT)


Parrocchia – Basilica di San Giovanni Bosco e Luoghi storici salesiani – Centro di formazione professionale – Chiesa pubblica – Oratorio Centro giovanile – Cappellanie – Ospitalità Salesiani, Laici e Gruppi Giovanili – Cenacolo Eucaristico Mariano – Museo Missionario e della Civiltà Contadina dell’800 – Casa del Ragazzo Santo a Morialdo e Mondonio

Direttore

Don Enrico Ponte

INFO

011 98 77 111

ACCOGLIENZA

011 98 77 162

NEGOZIO

011 98 77 163

ORATORIO

011 09 80 403

PARROCCHIA

011 09 80 403

NAZARENI

011 98 77 164

FAX ISTITUTO

011 98 77 236


Oratorio Michele Rua: pellegrinaggio al Colle Don Bosco

L'Oratorio Michele Rua ha iniziato il cammino dell’anno pastorale…

Exallievi Colle Don Bosco: dopo 40 anni alla croce della Rocca di San Bernolfo

Gli exallievi del Colle Don Bosco alla croce della Rocca di San…

Assemblea MGS al Colle Don Bosco: gli interventi di Johnny Dotti e Mauro Magatti

Sabato 19 settembre scorso, presso il Colle Don Bosco, si è…

Interviste "nel cuore del mondo"- Ritrovo MGS al Colle don Bosco

In occasione del ritrovo MGS che si è tenuto il 12 settembre…

9 nuovi salesiani: le professioni religiose al Colle Don Bosco

Nella giornata di ieri, martedì 8 settembre, si sono tenute…

Prime Professioni Religiose - Colle Don Bosco 8 settembre 2020

Riconoscenti al Padre, la Società di San Francesco di Sales…

Messa in diretta per il 205° compleanno di Don Bosco

Il 16 agosto è sempre un giorno di festa speciale per la Famiglia…

Dal 17 al 20 settembre è tempo di ... Campo 4

Dal 17 al 20 settembre la Pastorale Giovanile propone il tradizionale…

12 settembre ... Ritrovo MGS!

Il Movimento Giovanile Salesiano del Piemonte e Valle d'Aosta…

"Questa è la mia casa": intervista a don Gianni Rolandi sul Colle Don Bosco

Il ritorno dei pellegrini al Colle Don Bosco, il luogo delle…

Festa Ispettoriale al Colle don Bosco

Sabato 25 luglio 2020 si terrà la Festa Ispettoriale presso…

Don Domenico Rosso: un maestro che ha segnato tante vite

I quotidiani Avvenire e IlSussidiaro.net dedicano un articolo…

Colle don Bosco, il direttore don Rolandi: "Eremo surreale per il periodo pasquale"

Pubblichiamo l'intervista uscita su La Stampa - a firma di Marina…

"9 passi insieme a Maria": la Novena di Maria Ausiliatrice realizzata dal Noviziato

Per prepararsi al meglio alla Festa di Maria Ausiliatrice, i…

Castelnuovo Don Bosco: la terra natia dei santi sociali

Cronaca qui di oggi, martedì 12 maggio, dedica un articolo a…

Un mese con Maria - maggio 2020

Ecco il mese di maggio: mese per eccellenza dedicato a Maria…

40 anni dopo si ritorna in vetta! Nel ricordo di Nane, Bepi e Leo

Quest'anno è il 40° della posa della Croce sulla Rocca di San…

Colle don Bosco: Il tempio di don Bosco - Anno 74° n. 4 APRILE 2020

Si rende disponibile lo sfogliabile della rivista Il tempio di…

ANNULLATO - Esercizi Spirituali Universitari e Giovani Lavoratori: 6-8 Marzo 2020

Evento annullato causa disposizioni sanitarie di prevenzione…

Il Convegno per la Formazione Professionale 2020 - La Sintesi

Si è concluso venerdì 21 febbraio, presso il Colle don Bosco,…

Il Convegno per la Formazione Professionale 2020

È iniziato ufficialmente il Convegno della Formazione Professionale…

Animazione Vocazionale: L'esperienza dei GR Ado e Gr GxG

Concretezza di impegni, perseveranza nel cammino e freschezza…

"A che può servire questa stoffa?" il Convegno di formazione per gli educatori dei CFP

"A che può servire questa stoffa? Formazione Professionale…

ANNULLAMENTO: Weekend Savio Club: 29 febbraio - 1 marzo 2020

ATTENZIONE: in ottemperanza della ordinanza ministeriale del…

Animazione Missionaria: il quarto incontro del Corso Partenti 2019/2020

Sabato 11 e domenica 12 gennaio 2020, al Colle Don Bosco e a…

Festa di San Giovanni Bosco 2020

Il calendario della festa di Don Bosco.

Il nuovo direttore del Colle: “Guardo ai giovani con speranza S. Bosco è l’esempio” - Don Giovanni Rolandi

Domenica 8 dicembre 2019, il quotidiano La Stampa, nella sezione…

Colle Don Bosco: Programma Feste Natalizie 2019-2020

La Basilica di San Giovanni Bosco presenta il programma dedicato…

L'incontro di formazione tra Direttori, Presidi e Direttori del CFP al Colle Don Bosco

Nelle giornate di domenica 1 e lunedì 2 dicembre si è svolto…

Il video di presentazione del Colle Don Bosco

A cura di "Salesian of Don Bosco" e guidati dalle parole di don…

Weekend Savio Club - Colle Don Bosco

Sabato 16 e domenica 17 novembre 2019 si è svolto l’appuntamento…

Salesiani Borgomanero: gita delle famiglie al Colle Don Bosco

Domenica 27 ottobre 2019, le famiglie che frequentano la realtà…

Salesiani Novara: il ritiro spirituale del Liceo sui passi di Don Bosco

I ragazzi del Liceo dell'Istituto San Lorenzo dei Salesiani di…

Weekend Savio Club: 16-17 novembre 2019

Sabato 16 e domenica 17 novembre 2019 torna l'appuntamento del…

Giornata del Salesiano Cooperatore - 22 settembre al Colle Don Bosco

Una giornata importante quella del Salesiano Cooperatore svoltasi…

CFP Vercelli: Allievi al Colle Don Bosco

Gli allievi del Centro di Formazione Professionale di Vercelli…

Don Bosco Borgomanero: Liceo e scuola media nei luoghi di don Bosco per l'inizio dell'anno scolastico

Mercoledì 2 e giovedì 3 ottobre 2019, i ragazzi del liceo e…

Incontro dei Confratelli Over 75 al Colle Don Bosco

Nella giornata di mercoledì 2 ottobre 2019 si è tenuto l’incontro…

Campo 4, 2019 - Scelte concrete nella propria vita

Da giovedì 19 settembre sino a domenica 22 settembre, presso…

Professione Perpetue: domenica 15 settembre 2019

Nella giornata di Domenica 15 settembre 2019, alle ore 15.00,…

Weekend MGS - 14/15 settembre 2019

Tanti sorrisi e allegria al Weekend MGS che si è svolto al Colle…

CNOS-FAP: Giornata di ente al Colle Don Bosco

Venerdì 6 settembre 2019, presso il Colle Don Bosco, si è svolta…

Prime Professioni Religiose al Colle Don Bosco: "Fate quello che vi dirà"

Domenica 8 settembre 2019 si sono svolte le prime Professioni…

Salesiani ICP - Incontro con i Confratelli Over 75 al Colle Don Bosco

Si comunica che mercoledì 2 ottobre 2019, nel giorno in cui…

Giornata del Salesiano Cooperatore 2019 - domenica 22 settembre al Colle Don Bosco

Si comunica che domenica 22 settembre 2019, presso il Colle don…

Gazzetta d'Asti: Campo giovanile al Colle Don Bosco

Si riporta l'articolo pubblicato oggi dalla Gazzetta D'Asti in…

Incontro dipendenti CNOS-FAP Colle Don Bosco

Venerdì 6 settembre 2019 si svolgerà la giornata di ente al…

Prime Professioni Religiose - Colle Don Bosco 8 settembre 2019

"Fate quello che vi dirà" (Gv 2,5) Basilica del Colle Don…

Campo 4 2019 - Colle don Bosco

In ripresa delle attività pastorali, ecco un altro appuntamento…

Weekend MGS 2019 - 14/15 settembre al Colle don Bosco

Si rinnova l'appuntamento con il Weekend MGS al Colle don Bosco…

I Prenovizi Salesiani d’Europa al Colle Don Bosco

Domenica 4 agosto scorso, presso Colle Don Bosco, il Rettor Maggiore…

Novizi del Colle don Bosco - Animazione messa nella cappella più alta d'Europa

Si riporta la notizia proveniente da "La Voce e il Tempo" di…

“Incontro con Don Bosco” nei luoghi Salesiani

Dal 1° al 6 luglio un gruppo di 67 giovani, composto da salesiani…

Festeggiamenti Colle don Bosco – 15 e 16 agosto

In data 15 e 16 agosto 2019, al Colle don Bosco ed a Castelnuovo…

Scuole Salesiane Lombriasco: momenti di festa di fine anno

Sabato 8 giugno 2019, gli alunni delle Scuole Salesiane di Lombriasco…

Incontro del Rettor Maggiore con i novizi salesiani d’Europa

Si riporta la notizia pubblicata su infoans.org riguardo al momento…

La magia della vita: don Silvio Mantelli (Mago Sales) e don Luca Barone su Rai Due

La magia ed il miracolo del sorriso al centro della puntata andata…

La Fraternità Contemplativa Maria di Nazareth: la contemplazione salesiana nella vita ordinaria

Nell'articolo pubblicato oggi da ANS, l'Agenzia d'Informazione…

Festa delle scuole medie al Colle Don Bosco - 10 maggio 2019

Un'ottima giornata di sole, amicizia e sana allegria ha vissuto…

Maggio 2019 - II edizione della Scuola per Delegati Ispettoriali per la Pastorale Giovanile Salesiana

Si pubblica la notizia di ANS - Agenzia Info Salesiana - relativa…

Mgs Europa - Esercizi Spirituali al Colle don Bosco

Da Martedì 23 aprile a domenica 28 Aprile, nella settimana dell'ottava…

Savio Club: esercizi spirituali delle scuole medie a Colle Don Bosco

Dall'11 al 13 aprile scorso si sono svolti gli esercizi spirituali…

Esercizi spirituali SDB sui luoghi salesiani

Dal 30 marzo al 12 aprile 2019 si sono realizzate due intense…

San Domenico Savio – 177° anniversario dalla nascita

Nella giornata del 30 marzo, l’incontro di svolgerà presso…

Anniversario Mamma Margherita – 231° compleanno!

In occasione del 231° anniversario dalla nascita di Mamma…

3 giorni al Colle don Bosco per i volontari del Servizio Civile

Nelle giornate del 15-16-17 marzo 2019, si è svolta la Formazione…

Esercizi spirituali - I Santi sono i migliori interpreti della parola di Dio

Si sono svolti, nel fine settimana dall'8 al 10 marzo, gli esercizi…

16-17 febbraio il Colle don Bosco si tinge dell'allegria dei Savio Club

Secondo appuntamento per i Savio Club. Di seguito tutte le informazioni…

Pedalare insieme per costruire insieme - Bepi, Nane, Leo, Rino

"Pedalare insieme per costruire insieme" è sicuramente molto…

Festa di San Giovanni Bosco: verso il 31 gennaio!

Il calendario della festa di Don Bosco.

Natale 2018: gli orari delle Celebrazioni nelle Basiliche salesiane del Piemonte

Si pubblicano gli orari natalizi delle principali celebrazioni…

WeekEnd Savio Club - 10/11 Novembre 2018

Si è svolto nel week end del 10-11 Novembre 2018, presso il…

Appuntamento con "Mamma Margherita" al Colle don Bosco

La Famiglia Salesiana del Colle Don Bosco, l'Associazione Amici…

Marcia e Veglia dei Santi Colle Don Bosco - Variazione orario

Si comunica che la "Marcia e Veglia dei Santi per la famiglia…

Colle Don Bosco - Festa Over 70

Si è svolta il 24 ottobre 2018 presso il Colle Don Bosco, la…

10-11 Novembre: tornano gli appuntamenti del Savio Club a Colle Don Bosco

Riprendono gli appuntamenti del Savio Club, l'iniziativa rivolta…

E' in arrivo la “5° Marcia e Veglia dei Santi per le famiglie e per la pace”

Per il quinto anno consecutivo, i Salesiani Cooperatori di Castelnuovo…

2018 Campo 4 - Studio, lavoro e discernimento

L'appuntamento annuale del campo 4, che si è svolto dal 5 ottobre…

Incontro di verifica - Il Rettor Maggiore, con gli Ispettori, sui Luoghi Salesiani

La Redazione di ANS (Agenzia iNfo Salesiana) ha raccontato…

5-7 Ottobre 2018: è tempo di Campo 4!

Un forte momento di aggregazione e di confronto: l'autunnale…

Weekend MGS: 300 giovani "pellegrini sulla strada dei propri sogni"

Sono quasi 300 i ragazzi che, nel weekend del 15-16 settembre,…

Le gallerie fotografiche delle Professioni Perpetue 2018

Un fine settimana intenso per tutti coloro che sono accorsi,…

Giornata del Salesiano Cooperatore 2018

Come di consueto, si ricorda l'appuntamento annuale della Gionata…

16/09: Professioni Perpetue al Colle

Nella giornata di Domenica 16 settembre 2018, alle ore 15.00,…

15/16 settembre - Ritrovo Campisti MGS al Colle don Bosco

Riprendono le attività dei giovani del Movimento Giovanile Salesiano.

Non basterebbe "grazie": 40 Anni di Cnos-Fap Piemonte #MakeTheDifference

Nel teatro adiacente al tempio che sorge al Colle don Bosco…

3 settembre 1988: Papa Giovanni Paolo II al Colle Don Bosco

Si segnala la seguente notizia apparsa nella versione online…

7/09: riunione celebrativa del 40º Anniversario di fondazione del Cnos-Fap

40 anni di Cnos-Fap Venerdì 7 Settembre 2018 Colle…

203° compleanno di Don Bosco: il Rettor Maggiore festeggia al Colle

Sulle dolci colline astigiane i giorni di metà agosto non sono…

Maggio 2019 - II edizione della Scuola per Delegati Ispettoriali per la Pastorale Giovanile Salesiana

Si pubblica la notizia di ANS - Agenzia Info Salesiana - relativa…

Altern-Attiva-Mente: le proposte di Alternanza Scuola-Lavoro in Piemonte e Valle d'Aosta

La presenza Salesiana a Torino e la collaborazione con le altre…

Castelnuovo don Bosco, torna la “Giornata del pensionato”

Torna anche quest’anno la “Giornata Provinciale del Pensionato…

Lombriasco: tutti al Colle per la conclusione dell'anno scolastico

Sabato 9 giugno, come da tradizione, tutta la…

Oratori Estivi 2018

E' tutto pronto per la partenza delle attività che popoleranno…

Più pellegrini alla reliquia di Don Bosco

La redazione de "La Nuova Provincia" ha pubblicato l'intervista,…

Escursioni in collina, ripartono i tour sui 160 km del Cammino di Don Bosco

Si segnala la notizia di TorinoToday, a cura di Claudio Pizzigallo,…

Il pellegrinaggio del CFP di Bra a Colle don Bosco

Nell’ambito della proposta educativa del CFP del Cnos-Fap di…

Una Stella al Merito del Lavoro per il Consigliere Comunale L. Gianasso

Ecco la comunicazione da parte del primo cittadino castelnovese,…

Maggio al Colle con Maria Ausiliatrice: celebrazioni per il 100º Anniversario del Santuarietto

1918-2018: ricorre quest'anno il centenario dell'inaugurazione…

Estate con Don Bosco 2018 al Colle

La comunità salesiana del Colle don Bosco accoglie i Centri…

Per i ragazzi del Centro MSNA un Lunedì dell’angelo al Colle don Bosco

    Cinque dei ragazzi accolti dal Centro di…

Buon proseguimento nell'accompagnamento dei ragazzi!

Dopo l'esperienza degli esercizi spirituali per le medie al Colle…

Colle don Bosco: Settimana Santa 2018

Si avvicina la Settimana Santa, si segnalano qui di seguito gli…

Fare del Bene a Tutti (?) con il Weekend Savio Club 2018 al Colle

Appuntamento sotto la Galleria del Vento del Colle don Bosco…

Weekend di esercizi spirituali al Colle. Com'è andata?

Il 15 e 16 Febbraio 2o18 si sono tenuti, presso il Colle don…

24-25 Febbraio: Savio Club al Colle

L'appuntamento con i weekend Savio Club, l'iniziativa rivolta…

I Luoghi Salesiani: luoghi vivi per la Famiglia Salesiana e i giovani del mondo

La valorizzazione dei Luoghi Salesiani, quei luoghi cioè…

Gennaio Salesiano 2018: Festa di Don Bosco

Dopo le festività natalizie, fervono i preparativi per accogliere…

I Capitani reggenti di San Marino in visita a Castelnuovo e a Colle Don Bosco

Il Colle don Bosco ha vissuto una giornata di festa con la visita…

L'Arma dei Carabinieri realizza un quadro che ritrae la riconsegna della reliquia di Don Bosco

Virgo Fidelis: con questo nome la Vergine Maria è divenuta Patrona…

Giornata di FORMAZIONE per docenti  delle scuole ICP - il FUTURO è PASSATO qui

Sabato 11 Novembre 2017 il sig. Ispettore, don Enrico Stasi,…

Savio Club - la WebStory del primo weekend

Il 4 e 5 novembre si è tenuto al Colle don Bosco il WeekEnd…

In cucina con la scuola di Leopoli - Ucraina

Colle Don Bosco è la cornice di un incontro culinario, che diventa…

Al Colle, direttori riuniti per continuare il carisma salesiano oggi

Domenica 29 e Lunedì 30 Ottobre 2017 si è tenuto il periodico…

VideoStory Campo 4 - Per essere protagonisti del Sinodo

Il Campo 4, tenutosi al Colle don Bosco dal 29 settembre al 2…

Ritrovo Campisti al Colle - Inseguendo un sogno

Un breve video fotografico racconta il Ritrovo Campisti  che…

Professione Perpetua di Paolo Pollone - le foto

Una galleria di foto per rivivere l'evento della Professione…

La media di Valsalice a Colle don Bosco per l'avvio dell'anno scolastico

Come da tradizione, il primo sabato di ottobre la Scuola media…

4-5 Novembre: Tutti al Colle con il weekend Savio Club

Torna l'appuntamento con i weekend Savio Club, l'iniziativa rivolta…

31 Ottobre - IV Marcia "La notte dei Santi"

Nuovo appuntamento con la Notte dei Santi, giunta oramai alla…

Convegno: "Domenico Savio, un fanciullo santo nella campagna piemontese dell'Ottocento"

Si avvia verso le tappe finali il calendario delle Celebrazioni…

Canti in memoria di San Domenico Savio

E' ormai giunta l'ora dell'atteso Concerto del Coro Polifonico…

San Domenico Savio - "La stoffa di un Santo"

Il Comitato per gli Anniversari della nascita e della morte di…

16 -17 Settembre: Ritrovo Campisti Story

Sabato 16 e Domenica 17 Settembre: al via con le attività dei…

Benvenuto a don Grassi e omaggio a Domenico Savio in musica

Continuano gli appuntamenti in musica del Comitato per gli Anniversari…

Note per San Domenico Savio al Colle

Dopo la pausa estiva ed i festeggiamenti di Ferragosto in ricordo…

Dall'11 al 16 Agosto al Colle Don Bosco - Confronto del Movimento Giovanile Salesiano - SYM EUROPE

Dall'11 al 16 Agosto si terrà al Colle Don Bosco, la settimana…

16 Agosto 2017: ricollocazione reliquia insigne di San Giovanni Bosco al Colle don Bosco

La mattina del 16 agosto 2017 alle ore 10,30, in occasione del…

CS - 16 Agosto 2017: ricollocazione reliquia insigne di San Giovanni Bosco al Colle don Bosco

SALESIANI DI DON BOSCO   CIRCOSCRIZIONE MARIA AUSILIATRICE PIEMONTE…

Una giornata di fine scuola nella terra di San Giovanni Bosco

Prima della fine dell'anno scolastico, oltre 350 ragazze e ragazzi…

CS - Ritrovamento della reliquia di Don Bosco

SALESIANI DI DON BOSCO CIRCOSCRIZIONE MARIA AUSILIATRICE PIEMONTE…

Un giorno con don Bosco! Il Colle accoglie i Centri Estivi

Il Colle don Bosco offre l'opportunità di far vivere, ai ragazzi…

Al via le Celebrazioni di San Domenico Savio nella Terra dei Santi

​​Il ​Comitato per gli Anniversari della nascita e della…

Orario delle Messe a Colle don Bosco e Maria Ausiliatrice

Per vivere la liturgia "insieme con Don Bosco" si riporta il…

Savio Club - il FotoRacconto

Nel week end del 11 e 12 di febbraio, si è tenuto presso il…

Programma festa di don Bosco 2017

Appuntamenti per il "gennaio salesiano" e la festa di don Bosco…

Week end Gruppi Savio - PhotoStory

Una carrellata fotografica del recente week end dei gruppi Savio…

31/10 Marcia della Pace al Colle don Bosco

Anche quest'anno, nella notte dei Santi, si svolgerà la 3°…

Campo 4 animatori - il racconto e le foto

Da giovedì 29 settembre a domenica 2 ottobre i ragazzi che questa…

Week end MGS: la VideoStory

Il 10 ed 11 settembre il Movimento Giovanile Salesiano…

Fotogallery Giornata del Salesiano Cooperatore 2016

Nella giornata di domenica 16 al Colle don Bosco si sono radunati…

Il Campo 4: appuntamento al Colle don Bosco

Con la fine del mese di settembre arriva l’appuntamento del…

Fotogallery Professioni 2016

Colle don Bosco, 8 settembre 2016, Professioni temporanee.   Colle…

MGS DAY - 10 e 11 settembre week end al Colle Don Bosco

Il 10 ed 11 settembre il Movimento Giovanile Salesiano si ritrova…

Formazione Professionale Salesiana: inizia l'anno 2016/2017

“Sono contento di essere con voi ad iniziare il nuovo anno…

Inizio Anno della Formazione Professionale

Martedì 6 settembre tutti i collaboratori del CNOS-FAP Piemonte…

Servizio TGR Regione Piemonte – Colle don Bosco 16/08/2016

Il servizio del TGR Regione Piemonte andato in onda nella serata…

Professioni Perpetue al Colle Don Bosco - 11 Settembre 2016

Nella giornata di Domenica 11 Settembre, alle ore 15.00, presso…

Dati di contatto DPO

Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer) dell’Istituto Salesiano Bernardi Semeria


L’Istituto Salesiano Bernardi Semeria ha nominato un Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer).
I dati di contatto del Responsabile della Protezione dei Dati per gli interessati sono i seguenti:


Studio Legale Avv. Stefano Gallarato
Corso Rodolfo Montevecchio, 58 – 10129 Torino | tel. +39 011 5694318 – fax +39 011 5694319
web: www.avvocati.torino.it | mail: info@avvocati.torino.it | pec: stefano.gallarato@pec.avvocati.torino.it


Trasparenza amministrativa

Art. 1 comma 125 delle Legge 4 agosto 2017, n. 124


Con riferimento all’art. 1 comma 125 delle Legge 4 agosto 2017, n. 124, “Legge annuale per il mercato e la concorrenza”, le Informazioni relative a sovvenzioni, contributi, incarichi retribuiti, vantaggi economici ricevuti dalla Pubblica Amministrazione dall’Istituto Salesiano Bernardi Semeria nell’esercizio finanziario precedente sono disponibili cliccando sul bottone sottostante.


Si precisa che la presente informativa viene attuata in via puramente cautelativa e prudenziale tenuto conto delle oggettive difficoltà interpretative in merito alla applicabilità o meno della norma in questione agli Enti Ecclesiastici, che non assumono la forma giuridica né di associazioni, né di fondazioni, né di ONLUS, né di società commerciali tenute alla redazione di una nota integrativa al bilancio.


Vigliano Biellese

Vigliano Biellese

“San Giuseppe”




Istituto San Cassiano

Via Libertà, 13 – 13856 VIGLIANO BIELLESE (BI)


Centro di formazione professionale – Parrocchia San Giuseppe Operaio (Vigliano) – Oratorio Centro giovanile – Scuola dell’infanzia paritaria – Parrocchia San Cassiano (Biella)

Direttore

Don Genesio Tarasco

CENTRALINO

015 51 02 02

PAR. VIGLIANO

015 51 02 62

ORATORIO

015 81 22 054

PAR. BIELLA

015 26 878

CFP

015 81 29 207

FAX CFP

015 81 19 59


Stefano Ceffa ospite per Newsbiella

Stefano Ceffa, responsabile per la comunicazione del Cnos Fap…

CFP Vigliano Biellese: Tiemme Raccorderie incontra i giovani studenti Termoidraulici

Dialogo tra l'impresa e il Centro di Formazione Professionale…

CFP Vigliano Biellese: l'incontro con i genitori per l'inizio del percorso formativo

Buona sera a tutti. Noi siamo la scuola dei vostri figli. Sono…

Cnos-Fap Vigliano Biellese: tutto pronto per la ripresa dei corsi

Nella giornata di ieri, 8 settembre 2020, il quotidiano online…

Boom di iscrizioni ai corsi del Cnos-Fap di Vigliano Biellese

Le iscrizioni ai corsi del Cnos-Fap di Vigliano Biellese per…

Cnos-Fap Vigliano Biellese: "Posso iscrivermi ai vostri corsi?"

Ancora aperte le iscrizioni al Centro di Formazione Professionale…

CFP Vigliano Biellese: i neo qualificati

Il quotidiano online del biellese NewsBiella.it dedica un articolo…

CFP Vigliano: cinque corsi rivolti ai giovanissimi

Nella giornata di oggi, giovedì 18 giugno, l'Eco di Biella dedica…

CFP Vigliano Biellese: è tempo di scelte!

È tempo di buone scelte per i ragazzi e le ragazze che hanno…

Dati di contatto DPO

Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer) dell’Istituto San Cassiano


L’Istituto San Cassiano ha nominato un Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer).
I dati di contatto del Responsabile della Protezione dei Dati per gli interessati sono i seguenti:


Studio Legale Avv. Stefano Gallarato
Corso Rodolfo Montevecchio, 58 – 10129 Torino | tel. +39 011 5694318 – fax +39 011 5694319
web: www.avvocati.torino.it | mail: info@avvocati.torino.it | pec: stefano.gallarato@pec.avvocati.torino.it


Trasparenza amministrativa

Art. 1 comma 125 delle Legge 4 agosto 2017, n. 124


Con riferimento all’art. 1 comma 125 delle Legge 4 agosto 2017, n. 124, “Legge annuale per il mercato e la concorrenza”, le Informazioni relative a sovvenzioni, contributi, incarichi retribuiti, vantaggi economici ricevuti dalla Pubblica Amministrazione dall’Istituto San Cassiano nell’esercizio finanziario precedente sono disponibili cliccando sul bottone sottostante.


Si precisa che la presente informativa viene attuata in via puramente cautelativa e prudenziale tenuto conto delle oggettive difficoltà interpretative in merito alla applicabilità o meno della norma in questione agli Enti Ecclesiastici, che non assumono la forma giuridica né di associazioni, né di fondazioni, né di ONLUS, né di società commerciali tenute alla redazione di una nota integrativa al bilancio.


San Benigno Canavese

San Benigno Canavese

“San Benigno”





San Benigno Canavese (“Sanbe” per gli amici) è l’opera salesiana che da 140 anni ospita una varietà di attività a favore della gioventù locale e della zona, contribuendo a costruire una società più umana e cristiana in questo angolo di Canavese. Nata per intervento diretto del nostro Santo fondatore, che più volte soggiornò qui e convocò alcuni tra i primi Capitoli della Congregazione, negli anni ha visto l’evoluzione dell’offerta formativa di tipo professionale e scolastico, giungendo a intercettare quotidianamente più di 600 allievi nel CNOS-FAP e circa 200 nella Scuola Secondaria di Primo Grado. Anche nel tempo libero i ragazzi trovano nell’oratorio un punto di riferimento, in particolare per le attività estive.

Da alcuni anni la Parrocchia del paese è affidata ad un confratello, che insieme alla comunità salesiana scrive nuove pagine della storica dell’Abbazia di Fruttuaria, vero gioiello architettonico e cuore cristiano del nostro Comune, la cui origine risale agli inizi del secondo millennio.

Scuole Professionali Salesiane

Piazza Guglielmo da Volpiano, 2 – 10080 SAN BENIGNO CANAVESE (TO)


Scuola secondaria di primo grado paritaria – Centro di formazione professionale – Parrocchia – Oratorio Centro giovanile – Ospitalità singoli e gruppi giovanili – Cappellanie

Direttore

Don Riccardo Frigerio

INFO

011 98 24 311

ORATORIO

011 98 24 315

FAX

011 98 24 333


Inaugurazione nuovo ingresso e nuova sede SAL ai Salesiani di San Benigno

Nel pomeriggio di venerdì scorso, 26 giugno 2020, presso la…

CFP San Benigno: un "undicesimo" computer donato da un formatore

Per far fronte alla didattica a distanza, che ormai da mesi molte…

CFP San Benigno: formare a distanza? Non basta dirlo

Il settimanale canavesano Il Risveglio Popolare, nella giornata…

CFP San Benigno Canavese: 10 nuovi computer per gli allievi

Nella giornata di oggi, la Sentinella del Canavese dedica un…

Il CFP di San Benigno non rinuncia alla bella pratica del “Buongiorno” salesiano

Il Centro di Formazione Professionale di San Benigno Canavese…

CFP San Benigno: Giornata di studio su istruzione e formazione professionale

Il settimanale del Canavese Il Risveglio popolare dedica un articolo…

CFP San Benigno: Cerimonia consegna Attestati 2018/19

Si segnala, per martedì 18 febbraio 2020, la Cerimonia di consegna…

CNOS-FAP San Benigno: Open day, tempo di scelta, tempo di iscrizioni!

Venerdì 24 gennaio 2020, ultimo appuntamento di Open Day al…

CNOS-FAP San Benigno: servizio di sala per il pranzo di beneficenza di Intesa SanPaolo

Domenica 1° dicembre 2019, i ragazzi del corso di Sala-Bar del…

Dati di contatto DPO

Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer) delle Scuole Professionali Salesiane


Le Scuole Professionali Salesiane hanno nominato un Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer).
I dati di contatto del Responsabile della Protezione dei Dati per gli interessati sono i seguenti:


Studio Legale Avv. Stefano Gallarato
Corso Rodolfo Montevecchio, 58 – 10129 Torino | tel. +39 011 5694318 – fax +39 011 5694319
web: www.avvocati.torino.it | mail: info@avvocati.torino.it | pec: stefano.gallarato@pec.avvocati.torino.it


Trasparenza amministrativa

Art. 1 comma 125 delle Legge 4 agosto 2017, n. 124


Con riferimento all’art. 1 comma 125 delle Legge 4 agosto 2017, n. 124, “Legge annuale per il mercato e la concorrenza”, le Informazioni relative a sovvenzioni, contributi, incarichi retribuiti, vantaggi economici ricevuti dalla Pubblica Amministrazione dalle Scuole Professionali Salesiane nell’esercizio finanziario precedente sono disponibili cliccando sul bottone sottostante.


Si precisa che la presente informativa viene attuata in via puramente cautelativa e prudenziale tenuto conto delle oggettive difficoltà interpretative in merito alla applicabilità o meno della norma in questione agli Enti Ecclesiastici, che non assumono la forma giuridica né di associazioni, né di fondazioni, né di ONLUS, né di società commerciali tenute alla redazione di una nota integrativa al bilancio.


Novara

Novara

“San Lorenzo”




Istituto Salesiano San Lorenzo

Baluardo Lamarmora, 14 – 28100 NOVARA


Scuola secondaria di primo grado paritaria – Liceo scientifico paritario – Oratorio Centro giovanile – Santuario “Maria Ausiliatrice” – Ospitalità – Cappellanie

Direttore

Don Giorgio Degiorgi

SEGRETERIA

0321 66 86 41

SEGRETERIA AMMINISTRATIVA

0321 66 87 04

SANTUARIO

0321 66 87 30

ORATORIO

0321 66 87 50

FAX

0321 66 86 39


28 Novembre per il Liceo Scientifico San Lorenzo è tempo di OPEN DAY

Il liceo scientifico San Lorenzo aprirà virtualmente le sue…

Salesiani Novara: Il "Sì per sempre" di Antonio Carriero S.D.B.

Mercoledì 7 ottobre, presso l'Istituto San Lorenzo di Novara,…

Professione Religiosa Perpetua di Antonio Carriero S.D.B.

 I Salesiani del Piemonte, Valle d'Aosta e Lituania, uniti alla…

Salesiani Novara: 40 anni di missione in Papua Nuova Guinea - Don Valeriano Barbero

Domenica scorsa, 14 giugno 2020, la Comunità Salesiana di Novara…

“E… adesso vivi!”: disponibile online il sussidio di preghiera della Diocesi di Novara

Per il mese di giugno 2020, l’Ufficio per la pastorale giovanile…

#ESTATESALESIANI - Centro Estivo San Lorenzo di Novara

Tutto pronto al Centro Estivo del San Lorenzo "Estatesalesiani"…

Salesiani Novara: la prima puntata del Telefilm "Dr. Frankhouse" su La Stampa

Il quotidiano La Stampa di oggi, mercoledì 27 maggio, nella…

Salesiani Novara: "non rompere le scatole, distribuiscile"

In questi ultimi giorni di quarantena, gli studenti del quinto…

I miei primi canestri all’oratorio salesiano: Romeo Sacchetti

Il quotidiano La Stampa di oggi, martedì 12 maggio, dedica un…

Dati di contatto DPO

Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer) dell’Istituto Salesiano San Lorenzo


L’Istituto Salesiano San Lorenzo ha nominato un Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer).
I dati di contatto del Responsabile della Protezione dei Dati per gli interessati sono i seguenti:


Studio Legale Avv. Stefano Gallarato
Corso Rodolfo Montevecchio, 58 – 10129 Torino | tel. +39 011 5694318 – fax +39 011 5694319
web: www.avvocati.torino.it | mail: info@avvocati.torino.it | pec: stefano.gallarato@pec.avvocati.torino.it


Trasparenza amministrativa

Art. 1 comma 125 delle Legge 4 agosto 2017, n. 124


Con riferimento all’art. 1 comma 125 delle Legge 4 agosto 2017, n. 124, “Legge annuale per il mercato e la concorrenza”, le Informazioni relative a sovvenzioni, contributi, incarichi retribuiti, vantaggi economici ricevuti dalla Pubblica Amministrazione dall’Istituto Salesiano San Lorenzo nell’esercizio finanziario precedente sono disponibili cliccando sul bottone sottostante.


Si precisa che la presente informativa viene attuata in via puramente cautelativa e prudenziale tenuto conto delle oggettive difficoltà interpretative in merito alla applicabilità o meno della norma in questione agli Enti Ecclesiastici, che non assumono la forma giuridica né di associazioni, né di fondazioni, né di ONLUS, né di società commerciali tenute alla redazione di una nota integrativa al bilancio.


Chieri

Chieri

“San Luigi Gonzaga”




Istituto Salesiano San Luigi

Via Vittorio Emanuele II, 80 – 10023 CHIERI (TO)


Scuola secondaria di primo grado paritaria – Oratorio Centro giovanile – Chiesa pubblica – Luoghi storici salesiani – Accoglienza pellegrini e ospitalità per gruppi giovanili – Cappellanie

Direttore

Don Eligio Caprioglio

INFO & SEGRETERIA

011 947 21 85

FAX

011 941 12 67


Porte aperte alla scuola media del San Luigi

La scuola salesiana del San Luigi di Chieri presenta 3 giornate…

Animazione Vocazionale: L'esperienza dei GR Ado e Gr GxG

Concretezza di impegni, perseveranza nel cammino e freschezza…

Il Rettor Maggiore benedice la cappella della comunità salesiana di Chieri

Il 25 e il 26 gennaio 2020 il Rettor Maggiore Don Ángel Fernández…

Salesiani Novara: il ritiro spirituale del Liceo sui passi di Don Bosco

I ragazzi del Liceo dell'Istituto San Lorenzo dei Salesiani di…

CNOS-FAP Vercelli: visita a Chieri

Martedì 22 ottobre 2019 le classi seconde del Cnos-Fap di Vercelli…

Oratorio San Luigi di Chieri: "16 dici Don Bosco"

L'Oratorio salesiano San Luigi di Chieri invitare i  tutti ragazzi…

Oratorio Salesiano Sal Luigi Chieri: 2019 Photo Contest

Si segnala l'iniziativa promossa dall'Oratorio Salesiano San…

Chieri, oratorio San Luigi - Accoglienza dei senza tetto

Si pubblica l'articolo a cura di Enrico Bassignana (Corriere…

Dati di contatto DPO

Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer) dell’Istituto Salesiano Cristo Re


L’Istituto Salesiano Cristo Re ha nominato un Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer).
I dati di contatto del Responsabile della Protezione dei Dati per gli interessati sono i seguenti:


Studio Legale Avv. Stefano Gallarato
Corso Rodolfo Montevecchio, 58 – 10129 Torino | tel. +39 011 5694318 – fax +39 011 5694319
web: www.avvocati.torino.it | mail: info@avvocati.torino.it | pec: stefano.gallarato@pec.avvocati.torino.it


Trasparenza amministrativa

Art. 1 comma 125 delle Legge 4 agosto 2017, n. 124


Con riferimento all’art. 1 comma 125 delle Legge 4 agosto 2017, n. 124, “Legge annuale per il mercato e la concorrenza”, le Informazioni relative a sovvenzioni, contributi, incarichi retribuiti, vantaggi economici ricevuti dalla Pubblica Amministrazione dall’Istituto Salesiano Cristo Re nell’esercizio finanziario precedente sono disponibili cliccando sul bottone sottostante.


Si precisa che la presente informativa viene attuata in via puramente cautelativa e prudenziale tenuto conto delle oggettive difficoltà interpretative in merito alla applicabilità o meno della norma in questione agli Enti Ecclesiastici, che non assumono la forma giuridica né di associazioni, né di fondazioni, né di ONLUS, né di società commerciali tenute alla redazione di una nota integrativa al bilancio.


Pagine

L’accoglienza ai pellegrini: intervista a Don Rafael Gasol

L’accoglienza ai tanti pellegrini che si recano a Valdocco. Ecco di seguito l’intervista realizzata all’ombra dell’Ausiliatrice a don Rafael Gasol, Salesiano Responsabile dell’ospitalità presso Valdocco.

Tra gli argomenti trattati: l’impegno di far conoscere Don Bosco; l’accoglienza; la prima volta a Valdocco, l’emozione nel 2000; i 6 anni a Valdocco; l’incontro con i tanti pellegrini: cosa cercano e cosa si aspettano quando arrivano a Valdocco;  le nazionalità principali dei pellegrini; la formazione dei laici sul carisma di Don Bosco; il saluto e il ringraziamento dei pellegrini; il “sentirsi a casa”; i fedeli della città di Torino; l’invocazione di Domenico Savio; i volontari di Don Bosco; un messaggio di speranza.

L’Italia ricambia l’ospitalità di Panama

Ecco le notizie che ci arrivano direttamente da Panama dopo la Giornata Mondiale della Gioventù che si è svolta dal 22 al 27 gennaio 2019. Si pubblica un articolo di “Avvenire” che parla del “ricambio ospitalità” da parte degli studenti dell’Istituto Fermi, della città del Canale, dopo aver accolto nella loro scuola i pellegrini italiani alla Gmg stanno visitando il nostro Paese per un’esperienza di scambio e condivisione.

«Grazie a voi abbiamo trovato nuovi amici».

Buona lettura!

Hanno dato il benvenuto ai coetanei arrivati in Centro America per partecipare alla Gmg, li hanno guidati attraverso le bellezze della città, hanno cantato e giocato con loro. E ora 16 studenti dell’Istituto «Enrico Fermi» di Panama vengono accolti dal nostro Paese che ricambia così l’ospitalità ricevuta.

È una storia di amicizia che affonda le sue radici nel lontano fine Ottocento, quando ad emigrare erano gli italiani, e dopo essersi consolidata si è rinvigorita grazie all’esperienza della Gmg. Da tempo, infatti, i ragazzi che hanno terminato il penultimo anno senza insufficienze possono prendere parte allo scambio culturale con il Convitto Umberto I di Torino che comprende anche la visita di alcune delle principali città della Penisola.

Stavolta però il gemellaggio, che tocca il capoluogo piemontese, Venezia, Roma, Assisi, Firenze e Pisa, ha un qualcosa in più: i ragazzi panamensi ritrovano volti conosciuti durante il raduno mondiale e in particolar modo a «Casa Italia», ospitata proprio nella loro scuola, fondata negli anni ’60 da Stefano Cermelli e che oggi, con un migliaio di studenti di 30 nazionalità, è presidio di eccellenza formativa.

«Per gli alunni, lo scambio culturale è un’occasione irripetibile oltre che un incentivo a studiare», spiega Nino Cermelli, figlio del fondatore dell’Istituto Fermi, che, insieme all’insegnante di italiano Beatriz Beltran, accompagna il gruppo. «Quest’anno – sottolinea – si alimenta dell’amicizia con la comunità ecclesiale e con l’equipe del Servizio nazionale per la pastorale giovanile».

A dimostrazione del fatto che basta aprire le porte e le braccia per fare, ovunque, casa.

Stefania Careddu

Le Testimonianze dei ragazzi:

Ana Lucia

«Siamo stati felici di accompagnare i ragazzi italiani, offrire informazioni turistiche, guidarli per le vie della nostra città, dargli la mano». Così hanno potuto portare via con loro una piccola parte di Panama.

Ana Lucia Ureña sorride quando ripensa ai giovani incontrati nei giorni della Gmg, ai due ragazzi di Torino «che erano felici nonostante si fossero persi», a quelli conosciuti a Casa Italia che sembrava «fossero abituati a stare a Panama, anche se faceva caldissimo mentre ci raccontavano che a casa avevano lasciato freddo e neve». Perché l’accoglienza è una questione di porte aperte e di disponibilità, ma anche di voglia di fare un tratto di strada insieme e di condividere storie, nella consapevolezza che ci si arricchisce a vicenda.

«È come se tutte le persone fossero amiche ed era consolante uscire e trovare qualcuno che pur essendo di un Paese lontano in cui si parla un’altra lingua ti salutava con un hola in spagnolo, come se ti conoscesse», racconta la studentessa dell’Istituto Fermi, anche lei tra i volontari a Casa Italia. «È stata una bellissima esperienza, di scambio tra culture», spiega Ana Lucia che è rimasta impressionata dalla «felicità contagiosa che si vedeva in città» e dai «valori che i ragazzi hanno e riescono a comunicare, come ad esempio l’altruismo e la solidarietà».

«C’è stato però un momento che mi ha colpito tantissimo, cioè quando alcuni giovani hanno sollevato un loro amico in sedia a rotelle per permettergli di vedere Francesco che stava passando», confida Ana Lucia ricordando che «un fotografo ha immortalato l’attimo e quell’immagine è diventata il simbolo di Panama».
«Ciò che mi emoziona è che per fare quel gesto, i ragazzi non hanno potuto salutare il Papa che era lì, a pochissimi metri, ma erano felici lo stesso per il loro amico».

Stephanie Lammie

Nelle due settimane trascorse a Torino per lo scambio culturale con i coetanei del Convitto Umberto I, non ha potuto fare a meno di incontrare quella che chiama “la mia famiglia italiana”». Anche se ospitata in un’altra casa, infatti, Stephanie Lammie ha voluto riabbracciare la mamma, il papà e le due ragazze che hanno accolto sua sorella qualche anno fa e che poi hanno ricambiato la visita recandosi a Panama.

«Sono andata a trovarli e a cenare con loro», dice la studentessa dell’Istituto Fermi confermando la forza del legame che unisce i due Paesi grazie al gemellaggio annuale tra le scuole.

E che quest’anno si è ulteriormente consolidato con l’esperienza della Gmg. Durante il raduno mondiale, Stephanie ha fatto parte del gruppo dei volontari del Comitato organizzatore locale.

«Per alcuni giorni ho fatto servizio d’ordine nelle strade vicine al Canale di Panama che erano blindate per il passaggio del Papa e su cui noi dovevamo vigilare perché nessuno cercasse di oltrepassare le transenne. Poi sono stata in uno dei Punti di informazione per dare assistenza ai pellegrini e lì mi sono divertita molto», spiega la studentessa dell’Istituto Fermi che in entrambe le attività ha avuto modo di incontrare tantissime persone di diverse culture e di sperimentare la bellezza della condivisione.

«Ho impressa una bambina con sindrome di Down che voleva vedere Francesco perché sperava che potesse guarirla, ma sono rimasta colpita da una donna adulta, mamma di due pellegrine, che piangeva e pregava», racconta Stephanie che tra gli italiani a cui ha dato una mano ricorda bene un gruppo che, «alla Messa di apertura, non riusciva più a trovare il suo settore perché, per vedere il Papa, tutti i pellegrini si erano mossi spostandosi dai posti assegnati».

Mariana Lopez

Inolvidable», cioè «indimenticabile».

Usa questo aggettivo Mariana Lopez per definire l’esperienza della Gmg, in cui

«abbiamo potuto vedere il Papa, conoscere tanta gente, cantare e ballare per la strada».

Anche lei è stata una delle volontarie di Casa Italia, avendo scelto di dedicare un po’ delle sue vacanze estive ai giovani provenienti dalle nostre diocesi. Ha infatti assistito i pellegrini rispondendo alle domande, dando loro informazioni, ma anche entrando in empatia con i tanti gruppi che passavano per il quartier generale azzurro.

«Mi sentivo male per loro perché dovevano camminare tanto», confida Mariana che ora sperimenta la bellezza dell’accoglienza qui in Italia, in occasione dello scambio culturale a cui partecipa con alcuni compagni. «Torino è una città molto bella con monumenti e luoghi splendidi come la reggia di Venaria, il Museo Egizio, la Mole Antonelliana, ma pure Venezia con i suoi canali e le vie strette lo è», dice senza esitazione la studentessa, felice di poter essere ora a Roma.

Poi, sorridendo, aggiunge: «Dell’Italia mi piacciono molto anche il gelato, che è diverso da quello che mangiamo a Panama, la pizza, gli gnocchi e gli agnolotti».

Eduardo Stanziola

Una partita a basket o a calcio ed è subito gruppo, squadra, amicizia, perché

«l’obiettivo non è vincere, ma stare insieme e divertirsi».

Per Eduardo Stanziola, 17 anni, è questa l’immagine che meglio di altre restituisce il senso dell’accoglienza e sintetizza cosa è accaduto durante la Gmg, in particolare con i pellegrini che facevano tappa a Casa Italia. A dimostrazione del fatto che l’ospitalità è un gioco da ragazzi, nel significato più vero e profondo dell’espressione.

«Per me è stata un’esperienza totalmente nuova: è stato bello incontrare tanti ragazzi simpatici e amichevoli», confida Eduardo che insieme ad altri studenti dell’Istituto Fermi ha prestato servizio come volontario nella sua scuola trasformata per l’occasione in quartier generale della spedizione azzurra.

«Il compito principale è stato quello di dare informazioni, specialmente sulla città e sul quartiere dove erano concentrati i gruppi di italiani», spiega Eduardo che è rimasto molto colpito dal clima di festa che si respirava a Casa Italia e per le vie di Panama.

«C’era ovunque una sensazione di felicità: tutti ci salutavamo, anche per la strada, come se ci conoscessimo da sempre», sorride il ragazzo panamense i cui occhi brillano ancora quando racconta di aver visto papa Francesco passare a pochi metri di distanza, dopo averlo atteso per tre ore, sotto il sole.

Sofia Melamede

Grazie allo scambio culturale tra l’Istituto Fermi di Panama e il Convitto Umberto I di Torino, Sofia Melamede sta sperimentando nel nostro Paese l’ospitalità, la stessa che con la sua famiglia ha offerto durante la Gmg quando ha aperto le porte della sua casa a due ragazze del Guatemala.

«All’inizio è stato strano, ma da subito ci siamo trovate bene. Erano sempre sorridenti e mi hanno trasmesso tanta energia e felicità: sono diventate persone di famiglia», spiega Sofia che è rimasta in contatto con le due nuove amiche e ha raccontato loro del gemellaggio e del viaggio in Italia.

«Una – racconta – è catechista e l’altra è molto devota a Don Bosco: in loro ho visto una fede immensa e questo mi ha fatto capire che chi è venuto in Centro America lo ha fatto per ascoltare le parole di Francesco e comunicarle poi al proprio Paese».

Per la studentessa panamense, «è stato bellissimo ed emozionante vedere gente di tutto il mondo, giovani che cantavano la stessa canzone, ognuno nella propria lingua, e che erano a Panama perché credevano nello stesso Dio e avevano la stessa fede».

Segno che «la religione è universale» e unisce popoli e culture, in un unico abbraccio.

 

Torino – Valdocco M.A.

Torino – Valdocco

“Maria Ausiliatrice” – Casa Madre




Comunità Maria Ausiliatrice

Via Maria Ausiliatrice, 32 – 10152 TORINO


Santuario Basilica Maria Ausiliatrice – Luoghi Storici Salesiani – Centro Mariano Salesiano – ADMA Primaria – Centro Salesiano Documentazione Mariana– Ricordi Religiosi – Procura Missionaria – Ospitalità

Direttore

Don Guido Errico

INFO

011 52 24 822

OSPITALITA’

011 52 24 639

PRENOTAZIONI

011 52 24 223

RICORDI REL.

011 52 24 244

ADMA

011 52 24 216

FAX CASA

011 52 24 690

FAX BASILICA

011 52 24 262


Online il sito di e-commerce della libreria di Valdocco

Da oggi attivo il negozio online della libreria del cortile di…

Preghiera in diretta per l'anniversario della morte di Mamma Margherita

Nell’anniversario della morte di Mamma Margherita, i centri…

Casa don Bosco resta aperta on line come museo virtuale

Si riporta la notizia pubblicata dall'Avvenire sull'iniziativa…

Casa don Bosco resta aperta on line come museo virtuale

Pubblichiamo l'articolo di Marina Lomunno, uscito su Avvenire,…

15 novembre è MGS Day: nel cuore del mondo!

Il tradizionale appuntamento dell'MGS Day, che raduna più di…

Evento di apertura del progetto Labs To Learn

AGS per il Territorio, insieme con gli enti partner inaugura…

Adorazione permanente nella Cappella Pinardi di Valdocco

Il 24 ottobre scorso, commemorazione di Maria Ausiliatrice, è…

Ritiro trimestrale ispettoriale per i confratelli

Per sabato 21 novembre 2020 è previsto il ritiro trimestrale…

Il primo incontro di "E se la fede avesse ragione" 2020/2021: LA SUPERBIA

Nella serata di ieri, giovedì 15 ottobre, è ripreso il cammino…

Dati di contatto DPO

Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer) dell’Oratorio Salesiano San Francesco di Sales


L’Oratorio Salesiano San Francesco di Sales ha nominato un Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer).
I dati di contatto del Responsabile della Protezione dei Dati per gli interessati sono i seguenti:


Studio Legale Avv. Stefano Gallarato
Corso Rodolfo Montevecchio, 58 – 10129 Torino | tel. +39 011 5694318 – fax +39 011 5694319
web: www.avvocati.torino.it | mail: info@avvocati.torino.it | pec: stefano.gallarato@pec.avvocati.torino.it

L’accoglienza ai pellegrini: intervista a Don Rafael Gasol

L’accoglienza ai tanti pellegrini che si recano a Valdocco. Ecco di seguito l’intervista realizzata all’ombra dell’Ausiliatrice a don Rafael Gasol, Salesiano Responsabile dell’ospitalità presso Valdocco.

Tra gli argomenti trattati: l’impegno di far conoscere Don Bosco; l’accoglienza; la prima volta a Valdocco, l’emozione nel 2000; i 6 anni a Valdocco; l’incontro con i tanti pellegrini: cosa cercano e cosa si aspettano quando arrivano a Valdocco;  le nazionalità principali dei pellegrini; la formazione dei laici sul carisma di Don Bosco; il saluto e il ringraziamento dei pellegrini; il “sentirsi a casa”; i fedeli della città di Torino; l’invocazione di Domenico Savio; i volontari di Don Bosco; un messaggio di speranza.

L’Italia ricambia l’ospitalità di Panama

Ecco le notizie che ci arrivano direttamente da Panama dopo la Giornata Mondiale della Gioventù che si è svolta dal 22 al 27 gennaio 2019. Si pubblica un articolo di “Avvenire” che parla del “ricambio ospitalità” da parte degli studenti dell’Istituto Fermi, della città del Canale, dopo aver accolto nella loro scuola i pellegrini italiani alla Gmg stanno visitando il nostro Paese per un’esperienza di scambio e condivisione.

«Grazie a voi abbiamo trovato nuovi amici».

Buona lettura!

Hanno dato il benvenuto ai coetanei arrivati in Centro America per partecipare alla Gmg, li hanno guidati attraverso le bellezze della città, hanno cantato e giocato con loro. E ora 16 studenti dell’Istituto «Enrico Fermi» di Panama vengono accolti dal nostro Paese che ricambia così l’ospitalità ricevuta.

È una storia di amicizia che affonda le sue radici nel lontano fine Ottocento, quando ad emigrare erano gli italiani, e dopo essersi consolidata si è rinvigorita grazie all’esperienza della Gmg. Da tempo, infatti, i ragazzi che hanno terminato il penultimo anno senza insufficienze possono prendere parte allo scambio culturale con il Convitto Umberto I di Torino che comprende anche la visita di alcune delle principali città della Penisola.

Stavolta però il gemellaggio, che tocca il capoluogo piemontese, Venezia, Roma, Assisi, Firenze e Pisa, ha un qualcosa in più: i ragazzi panamensi ritrovano volti conosciuti durante il raduno mondiale e in particolar modo a «Casa Italia», ospitata proprio nella loro scuola, fondata negli anni ’60 da Stefano Cermelli e che oggi, con un migliaio di studenti di 30 nazionalità, è presidio di eccellenza formativa.

«Per gli alunni, lo scambio culturale è un’occasione irripetibile oltre che un incentivo a studiare», spiega Nino Cermelli, figlio del fondatore dell’Istituto Fermi, che, insieme all’insegnante di italiano Beatriz Beltran, accompagna il gruppo. «Quest’anno – sottolinea – si alimenta dell’amicizia con la comunità ecclesiale e con l’equipe del Servizio nazionale per la pastorale giovanile».

A dimostrazione del fatto che basta aprire le porte e le braccia per fare, ovunque, casa.

Stefania Careddu

Le Testimonianze dei ragazzi:

Ana Lucia

«Siamo stati felici di accompagnare i ragazzi italiani, offrire informazioni turistiche, guidarli per le vie della nostra città, dargli la mano». Così hanno potuto portare via con loro una piccola parte di Panama.

Ana Lucia Ureña sorride quando ripensa ai giovani incontrati nei giorni della Gmg, ai due ragazzi di Torino «che erano felici nonostante si fossero persi», a quelli conosciuti a Casa Italia che sembrava «fossero abituati a stare a Panama, anche se faceva caldissimo mentre ci raccontavano che a casa avevano lasciato freddo e neve». Perché l’accoglienza è una questione di porte aperte e di disponibilità, ma anche di voglia di fare un tratto di strada insieme e di condividere storie, nella consapevolezza che ci si arricchisce a vicenda.

«È come se tutte le persone fossero amiche ed era consolante uscire e trovare qualcuno che pur essendo di un Paese lontano in cui si parla un’altra lingua ti salutava con un hola in spagnolo, come se ti conoscesse», racconta la studentessa dell’Istituto Fermi, anche lei tra i volontari a Casa Italia. «È stata una bellissima esperienza, di scambio tra culture», spiega Ana Lucia che è rimasta impressionata dalla «felicità contagiosa che si vedeva in città» e dai «valori che i ragazzi hanno e riescono a comunicare, come ad esempio l’altruismo e la solidarietà».

«C’è stato però un momento che mi ha colpito tantissimo, cioè quando alcuni giovani hanno sollevato un loro amico in sedia a rotelle per permettergli di vedere Francesco che stava passando», confida Ana Lucia ricordando che «un fotografo ha immortalato l’attimo e quell’immagine è diventata il simbolo di Panama».
«Ciò che mi emoziona è che per fare quel gesto, i ragazzi non hanno potuto salutare il Papa che era lì, a pochissimi metri, ma erano felici lo stesso per il loro amico».

Stephanie Lammie

Nelle due settimane trascorse a Torino per lo scambio culturale con i coetanei del Convitto Umberto I, non ha potuto fare a meno di incontrare quella che chiama “la mia famiglia italiana”». Anche se ospitata in un’altra casa, infatti, Stephanie Lammie ha voluto riabbracciare la mamma, il papà e le due ragazze che hanno accolto sua sorella qualche anno fa e che poi hanno ricambiato la visita recandosi a Panama.

«Sono andata a trovarli e a cenare con loro», dice la studentessa dell’Istituto Fermi confermando la forza del legame che unisce i due Paesi grazie al gemellaggio annuale tra le scuole.

E che quest’anno si è ulteriormente consolidato con l’esperienza della Gmg. Durante il raduno mondiale, Stephanie ha fatto parte del gruppo dei volontari del Comitato organizzatore locale.

«Per alcuni giorni ho fatto servizio d’ordine nelle strade vicine al Canale di Panama che erano blindate per il passaggio del Papa e su cui noi dovevamo vigilare perché nessuno cercasse di oltrepassare le transenne. Poi sono stata in uno dei Punti di informazione per dare assistenza ai pellegrini e lì mi sono divertita molto», spiega la studentessa dell’Istituto Fermi che in entrambe le attività ha avuto modo di incontrare tantissime persone di diverse culture e di sperimentare la bellezza della condivisione.

«Ho impressa una bambina con sindrome di Down che voleva vedere Francesco perché sperava che potesse guarirla, ma sono rimasta colpita da una donna adulta, mamma di due pellegrine, che piangeva e pregava», racconta Stephanie che tra gli italiani a cui ha dato una mano ricorda bene un gruppo che, «alla Messa di apertura, non riusciva più a trovare il suo settore perché, per vedere il Papa, tutti i pellegrini si erano mossi spostandosi dai posti assegnati».

Mariana Lopez

Inolvidable», cioè «indimenticabile».

Usa questo aggettivo Mariana Lopez per definire l’esperienza della Gmg, in cui

«abbiamo potuto vedere il Papa, conoscere tanta gente, cantare e ballare per la strada».

Anche lei è stata una delle volontarie di Casa Italia, avendo scelto di dedicare un po’ delle sue vacanze estive ai giovani provenienti dalle nostre diocesi. Ha infatti assistito i pellegrini rispondendo alle domande, dando loro informazioni, ma anche entrando in empatia con i tanti gruppi che passavano per il quartier generale azzurro.

«Mi sentivo male per loro perché dovevano camminare tanto», confida Mariana che ora sperimenta la bellezza dell’accoglienza qui in Italia, in occasione dello scambio culturale a cui partecipa con alcuni compagni. «Torino è una città molto bella con monumenti e luoghi splendidi come la reggia di Venaria, il Museo Egizio, la Mole Antonelliana, ma pure Venezia con i suoi canali e le vie strette lo è», dice senza esitazione la studentessa, felice di poter essere ora a Roma.

Poi, sorridendo, aggiunge: «Dell’Italia mi piacciono molto anche il gelato, che è diverso da quello che mangiamo a Panama, la pizza, gli gnocchi e gli agnolotti».

Eduardo Stanziola

Una partita a basket o a calcio ed è subito gruppo, squadra, amicizia, perché

«l’obiettivo non è vincere, ma stare insieme e divertirsi».

Per Eduardo Stanziola, 17 anni, è questa l’immagine che meglio di altre restituisce il senso dell’accoglienza e sintetizza cosa è accaduto durante la Gmg, in particolare con i pellegrini che facevano tappa a Casa Italia. A dimostrazione del fatto che l’ospitalità è un gioco da ragazzi, nel significato più vero e profondo dell’espressione.

«Per me è stata un’esperienza totalmente nuova: è stato bello incontrare tanti ragazzi simpatici e amichevoli», confida Eduardo che insieme ad altri studenti dell’Istituto Fermi ha prestato servizio come volontario nella sua scuola trasformata per l’occasione in quartier generale della spedizione azzurra.

«Il compito principale è stato quello di dare informazioni, specialmente sulla città e sul quartiere dove erano concentrati i gruppi di italiani», spiega Eduardo che è rimasto molto colpito dal clima di festa che si respirava a Casa Italia e per le vie di Panama.

«C’era ovunque una sensazione di felicità: tutti ci salutavamo, anche per la strada, come se ci conoscessimo da sempre», sorride il ragazzo panamense i cui occhi brillano ancora quando racconta di aver visto papa Francesco passare a pochi metri di distanza, dopo averlo atteso per tre ore, sotto il sole.

Sofia Melamede

Grazie allo scambio culturale tra l’Istituto Fermi di Panama e il Convitto Umberto I di Torino, Sofia Melamede sta sperimentando nel nostro Paese l’ospitalità, la stessa che con la sua famiglia ha offerto durante la Gmg quando ha aperto le porte della sua casa a due ragazze del Guatemala.

«All’inizio è stato strano, ma da subito ci siamo trovate bene. Erano sempre sorridenti e mi hanno trasmesso tanta energia e felicità: sono diventate persone di famiglia», spiega Sofia che è rimasta in contatto con le due nuove amiche e ha raccontato loro del gemellaggio e del viaggio in Italia.

«Una – racconta – è catechista e l’altra è molto devota a Don Bosco: in loro ho visto una fede immensa e questo mi ha fatto capire che chi è venuto in Centro America lo ha fatto per ascoltare le parole di Francesco e comunicarle poi al proprio Paese».

Per la studentessa panamense, «è stato bellissimo ed emozionante vedere gente di tutto il mondo, giovani che cantavano la stessa canzone, ognuno nella propria lingua, e che erano a Panama perché credevano nello stesso Dio e avevano la stessa fede».

Segno che «la religione è universale» e unisce popoli e culture, in un unico abbraccio.

 

Torino – Valdocco M.A.

Torino – Valdocco

“Maria Ausiliatrice” – Casa Madre




Comunità Maria Ausiliatrice

Via Maria Ausiliatrice, 32 – 10152 TORINO


Santuario Basilica Maria Ausiliatrice – Luoghi Storici Salesiani – Centro Mariano Salesiano – ADMA Primaria – Centro Salesiano Documentazione Mariana– Ricordi Religiosi – Procura Missionaria – Ospitalità

Direttore

Don Guido Errico

INFO

011 52 24 822

OSPITALITA’

011 52 24 639

PRENOTAZIONI

011 52 24 223

RICORDI REL.

011 52 24 244

ADMA

011 52 24 216

FAX CASA

011 52 24 690

FAX BASILICA

011 52 24 262


Online il sito di e-commerce della libreria di Valdocco

Da oggi attivo il negozio online della libreria del cortile di…

Preghiera in diretta per l'anniversario della morte di Mamma Margherita

Nell’anniversario della morte di Mamma Margherita, i centri…

Casa don Bosco resta aperta on line come museo virtuale

Si riporta la notizia pubblicata dall'Avvenire sull'iniziativa…

Casa don Bosco resta aperta on line come museo virtuale

Pubblichiamo l'articolo di Marina Lomunno, uscito su Avvenire,…

15 novembre è MGS Day: nel cuore del mondo!

Il tradizionale appuntamento dell'MGS Day, che raduna più di…

Evento di apertura del progetto Labs To Learn

AGS per il Territorio, insieme con gli enti partner inaugura…

Adorazione permanente nella Cappella Pinardi di Valdocco

Il 24 ottobre scorso, commemorazione di Maria Ausiliatrice, è…

Ritiro trimestrale ispettoriale per i confratelli

Per sabato 21 novembre 2020 è previsto il ritiro trimestrale…

Il primo incontro di "E se la fede avesse ragione" 2020/2021: LA SUPERBIA

Nella serata di ieri, giovedì 15 ottobre, è ripreso il cammino…

Dati di contatto DPO

Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer) dell’Oratorio Salesiano San Francesco di Sales


L’Oratorio Salesiano San Francesco di Sales ha nominato un Responsabile della Protezione dei Dati (Data Protection Officer).
I dati di contatto del Responsabile della Protezione dei Dati per gli interessati sono i seguenti:


Studio Legale Avv. Stefano Gallarato
Corso Rodolfo Montevecchio, 58 – 10129 Torino | tel. +39 011 5694318 – fax +39 011 5694319
web: www.avvocati.torino.it | mail: info@avvocati.torino.it | pec: stefano.gallarato@pec.avvocati.torino.it

Castelnuovo Don Bosco

Castelnuovo Don Bosco

“Colle Don Bosco – Maria Ausiliatrice”


Diocesi di Torino

Istituto Salesiano Bernardi Semeria

Frazione Morialdo, 30 – 14022 CASTELNUOVO DON BOSCO (AT)


Parrocchia S. Andrea Apostolo

Via Dei Rivalba, 10 – 14022 CASTELNUOVO DON BOSCO (AT)


Parrocchia – Basilica di San Giovanni Bosco e Luoghi storici salesiani – Centro di formazione professionale – Chiesa pubblica – Oratorio Centro giovanile – Cappellanie – Ospitalità Salesiani, Laici e Gruppi Giovanili – Cenacolo Eucaristico Mariano – Museo Missionario e della Civiltà Contadina dell’800 – Casa del Ragazzo Santo a Morialdo e Mondonio

Direttore

Don Enrico Ponte

INFO

011 98 77 111

ACCOGLIENZA

011 98 77 162

NEGOZIO

011 98 77 163

ORATORIO

011 09 80 403

PARROCCHIA

011 09 80 403

NAZARENI

011 98 77 164

FAX ISTITUTO

011 98 77 236


Oratorio Michele Rua: pellegrinaggio al Colle Don Bosco

L'Oratorio Michele Rua ha iniziato il cammino dell’anno pastorale…

Exallievi Colle Don Bosco: dopo 40 anni alla croce della Rocca di San Bernolfo

Gli exallievi del Colle Don Bosco alla croce della Rocca di San…

Assemblea MGS al Colle Don Bosco: gli interventi di Johnny Dotti e Mauro Magatti

Sabato 19 settembre scorso, presso il Colle Don Bosco, si è…

Interviste "nel cuore del mondo"- Ritrovo MGS al Colle don Bosco

In occasione del ritrovo MGS che si è tenuto il 12 settembre…

9 nuovi salesiani: le professioni religiose al Colle Don Bosco

Nella giornata di ieri, martedì 8 settembre, si sono tenute…

Prime Professioni Religiose - Colle Don Bosco 8 settembre 2020

Riconoscenti al Padre, la Società di San Francesco di Sales…

Messa in diretta per il 205° compleanno di Don Bosco

Il 16 agosto è sempre un giorno di festa speciale per la Famiglia…

Dal 17 al 20 settembre è tempo di ... Campo 4

Dal 17 al 20 settembre la Pastorale Giovanile propone il tradizionale…